Non esistono politici buoni, esiste forse la buona politica

Non so cosa deciderà il buon Sergio Mattarella.
Tenteranno forse di fare un governo di legislatura, un governo di scopo, un governo di qualcosa.

Per ora accontentiamoci di non avere più Matteo Salvini al governo.
Salvini è pericoloso per tutta una serie di motivi che non vi sto ora ad elencare, ma Salvini è anche un politico molto scarso (come ha ricordato Il Post ieri in un editoriale di quelli che vengono pubblicati una volta ogni tanto e per questo ancora più significativo).
Ha forzato la mano, probabilmente anche mal consigliato, ed è forse rimasto con un pugno di mosche in mano.
Perché la democrazia, per fortuna, ha le sue regole e semplicemente non puoi decidere di andare a votare quando lo vuoi te solo perché hai vinto le ultime elezioni europee (neanche le politiche nazionali, per altro).

L’altro giorno ero in viaggio ed ho potuto ascoltare la parte più significativa del dibattito in Senato.
Vorrei ribadire alcune cose.

  • La presa di distanza di Conte è tardiva e nemmeno molto credibile, perché se Salvini non l’avesse sfiduciato, avrebbe continuato ad avallare tutte le schifezze che ha avallato in questi 14 mesi. E’ stato un presidente che si è fatto portare a giro dai suoi due vice, senza mettere mai niente di suo nell’azione politica. Se davvero riteneva Salvini pericoloso, prendiamo atto che ha fatto finta di niente finché Salvini stesso non l’ha sfiduciato, lasciando evidentemente che il Ministro dell’Interno continuasse ad essere pericoloso per il paese.
  • Salvini è un politico scarso ed anche un oratore pessimo; non so chi gli scriva i discorsi, forse lo stesso che gli gestisce i social, ma il discorso al Senato non aveva né capo e né coda. Era evidentemente rivolto ai telespettatori, non al Presidente ed ai Senatori, e anche questo ci fa capire il suo infimo livello come politico.
  • Parentesi. Il team che gestisce i social di Salvini è guidato da Luca Morisi, che è questo qui:


    Mi sembra basti questo tweet per capire di chi stiamo parlando.

  • Matteo Renzi ha fatto un bel discorso, ma ho un appunto da fare ed è questo: se critichi Salvini per i suoi continui riferimenti religiosi, citare il Vangelo per evidenziare la sua mancanza di carità, forse non è propriamente una buona idea. La citazione ci stava ed in quel momento funzionava bene, ma andava evitata.
  • Il PD ha evidentemente fallito la sua azione politica e dover oggi scendere a patti con i grillini ne è la dimostrazione. Sei un partito di minoranza e devi turarti mille volte il naso per cercare di governare questo paese. Quindi non facciamo i bulli, che non è proprio il caso.
  • Se l’alleanza con i grillini è necessaria, che si faccia. Ma io non mi dimentico come ci avete chiamato in questi anni, la merda ed il disprezzo che ci avete buttato addosso. Siete un partito di raccattati, se sosterremo lo stesso governo, questo non cancella niente. Se il PD ha fallito, voi avete fallito 2 volte, visto la quantità di parlamentari che avete ottenuto alle ultime elezioni.

Detto questo, fra poco Mattarella ci dirà cosa vuole fare ed in qualche modo ne usciremo.
E magari questo post sarà già nato vecchio.

Mi servirà per ricordarmi, ancora una volta, che contano le azioni che le persone fanno, non conta l’immagine che le persone si danno.
Conta la politica, non i politici.

Luca

Foto (AP Photo/Gregorio Borgia)

Che ci frega a noi della sentenza della Corte Costituzionale?

Ce ne dovrebbe fregare.
Soprattutto a chi vorrebbe veder fare un passetto in avanti a questo paese.

Lo spiega bene Christian Rocca.

La decisione della Corte Costituzionale di rottamare la legge elettorale e di tornare, di fatto, al proporzionale puro della prima Repubblica è una catastrofe. Una catastrofe. Altro che i declassamenti delle agenzie di rating. Se il Parlamento non cambierà subito il metodo di elezione di deputati e senatori l’Italia diventerà ingovernabile (sì, molto più di adesso). Ma è difficile, anzi improbabile, una modifica. Il proporzionale dell’ingovernabilità conviene a moltissimi: a Grillo, ad Alfano, a Berlusconi, a Casini, a Vendola e al governo Letta. Conviene a chi sa che non potrà vincere le elezioni, ai conservatori di destra e di sinistra, ai tiratori a campare. Avevamo una sola speranza per provare a salvare l’Italia: la leva del voto anticipato in mano a Renzi per costringere nelle prossime settimane il governo a fare subito le riforme. Era una congiunzione astrale irripetibile: o le riforme o il voto anticipato (e probabile governo Renzi). Era un win-win per l’Italia.
Ora Renzi non c’è l’ha più quella leva: l’unico che non può andare al voto con il proporzionale è proprio lui, perché non potrà più vincere (non potrà vincere nessuno) e il suo impatto innovativo sulla politica Italiana si è immediatamente attenuato. Dove non sono riusciti gli ex comunisti, a fermare la spinta modernizzatrice di Renzi, sono invece riusciti i giudici costituzionali (e chissà se ha avuto un ruolo il dottor Sottile Giuliano Amato in questa sentenza politica). Fossi un investitore non sarei ottimista sul futuro del paese. L’unica speranza è che Renzi si inventi qualcosa, non so cosa. Oppure che Enrico Letta rilanci e diventi lui il motore del cambiamento.

Luca

Decadenza

Credo che ci sia poco da gioire per la decadenza di Berlusconi.
Siamo ormai arrivati oltre il tempo massimo, non riuscendo nemmeno a batterlo alle ultime elezioni.

Mi ha molto colpito che abbia deciso di non parlare al Senato un’ultima volta, ma abbia scelto il comizietto di piazza.
L’ennesima dimostrazione di come, l’uomo che ci ha inchiodato per 20 anni, poco consideri le istituzioni di cui egli è stato alto rappresentante.

Per il resto, ripeto, c’è poco da gioire.
I danni ormai sono permanenti.
E gli effetti collaterali occupano una buona parte delle poltrone in parlamento.

Luca

Foto | SkyTg24

Frase del giorno

Francesco Costa su Vito Crimi ed il M5S al Senato.

In realtà quella di sabato è stata l’unica decisione presa in due giorni interi, altro che tempi rapidissimi, ed era relativamente facile: un ballottaggio tra due persone, o l’una o l’altra, o Grasso o Schifani. Hanno avuto persino il tempo per indire una riunione e discuterne per due ore. È stata probabilmente una delle decisioni più semplici tra quelle che i senatori del Movimento 5 Stelle dovranno prendere in questa legislatura. Nei prossimi mesi arriveranno cose tipo gli emendamenti alla legge di stabilità. Benvenuti.

Luca