Mattia Feltri, Marco Travaglio, Pannella

Mi sono sempre stupito di come Marco Travaglio riesca a trovare ammiratori ed estimatori perfino in porzioni della sinistra italiana.
La spiegazione è piuttosto banale; Travaglio fu una delle principali icone dell’anti-berlusconismo, e a quell’icona molti anti-berlusconiani sono rimasti legati.

Travaglio è un giornalista scorretto, sarebbe meglio dire disonesto, e lo conferma con una instancabile costanza ogni giorno, da anni.
Travaglio non racconta mai, o quasi mai, cose totalmente false, racconta sempre porzioni di verità, occhieggia, fa finta di dimenticarsi i dettagli e, così facendo, da anni, fa credere ai suoi lettori che gli atti di accusa di una procura siano una sentenza, che pubblicare qualsiasi intercettazione vada sempre bene, che una assoluzione non sia comunque degna di essere ritenuta tale. Lo fa nei suoi editoriali, che in pochi leggono, ma lo fa ancora di più in televisione, dove è ospite fisso e mattatore da 15 anni, forte del suo carisma e della sua falsa autorevolezza.

Oggi Mattia Feltri, con un suo post su Facebook, racconta una cosa piccola, ma che fa capire bene che tipo di persona sia Marco Travaglio.

UNA PICCOLA STORIA MISERABILE
Questa mattina Marco Travaglio si occupa di me, nei soliti modi disonesti. E uso il termine “disonesti” sapendo di usarlo e che cosa comporta. Lo uso perché la disonestà di stamattina ha qualche cosa di ulteriore e di imperdonabile. Lui sa (ci conosciamo, senza frequentarci, da una ventina d’anni) che sono lento all’ira e lascio passare tutto, o quasi. Ma stavolta mi sembra davvero troppo. Arrivo al punto.
Travaglio riprende il mio Buongiorno di ieri in cui criticavo l’uso del Fatto delle intercettazioni su Renzi padre e figlio. E segnala che nella stessa edizione della Stampa era pubblicata una intercettazione di Scafarto, il carabiniere collaboratore di Woodcock. Ne trae la conclusione “che le intercettazioni sgradite a Renzi sono brutte e quelle gradite a Renzi sono belle”. Lui, che mi conosce da vent’anni, mi attribuisce un servaggio a Renzi (come me lo attribuiva a Berlusconi). Ed è miserabile.
Bisogna mettere giù un paio di punti. 1) C’è una differenza fra l’intercettazione a Scafarto sulla Stampa e quelle del Fatto. Quella a Scafarto è depositata in un fascicolo e ha rilievo penale, quella fra padre e figlio Renzi non ha rilievo penale, non è stata nemmeno trascritta ma incredibilmente finisce lo stesso in redazione e in pagina. Lo stesso, ed è anche peggio, succede all’intercettazione fra Tiziano Renzi e il suo avvocato. Una folle violazione dei diritti della difesa, ma ormai è tutto buono. 2) A me non piace nemmeno la pubblicazione dell’intercettazione a Scafarto, nonostante sia una pubblicazione legittima. Lo scrivo dai tempi del Foglio (anni Novanta) e grazie al cielo continuo a scriverlo sulla Stampa perché è un giornale che consente opinioni diverse. Ma questo Marco Travaglio non lo capisce o lo trascura. Ne riparleremo quando qualcuno scriverà sul Fatto che l’uso politico delle inchieste è criticabile. Succederà mai?
Infine, ed è la questione che mi preme di più. Travaglio sa, lo sa benissimo, che non sono renziano, come non ero berlusconiano, né sono mai stato altro. Entro in cabina elettorale e voto e poi esco e me ne dimentico e faccio il mio lavoro. Sbaglio spesso e sbaglio con la mia testa. Non intendo passare da eroe, sono tutte cazzate di giornalisti cazzoni che pensano di essere l’ombelico del mondo. Sono un cazzone come gli altri. Poi, certo, ogni santa mattina c’è qualcuno che legge quello che scrivo e pensa di essere più intelligente dicendo che sono renziano, e l’indomani ce ne saranno dieci altri che diranno che sono antirenziano, ma fa parte delle regole dei social, dove si dice quello che si pensa ma non si pensa a quello che si dice. Pazienza. Però se lo scrive Travaglio, in modo apertamente disonesto, perché sa benissimo che non è vero, e cioè alimentando questo clima orrido di sospetto e di calunnia, e lo fa sulla mia pelle, e mi fa passare per uomo prezzolato, io glielo dico: Marco Travaglio sei un uomo disonesto, sei molto più disonesto dei disonesti che credi di mettere al muro con la tua maschera di Robin Hood, ed è sempre Carnevale.
Ps. Mi correggo. Anche io sono qualcosa, sono pannelliano. Marco Pannella è morto oggi un anno fa. E’ un uomo che ha fatto mille cose ottime e mille cose pessime, ma le ha fatte perché erano sue. Mi manchi, Marco.

