Veltroni come l'iPhone

Oggi sono due gli argomenti importanti.
La discesa in campo di Veltroni e l’attesa per la commercializzazione dell’iPhone.
Insomma, temo che Veltroni e iPhone pari siano.
Due prodotti pensati per avere un grande impatto mediatico, ma anche destinati a non cambiare nulla nell’esistente.

Oggi sono due gli argomenti importanti.
La discesa in campo di Veltroni e l’attesa per la commercializzazione dell’iPhone.

Reputo l’iPhone un gadget per fighetti, inutile e costosissimo.
Penso anche che il fiasco del cellulare targato Apple potrebbe rappresentare l’inizio di una fase discendente per l’azienda di Steve Jobs.

L’attesa per l’intervento di Veltroni potrebbe essere altrettanto mal riposta.
Non perché io abbia niente contro il sindaco di Roma, ma perché sono convinto che non potrà dire niente di così sconvolgente e rivoluzionario.

A meno che non intenda far cadere Prodi già domattina e che non voglia rompere con D’Alema e Fassino.

Insomma, temo che Veltroni e iPhone pari siano.
Due prodotti pensati per avere un grande impatto mediatico, ma anche destinati a non cambiare nulla nell’esistente.

Luca

Veltroni ha cambiato idea

Perché i politici non stanno un po’ più attenti a non sbilanciarsi?
L’anno scorso Veltroni disse che dopo il secondo mandato come sindaco di Roma avrebbe ritenuto conclusa la sua avventura politica.

Perché i politici non stanno un po’ più attenti a non sbilanciarsi?
L’anno scorso Veltroni disse che dopo il secondo mandato come sindaco di Roma avrebbe ritenuto conclusa la sua avventura politica.
Le cose sono andate un tantino diversamente…

Luca

Via | Manteblog

iMille trombati da Veltroni?

Si va nella direzione aperta dalla nuova legge elettorale, nella quale tutto viene deciso dalle segreterie.
I cittadini devono soltanto ratificare.
Questa voglia di leader mi sembra un goffo tentativo di ridare fiato e popolarità al governo.
E iMille, che faranno?
Sosterrano Veltroni?

Può anche darsi che io non capisca la politica.
Ma se un giorno mi dicono che il segretario del PD sarà scelto dai cittadini e qualche giorno dopo scopro che il segretario sarà Veltroni, il problema forse non sono io…

Si va nella direzione aperta dalla nuova legge elettorale, nella quale tutto viene deciso dalle segreterie.
I cittadini devono soltanto ratificare.

Questa voglia di leader mi sembra un goffo tentativo di ridare fiato e popolarità al governo.

E iMille, che faranno?
Sosterrano Veltroni?

Secondo me dobbiamo presentare un candidato nostro.
Per distinguerci dagli altri.
E per avere qualcuno che rappresenti le nostre istanze.

E’ chiaro che vincerà Veltroni, ma iMille mica sono nati per vincere…
O no?

Luca