Ciao ciao Prodi?

Il governo è in ginocchio.
E’ stato battuto al senato sulla politica estera.

Il popolo dell’Ulivo chiedeva una discontinuità dal precedente governo.
Che non c’è stata.
Per i soliti interessi di partito.
Se stasera Prodi salirà al Quirinale (ma non succederà), da domani partirà il grande inciucio Rutelli-Casini-Follini-Berlusconi.
Che andassero tutti a fare in culo.
E non dico altro.

Luca

Casino generale

Questo stramaledettissimo referendum sta rimescolando la situazione politica.
Tanto che non ci si capisce più niente.
Bertinotti plaude Fini. La Prestigiacomo va a braccetto con Fassino. Rutelli e Fiori vanno d’amore e d’accordo.. Non si capisce più chi sta con chi.

Capisco che su questioni etiche i partiti possano contare di meno, ma qui mi sembra che si sia un po’ perso la bussola.
Non si riesce a capire chi si avvantaggerà del referendum, perché qualunque sia il risultato, avranno vinto tutti.

In questa situazione, l’occasione più grossa l’abbiamo persa noi cattolici. Perché le posizioni dure e sorde del famigerato Comitato Scienza e Vita, affiancate dalle altrettanto severe affermazioni di Ruini e del Papa, hanno messo sulla difensiva tante persone che invece chiedevano che qualcuno rispondesse ai loro dubbi. Invece, le associazioni cattoliche e la gerarchia si sono armati per le crociate, lasciando da sole tutte le pecorelle smarrite. Che, come me, si sentono giudicate ed emarginate per aver fatto una scelta di partecipazione con il NO, invece che con l’astensione.

Un’altra occasione persa dai cattolici.
Bastava un po’ più di tranquillità.
Bastava ascoltare con più attenzione le domande che provenivano dalle persone.
Bastava un po’ più di amore.

Luca

Il cavaliere torna tra noi

Ieri sera a sorpresa il Cavaliere ha partecipato (dopo 9 anni) ad un confronto televisivo in cui erano presenti anche degli oppositori (nella fattispecie D’Alema e Rutelli).

Il Cavaliere è intervenuto a sorpresa a Ballarò, spiazzando tutti. Quindi, anche io me lo sono perso, ma mi sono potuto gustare alcuni passaggi…

La puntata completa di Ballarò in streaming la trovate qui.

Il nostro Presidente del Consiglio è veramente alla frutta, è stato massacrato alle ultime elezioni e non sembra avere l’umiltà per riuscire ad accettare il fatto che gli italiani sono più stufi di lui di quanto non siano stufi della Casa della Libertà.
D’Alema ha infierito pesantemente sul Cavaliere, mettendolo spesso in difficoltà.

Che sia la fine del Berlusconismo?
Si vedrà. Gli italiani sono abbastanza schizofrenici da riuscire a cambiare nuovamente idea nel giro di pochi mesi.
Speriamo…

Luca