Show me his pulse!

Nell’atroce video del New York Times in cui viene ricostruito l’omicidio di George Floyd c’è un fotogramma che mi ha colpito ed è quello che vedete qui sopra.

Si vede una donna protestare con uno dei poliziotti che sta proteggendo quelli che nel frattempo stanno causando la morte dell’uomo fermato e gli chiede: “Show me his pulse!” che sarebbe come dire “Fammi vedere se gli batte ancora il cuore”.

Credo che in un mondo in cui agli agenti di polizia non viene ancora insegnato come gestire situazioni emotivamente complicate (aldilà di tutte le questioni razziali e di sanità mentale di una parte delle forze dell’ordine), ci vorrebbero donne come quella del video in tutte le strade.

Perché se la polizia ci deve proteggere dai cattivi, sono i cittadini a dover forse vigilare sugli abusi della polizia. Quante volte abbiamo tirato dritto di fronte ad atteggiamenti intimidatori od offensivi di forze dell’ordine?
Mi sono trovato io in Questura a Siena a vedere una agente di polizia trattare in malo modo e senza nessuna reale motivazione gli immigrati in fila per i documenti e trattare in modo molto più gentile i cittadini italiani. Avrei dovuto dirle qualcosa? Sicuramente si.
Sarebbe servito a qualcosa? Forse.

Di sicuro se quella ragazza e gli altri che hanno girato i video non si fossero fermati oggi quello di George Floyd non sarebbe un omicidio, ma sarebbe l’ennesimo arrestato morto per arresto cardiaco, overdose, autolesionismo, caduta dalle scale, o aggiungete voi una voce a piacere.

“Anche se avete chiuso
Le vostre porte sul nostro muso
La notte che le pantere
Ci mordevano il sedere
Lasciandoci in buonafede
Massacrare sui marciapiede
Anche se ora ve ne fregate
Voi quella notte, voi c’eravate”

Siamo tutti, in piccola parte, responsabili di quello che succede.

Luca

Qui sotto, se volete, il video del NYT.

Omofobie

Il tenutario del blog esprime il suo disappunto per la bocciatura della proposta di legge di Paola Concia contro l’omofobia.

Picchiare una persona perché omosessuale è una aggravante ed il parlamento avrebbe fatto bene a mandare un segnale in risposta ai tanti episodi di omofobia che si sono verificati negli ultimi tempi, in particolare a Roma.

Il voto di Paola Binetti non mi sorprende, ma mi indigna il suo tentativo disonesto di mascherare la sua scelta ribaltando il problema:

Per come era formulata la legge, le mie opinioni sull’omosessualità potevano essere individuate come un reato… le mie e quelle di tante altre persone. Il testo era ambiguo, io ho votato per rinviarlo in Commissione e migliorarlo ma la richiesta di rinvio è stata bocciata. C’era un’ambiguità che giustificava le mie riserve.

Non sono tra quelli che vorrebbero espellere la Binetti dal PD, ma credo che sia lei a dover decidere da che parte stare.
Se non siamo nemmeno d’accordo nel considerare l’omofobia una forma di razzismo, allora credo che andrebbe fatta un riflessione profonda da parte di tutti.

Sul solito pasticcio del PD che non rimanda in commissione il disegno di legge e quindi lo lascia morire c’è poco da dire.
Speriamo che scelgano presto questo segretario e che tornino a fare politica in parlamento.

Luca

Torturate i redattori

I giornali online ed i telegiornali hanno dato grande risalto alla storia del presunto manifesto leghista che invita a torturare gli immigrati.
Il manifesto è una vignetta di Mauro Biani del 2004 che intendeva prendere in giro la deriva razzista della Lega.

La vignetta era stata ripresa da un militante leghista ed usata per aprire un gruppo su Facebook a cui qualcuno avrebbe iscritto anche Bossi e Cota.
Ovviamente i due non ne potevano sapere niente e appara cretino pensare che due politici navigati avessero potuto fare una sciocchezza del genere.

Le redazioni, invece ci sono cascate ed hanno trovato uno scandalo dove non c’è.

Il problema vero forse è che FaceBook è diventato un tale marasma che è consigliabile non iscriversi a gruppi dei quali poi non seguiamo l’evoluzione.
Domani vi potrebbero “accusare” di essere iscritto ad un gruppo nel quale era stata pubblicata una cosa razzista o diffamatoria.
Forse val la pena lasciarli proprio perdere i gruppi su FaceBook.

Luca

Via | Wittgenstein