Ancora su Federico

AldroTempo fa ho raccontato la storia di Federico Aldrovandi.
O meglio, vi ho parlato del blog che la sua mamma ha aperto per cercare di parlare del suo caso.

Patrizia, così si chiama la mamma di Federico.
E’ una donna con una grande dignità.
Vorrebbe soltanto sapere come è morto suo figlio.
E vorrebbe sapere perché una persona che muore per un malore viene ritrovata ammanettata, prona, con il volto rivolto a terra e piena di ecchimosi.
Forse vorrebbe che qualcuno la aiutasse a comprendere le parole del Ministro Giovanardi durante un question time alla camera:

Durante la colluttazione gli agenti hanno dovuto usare lo sfollagente sia per parare i calci che il giovane continuava a tirare, sia per sbilanciarlo. Due sfollagente si sono rotti in corrispondenza dell’impugnatura. Il Procuratore della Repubblica ha ritenuto opportuno, anche per la richiesta di verità avanzata sulla stampa dai familiari, di riferire le anticipazioni fornitegli dai consulenti che avevano escluso alcun rapporto di causalità tra i traumi subiti dal giovane e la morte.

La determinazione di Patrizia è tale, da portarla a pubblicare nel suo blog la foto del figlio sul carrello dell’obitorio.
E quella non è la foto di una persona morta di infarto.
Qualcosa deve pur essere successo quella mattina del 25 Settembre!
Magari Federico è veramente morto di infarto, ma perché è stato ridotto in quello stato?

Intanto gli amici di Aldro (cosi chiamavano Federico) hanno fondato un comitato.
Nel loro sito trovate anche due filmati con i quali hanno cercato di ricostruire la fine di Aldro.

Spero di sapere anch’io in che modo è morto Federico.
E spero che chi eventualmente avesse avuto responsabilità nella sua morte sia portato davanti alla giustizia.
Come avviene in ogni stato di diritto.

Luca

21 thoughts on “Ancora su Federico”

  1. Mi sento una merda… E’ un pò di tempo che la tristezza domina la maggior parte di tempo delle mie giornate a causa dei vari problemi domestici e lavorativi…

    Mi sento una merda, perchè poco fa ho visto quella foto e perchè se giro il capo io posso vedere che mio figlio è ancora qui…

    …ma di che cazzo mi lamento?!?!?..

    …non ho parole…

    …continuo solo a sentirmi una merda…

  2. Impara a fare il furbo, i carabinieri non amanettano la gente per caso e visto che era una mezza sega si è agitato un pò troppo ci ha lasciato le penne.
    Adesso i genitori piangono sul federico versato…mi spiace ma dovevano insegnargli a stare al mondo.

  3. Vorrei vedere te (in senso lato, xchè non lo auguro a nessuno), come ti saresti comportato! E vorrei vedere te a dire queste cose davanti ai genitori e al fratello di Fabrizio, tu, loro e nessun altro.

    Mi dispiace per te, caro Alessandro. Tanto rancore porta a bruciarsi e a muorire dentro. Il tuo approccio alla vita mi sembra distruttivo. Arriva un giorno, per ognuno, che l’arroganza va a finire e prima o poi avrai bisogno di qualcuno che ti sorregga e allora, forze, vedrai il mondo con occhi più compassionevoli.

  4. Bhè onestamente quando mi è capitato (una volta con la polizia, uno con i caramba) di essere fermato perchè ubriaco, ho cercato con tutte le mie forze di rimanere fermo ed in silenzio facendo finta di ascoltare, onestamente non mi metto contro uno che può sacagnarmi quando vuole (anche se ho ragione, la ragione sotto qualche metro di terra non mi dà troppa soddisfazione…).
    Ho visto che la polizia è più scazzata (avran le loro buone ragioni, non so e non voglio sapere) e si rischia di più a fare i cretini, i carabinieri alla fine 4 battute le fanno e finisce lì.

    Può aver avuto tutte le ragioni del mondo federico a muoversi o cercar di divincolarsi (aver bevuto o essere un po’ fatto, son cose che spingono a fare i cretini), ma bisogna sempre sapere chi si ha davanti e cercare di evitare i guai per quanto possibile. Ormai lui è morto e qualsiasi cosa si dica non cambierà un bel nulla, purtroppo…

  5. L’unica cosa da capire è se questo ragazzo è morto per cause naturali o se è morto in seguito alle presunte violenze della polizia.
    Dire che lui doveva stare attento a quel che faceva mi sembra un ribaltamento del problema.

  6. Dai documenti delle perizie che la Mamma di Federico ha reso disponibile, si denota che le sostanze presenti all’interno del corpo del ragazzo non erano assolutamente eccessive, ma bensì sotto i limiti consentiti.

    Lui è morto, ma ciò non consente di far finta di niente, neanche a chi crede che per Federico non sia finita il 25 Settembre scorso.

  7. non ho detto di ribaltare la situazione e neanche che se lo meritasse o cose simili. Ho detto che è morto punto. Poi la storia di eccessive o non eccessive chi se ne frega, se uno è astemio va fuori con un bicchiere e incomincia a fare il cretino con gli amici per niente, magari ha fatto un goccio di resistenza per ridere non pensando che quelli se la prendessero e lo menassero.

