Boicottaggi? Ma va là

C’è in giro un tam tam sul boicottaggio da mettere in campo contro la Mondadori.
Mondandori? No Grazie.
L’hanno intitolato così, tanto per avere fantasia.

Persone di cui mi fido, dicono che il boicottaggio, partito da un articolo di Massimo Giannini su Repubblica, sia una mezza bufala.
Se avete tempo, Giulio Mozzi spiega dettagliatamente perché lo sia. Una bufala.

Il fatto che Carlo Lucarelli, Corrado Augias, Diego Cugia, Francesco Guccini, Roberto Saviano, Vito Mancuso e Vittorio Zucconi abbiano deciso di continuare a scrivere per Mondadori ed Einaudi mi pare un altro segnale che indichi come boicottare una casa editrice su suggerimento di un altro gruppo editoriale sia una mezza cretinata.
Per non dire una cretinata completa.

Luca

Certe cose nemmeno per scherzo

Il biografo ufficiale di Massimo D’Alema, Massimo Giannini, scrive oggi su Repubblica che il grande vecchio potrebbe avere tentazioni di candidatura alla segreteria del PD.

Siccome niente di quello che Giannini scrive è sconosciuto a D’Alema, pare quasi di capire che l’articolo di oggi sia quasi stato un tentativo per tastare il terreno.

Ecco, la risposta è negativa.
Non ci pensate nemmeno.

Luca