Mica basta essere bravi strumentisti per fare buona musica

Gli Elii stasera a Sanremo hanno ottenuto tanti commenti positivi sulla loro Canzone Mononota.
Io l’ho trovata un bello sfoggio di tecnica, ma la canzone, secondo me è orribile.
Non mi verrà mai in mente di volerla riascoltare, se non per fare un sorriso.

Sono altri i pezzi dove gli Elii sono riusciti ad unire la tecnica alla musicalità.
Plafone, in questo, è inarrivabile.

Luca

Adriano è meglio che canti

Volevo commentare la prestazione di Celentano ieri sera, uno che dice cose molto integraliste e che chiuderebbe Avvenire e Famiglia Cristiana perché troppo laiche, ma ho letto Mantellini e mi limito a sottoscrivere.

L’invasione di campo delle competenze altrui è stata una costante velenosa di questi ultimi anni: dallo Sgarbi critico d’arte alla Minetti statista, fino al Beppe Grillo politologo, i guasti causati dall’incompetente sul palco non prevedono eccezioni di schieramento (anche se il centro-destra ha fatto della incompetenza assoluta dei nominati una chiara regola di controllo del potere) e non scompariranno da un giorno all’altro. La speranza è che ora, fatto il governo tecnico degli italiani, si facciano gli italiani tecnici che, almeno sui giornali ed in TV, esercitino la decenza minima di parlare delle poche cose che conoscono e tacere su tutte le altre.

Luca

Non sappia la tua mano destra

Ivan Scalfarotto ha scritto una cosa che rispecchia più o meno il mio pensiero sul fatto che Celentano devolverà in beneficenza il suo cachet per andare a Sanremo.

Il fatto che Celentano dia i suoi soldi in beneficenza o li spenda per comprarsi ostriche e tartufi non cambia di un’unghia la questione se il suo cachet abbia un senso oppure no. Il problema sta nel pagamento a carico del contribuente: una volta che quei soldi sono usciti dalla Rai, che fine facciano è affare completamente suo. Anzi, per dirla tutta la beneficenza è molto più simpatica quando è anonima.

Ho detto che questo è più o meno il mio pensiero.
Io avrei aggiunto che questa è una cafonata degna di uno che si sente un padreterno, ma Scalfarotto è più sobrio di me.

Luca

Cretinata del giorno

Credo che in Italia ci siano poche persone ad avere il polso del paese meno di Gad Lerner.
La cosa scritta ieri sul suo blog lo conferma in modo imbarazzante.

Perfino la vittoria di Roberto Vecchioni a Sanremo risuona come un segnale che il vento sta cambiando.

E’ la risposta perfetta alla cosa scritta il giorno prima da Akille su FriendFeed:

io domani c’ho un battesimo, me li mettete da parte voi gli editoriali sulla vittoria di Vecchioni a Sanremo come potente presagio della fine del berlusconismo?

Luca