Lottatrice nel fango

Qualcuno un giorno ci spiegherà il significato di questa lettera di Veronica Lario pubblicata oggi dal Corriere.

In queste settimane ho assistito in silenzio, senza reagire mediaticamente, al brutale infangamento della mia persona, della mia dignità e della mia storia coniugale.
Certo è che la verità del rapporto tra me e mio marito non è neppure stata sfiorata, così come la ragione per cui ho dovuto ricorrere alla stampa per comunicare con lui.
Certo è che l’ho sempre amato e che ho impostato la mia vita in funzione del mio matrimonio e della mia famiglia.

E che ce la dicesse lei la verità del suo rapporto con il marito.

Luca

Lo dico? Va bene lo dico

Questa storia che Veronica sia la moglie incompresa del tiranno, che la invitino a scrivere su MicroMega e che diventi una simil paladina della sinistra a me pare un’emerita cretinata.

Dalla faccenda dell’intervista all’ANSA in cui Veronica dice che il marito è un maiale io deduco una cosa soltanto.
Veronica è perfino più imbecille di Silvio.
E non era semplice battere il maestro.

Luca