    Ci saranno delle indagini e poi si vedrà. L’unica cosa che dico è che, adesso come adesso bisogna star attenti a quel che si fa perchè non si sa mai come uno armato può interpretare una cazzatina.

  8. Uriele, viviamo in uno stato democratico.
    Da quando in qua si viene picchiati a sangue quando siamo ubriachi?
    Se “Uno armato” è un membro delle forze dell’ordine deve proteggermi e magari scortarmi a casa, non picchiarmi.

  9. Putroppo mi sono spiegato male. Ho scritto non eccessive per intendere che dalle perizie si denota che la quantità di sostanze trovate non comportavano alcuno stato di eccitamento.
    Se si utilizza il termine “chi se ne frega”, allora accompagnamolo anche a “dite quello che vi pare, tanto c’ho ragione io”, perchè mi sembra quello il tono delle tue risposte.
    La madre di Federico sta spendendo(emotivamente) del suo, per riuscire a far sì che vi siano quelle indagini che tu, Uriele, poco informato, hai dato già per certe.
    Se l’unica cosa che volevi dire era quella, dilla e basta senza metterci tanti fronzoli a caso, altrimenti sembra che tu prenda per i fondelli.

  10. allora mettiamola così, se non si vuol capire… se lui ha ragione RESUSCITA?! Penso proprio di no (oddio non sono informato sui miracoli, ma l’ultima ressurrezione mi care che risarlga a poco meno di 2000 anni fa, anno più anno meno).
    Il chi se ne frega stava a dire che, certa gente con una cannetta e una birra incomincia a fare il simpatico in un gruppo, mentre altri si fanno una boccia di tequila e una pasta e sono a posto.
    Se vai nelle alpi l’etilometro ad alcuni “vecchietti da bar” che van giù di grappino la giornata, dà un risultato che dovrebbe, secondo le dosi, simile al coma etilichico, mentre invece sono solo alticci. La dose e gli effetti, come in radioprotezione, così in medicina sono un fattore STATISTICO e NON certo e sono riferiti all’ uomo medio (se vuoi ho anche le statistiche dell’uomo medio, visto che sto studiando le dosi statischiche per un esame).
    “Ci saranno delle indagini e poi si vedrà” intendo dire che la madre sta spendendo di suo per indagare e non solo lei visto che si è formato un comitato degli amici di federico…

    E poi non prendiamoci per il sedere: sappiamo di non essere in un mondo perfetto, lo sappiamo tutti e sappiamo che non è mai bene scherzare con il fuoco e bisogna fare attenzione a ogni piccolo gesto, anche se in fin dei conti non è nostra intenzione provocare. “Se “Uno armato” è un membro delle forze dell’ordine deve proteggermi e magari scortarmi a casa, non picchiarmi.” questo va bene in un mondo ideale, ma se lui può uccidermi perchè devo rischiare, non sono Socrate che si fa ammazzare per l’idea morale di stato , sono un ragazzo che vuole (voleva nel suo caso) uscire una sera con gli amici e divertirsi senza fare male a nessuno

  11. Il tuo ragionamento per me è inaccettabile.
    Non è da idealisti pensare che le forze dell’ordine proteggano i cittadini, anche quelli eventualmente molesti.

  12. Non è un ragionamento è un dato di fatto lo riporti anche tu nel blog come la storia del immigrato pestato dai carabinieri, una cosa è come dovrebbe essere, una cosa è com’è raramente le due coincidono…

  13. Chiudo la discussione in merito con Uriele, dato che credi che non voglia capire(come se comprendere ciò che dici tu voglia dire capire in assoluto),ma solo dopo aver precisato che secondo me siccome lui è morto, ancora di più deve essere fatta Luce in merito, che non volevo prendere per il sedere nessuno e che NON DEVE ESSERE ASSOLOUTAMENTE ACCETTATO E CONSENTITO UN ABUSO E UN ECCESSO SIMILE DALLE FORZE DELL’ORDINE. Ho un figli ancora molto piccolo e pretendo che lo stato mi aiuti, nelle occasioni che può avere, nel crescerlo e nell’aiutarlo in caso di bisogno e che se un giorno dovesse ritrovato ubriaco fradicio dalla ploizia mi venga riportato a casa o perlomeno trattenuto incolume fino al mio arrivo.
    Io credo in questo tipo di STATO.

    PS:Scusami Luca se questa discussione dovesse aver assunto toni troppo polemici a causa mia.

  14. “deve essere fatta Luce in merito, che non volevo prendere per il sedere nessuno e che NON DEVE ESSERE ASSOLOUTAMENTE ACCETTATO E CONSENTITO UN ABUSO E UN ECCESSO SIMILE DALLE FORZE DELL’ORDINE.”

    Allora forse non mi sono spiegato Shade io sono PERFETTAMENTE D’ACCORDO con questa affermazione, ma bisogna anche cercare di prevenire che succeda, visto che gli abusi non terminano da un giorno all’altro. Ci sono posti e momenti per combattere e posti e momenti per evitare di farlo. tutto qua!
    Questo abuso deve essere combattuto nelle sedi opportune (passando per l’opinione pubblica, tutta la trafila burocratica e su su fino agli organi di competenza più alti)…

Comments are closed.