Omofobie

Il tenutario del blog esprime il suo disappunto per la bocciatura della proposta di legge di Paola Concia contro l’omofobia.

Picchiare una persona perché omosessuale è una aggravante ed il parlamento avrebbe fatto bene a mandare un segnale in risposta ai tanti episodi di omofobia che si sono verificati negli ultimi tempi, in particolare a Roma.

Il voto di Paola Binetti non mi sorprende, ma mi indigna il suo tentativo disonesto di mascherare la sua scelta ribaltando il problema:

Per come era formulata la legge, le mie opinioni sull’omosessualità potevano essere individuate come un reato… le mie e quelle di tante altre persone. Il testo era ambiguo, io ho votato per rinviarlo in Commissione e migliorarlo ma la richiesta di rinvio è stata bocciata. C’era un’ambiguità che giustificava le mie riserve.

Non sono tra quelli che vorrebbero espellere la Binetti dal PD, ma credo che sia lei a dover decidere da che parte stare.
Se non siamo nemmeno d’accordo nel considerare l’omofobia una forma di razzismo, allora credo che andrebbe fatta un riflessione profonda da parte di tutti.

Sul solito pasticcio del PD che non rimanda in commissione il disegno di legge e quindi lo lascia morire c’è poco da dire.
Speriamo che scelgano presto questo segretario e che tornino a fare politica in parlamento.

Luca

Torturate i redattori

I giornali online ed i telegiornali hanno dato grande risalto alla storia del presunto manifesto leghista che invita a torturare gli immigrati.
Il manifesto è una vignetta di Mauro Biani del 2004 che intendeva prendere in giro la deriva razzista della Lega.

La vignetta era stata ripresa da un militante leghista ed usata per aprire un gruppo su Facebook a cui qualcuno avrebbe iscritto anche Bossi e Cota.
Ovviamente i due non ne potevano sapere niente e appara cretino pensare che due politici navigati avessero potuto fare una sciocchezza del genere.

Le redazioni, invece ci sono cascate ed hanno trovato uno scandalo dove non c’è.

Il problema vero forse è che FaceBook è diventato un tale marasma che è consigliabile non iscriversi a gruppi dei quali poi non seguiamo l’evoluzione.
Domani vi potrebbero “accusare” di essere iscritto ad un gruppo nel quale era stata pubblicata una cosa razzista o diffamatoria.
Forse val la pena lasciarli proprio perdere i gruppi su FaceBook.

Luca

Via | Wittgenstein

Per come siamo messi

Non so se qualcuno l’abbia già fatto, ma secondo oggi se ne scappa fuori un buontempone che propone Fini come segretario del PD.

Ripugna le coscienze scrivere in una legge che non ha diritto di cura chi è clandestino e infatti, dopo un’ iniziale polemica, è prevalsa la coscienza. Ma dobbiamo stare attenti a non cadere nell’eccesso contrario. L’equilibrio sta nell’estremo rigore nel rispetto delle regole fondamentali per l’ingresso e il soggiorno ma una fortissima censura verso posizioni xenofobe, discriminatorie e vagamente razziste.

Luca

Via | Repubblica