Windows Live Spaces schifa pure Microsoft

Microsoft migrerà tutti i blog di Live Spaces su WordPress.com
Se avete un blog su Live Spaces, potete portarlo su WordPress da subito.
E’ una bella notizia per il software libero e pure per Microsoft.

windows sceglie wordpress

Questa cosa che Microsoft migrerà tutti i blog di Live Spaces su WordPress.com è piuttosto significativa.

Il colosso che ammette la sua incapacità e che si affida ad uno strumento free fin dalla sua nascita.

Se avete un orrido blog su Live Spaces, potete portarlo su WordPress da subito.
Ci sono ovviamente esaurienti istruzioni per la migrazione.

E’ una bella notizia per il software libero e pure per Microsoft.

Luca

Quando Steve iniziò a comportarsi come Bill

Chiunque bazzichi il mondo dell’informatica sa che uno dei segreti del successo di Windows è in buona parte dovuto alla scelta di rendere Internet Explorer lo standard nel mondo dei Browser.

L’utente medio acquista un pc, ci trova dentro Windows preinstallato ed anche un browser per navigare in internet; perché dovrebbe cercarsi un altro browser?
Netscape è stato spazzato via grazie a questa tecnica.
Il monopolio di Microsoft nella guerra dei browser (punito da multe astronomiche inflitte dall’antitrust e dalla UE) si è perfezionato grazie al fatto che Internet Explorer funziona male.
Non starò a spiegarvi perché, ma fidatevi.

Apple ha fatto una scelta che in questi giorni sta facendo molto discutere e che sembra ricalcare le strategie di Microsoft.
Chi abbia installato iTunes sul proprio PC Windows e non abbia disabilitato gli aggiornamenti automatici si troverà installato anche Safari, il browser made in Cupertino (v. Apple).

Diciamoci la verità, la scelta di Apple di includere Safari negli aggiornamenti di iTunes non è nient’altro che una porcata, non molto diversa da chi introduce un virus nel tuo computer.

Sono lontani i tempi del “Think different“.

Che poi Safari per Windows sia molto bello e che stia iniziando a funzionare in modo quasi accettabile, questo è un altro discorso.

Luca

Breve recensione di Windows Vista

Ho comprato da alcuni giorni un nuovo PC.
E’ un computer di fascia economica, ma sufficiente per un uso domestico.
Il sistema operativo preinstallato era Windows Vista.
Dopo averlo reinstallato da capo e dopo averlo personalizzato secondo le mie esigenze, il computer era diventato praticamente inutilizzabile.
Non era possibile installare praticamente nessun software.

Il motivo è semplice.
Vista ha un sistema più pignolo di XP nel definire i permessi degli utenti.
Il problema è che anche l’amministratore sembra non avere i permessi sufficienti a scrivere in certe cartelle.
Così mi sono accorto che tutti i problemi derivavano dal fatto che non avevo permessi di scrittura sulla directory temporanea (che avevo spostato tramite le variabili di sistema).
Ogni volta che un’installazione andava a scompattarsi nella directory temporanea mi veniva restituito un errore.
Non è valso a niente controllare che l’amministratore (!) avesse i diritti per scrivere in quella cartella.
Niente.
Così ho ripristinato la situazione iniziale e tutto funziona a meraviglia.
Questa esperienza conferma che Vista è un sistema operativo congelato, difficile da personalizzare secondo le proprie esigenze.

Avevo anche problemi a connettermi con alcuni siti, quali ad esempio quelli della Microsoft e di Windows Update (ironia della sorte).
All’inizio pensavo che dipendesse dalle impostazione di rete, file host e roba del genere, ma dopo varie peripezie ho capito che, non so per quale motivo, il problema era sorto dopo l’aggiornamento dei driver della scheda ethernet, driver scaricati per altro proprio da Windows Update.
Ho ripristinato il vecchio driver e tutto è tornato a funzionare a meraviglia.
Insomma, se avete questa scheda madre Asus e vi venisse voglia di aggiornare i driver NVidia delle varie schede integrate, aspettate un po’ prima di farlo.

Maledetto Bill Gates.

Luca