La rete ammiraglia

La RAI, in particolar modo RAI 1, stanno dando il peggio di sé.
Il compiacimento del TG1 per gli ottimi ascolti è talmente grottesco da sembrare irreale.

Bruno Vespa, invece, è sempre lo stesso.
Probabilmente la polizia parlava di lui quando metteva in guardia dagli atti di sciacallaggio.

Il pensiero non può che andare ad una canzone di Giorgio Gaber.

Inviati speciali testimoniano gli eventi
con audaci primi piani, inquadrature emozionanti
di persone disperate che stanno per impazzire,
di bambini denutriti così ben fotografati
messi in posa per morire.

Luca

Via | Aghenor

E ora scrivetelo sui muri

Ho potuto ascoltare il monologo che Roberto Saviano ha proclamato da Fabio Fazio.
Commozione, indignazione, speranza, ammirazione.
Alcuni dei sentimenti che ho provato.

Ora Fazio, Endemol, la RAI o chi per loro distribuisca il monologo di Saviano.
Lo mettano su YouTube.
Ci facciano un DVD.
Lo facciano vedere nelle scuole.

Saremo anche un paese corrotto, ma possiamo vantare persone come Roberto Saviano e come i tanti martiri della camorra che grazie a lui hanno avuto finalmente giustizia.
Vediamo di rendere pubblico il loro pensiero e la loro opera.
Lo dobbiamo a loro per riconoscenza ed a noi per recuperare la nostra dignità.

Il qualunquismo si combatte facendo vedere che non tutti sono qualunque.

Non saremo mai abbastanza grati a Roberto Saviano.

Luca

Quando è Microsoft ad innovare

Silverlight di Microsoft si sta affermando come software delle Web TV

Microsoft viene sempre associata ad un’immagine di conservatorismo nel mondo informatico.
Quello che viene fatto a Redmond è sempre brutto, vecchio e non funziona mai.
Ovviamente non è così, visto che il 95 % degli utenti nel mondo usano sistemi Windows.

Negli ultimi mesi si sta affermando Silverlight, un software capace di far girare dentro il browser applicazioni interattive. Qualcosa di simile a Flash di Adobe.

Il software sembra essere molto potente, nonostante la sua gioventù, tanto che il nuovo bellissimo sito della RAI usa proprio Silverlight per trasmettere le dirette e le registrazioni di tutto il suo palinsesto.
Il sito della RAI, dopo le primissime settimane di difficoltà, ora funziona alla grande.

Qualche giorno fa su YouTube la CBS ha aperto un canale dedicato alle finali della NCAA, il campionato di basket universitario americano, nel quale vengono trasmesse in streaming tutte le dirette delle partite. E’ possibile anche vedere gli highlights o le partite complete in differita.
Il tutto sembra funzionare piuttosto bene.

Quello della RAI e quello della CBS a me sembrano i primi tentativi riusciti di Web TV.
Il tutto anche grazie a Silverlight che, di questo passo, è molto probabile che possa soppiantare Flash.

Diciamolo, Microsoft a questo giro ha fatto una figata.

Luca

Aiutiamo questo pover’uomo

Villari non si dimette.

Ci sarebbero due modi per affrontare la questione.

Il primo, che è anche il più intelligente, prevede la soppressione della Commissione di Vigilanza sulla RAI.
Così mandiamo a casa non soltanto Villari, ma anche tutti i suoi colleghi di commissione.

Il secondo, del quale mi faccio promotore, prevede una raccolta di fondi a favore del presidente Villari.
Sono graditi soldi, ma anche offerte in natura: prosciutti, forme di parmigiano, damigiane di vino.

Persone come Villari non fanno niente gratis (o per lo stramaledetto bene del paese), quindi l’unico modo per togliercelo di torno credo sia quello di offrirgli qualcosa in cambio.

Non è che uno è mastelliano per caso.

Ancora complimenti a Veltroni per la brillante gestione della questione vigilanza.
Dilettanti allo sbaraglio.

Luca

Vigilantes

Sulla questione della Commissione di Vigilanza sulla RAI c’è tutta l’inettitudine di Veltroni.

Ricattato da Di Pietro, il PD si è intestardito nel voler perseguire la candidatura di una persona che l’opposizione non voterà mai.

L’economia mondiale vacilla, le grandi aziende tagliano personale, nel 2009 ci sarà probabilmente un grosso problema con l’occupazione e il partito di centro-sinistra ingaggia una lotta all’ultimo sangue per assegnare al suo peggior nemico, Di Pietro, la poltrona di un ente inutile.

Mi chiedo se i dirigenti del PD si rendano conto di quanto siano ridicoli.

Il PD che io vorrei, non soltanto lascerebbe la poltrona della vigilanza a Villari, ma farebbe pure spallucce.
Della serie: “Fate un po’ come volete, che per noi i problemi urgenti sono altri”.
Invece Veltroni offrirà a Villari qualcosa, magari la poltrona di sindaco di Napoli, per “costringerlo” a dimettersi.
Bella roba.

Yes, we can.

Luca