Luca

Giacinto, detto Marco

Chi muore ha sempre ragione.
Pannella era una persona che la ragione se la prendeva sempre per sé, figuriamoci se non gliela possiamo concedere in questi giorni.

Fa sorridere chi oggi manda messaggi di apprezzamento ad un politico che “anche se la pensava diversamente da me, ho comunque sempre rispettato la sua passione”.
Fa sorridere, perché a me pare difficile scindere Pannella dalle sue idee e dalle sue battaglie.
Pannella non sarebbe stato Pannella senza le sue idee così ben delineate e definite.
Solo che erano idee non incasellabili dentro una delle nostre banali convenzioni con cui siamo soliti suddividere la politica.
Pannella era di destra, era di sinistra, era di centro, era perfino cristiano in certe sue commoventi battaglie per la fame nel mondo o per i diritti delle minoranze religiose.

Per questo poi rimanevamo tutti sorpresi quando lo vedevamo una volta candidarsi con Berlusconi, la volta successiva con il centro-sinistra o la volta dopo ancora con i reduci dei socialisti.
Perché le battaglie di Pannella sono sempre state, se me lo concedete, extra-parlamentari.
Erano battaglie troppo alte e troppo universali per poter essere sbrigate nelle piccole, piccolissime attività di un parlamento abituato a non volgere mai lo sguardo più in là delle elezioni successive.

Io, pur non avendolo mai votato, sono sempre stato affascinato dal suo carisma, da quei suoi pensieri che potevi riuscire a districare soltanto dopo esserti fatto l’orecchio ad ascoltarlo nelle sue interminabili trasmissioni della domenica sera su Radio Radicale con Massimo Bordin.

Marco Pannella ha condotto battaglie sacrosante, molte giuste, alcune forse sbagliate, tutte però sempre rivolte alla sua idea di migliorare il mondo e di far star meglio le persone.

Giacinto, detto Marco era un pazzo egocentrico, megalomane come solo una persona con il suo carisma può essere.
Da anni non riuscivamo più a capirlo.
Troppe idee in quella testa, troppe cose da dire tutte insieme, tutte urgenti, tutte importanti.
Non aveva più tempo.

È stato sicuramente uno dei politici più belli che abbiamo avuto in Italia.

Se ne è andato in un modo splendido, accogliendo, nella cucina della sua mansarda romana, amici e compagni che in questi ultimi mesi sono passati a salutarlo.
Se ne è andato vivendo fino all’ultimo giorno la sua malattia, dopo che per 50 anni ci ha rotto le palle con l’eutanasia.
L’ho detto, le idee di Pannella non sono mai state incasellabili.

A casa di Marco #Pannella

A post shared by Nomfup (@nomfup) on

Su Radio Radicale trovate un video che ne racconta tutta la storia.
Vi ho linkato qui sotto il punto in cui vengono mostrati alcuni minuti di un dibattito televisivo.
Era il 1983, con lui in studio c’erano Andreotti e Marianetti (prima CGIL, poi deputato socialista).

È un pezzo commovente.

Marco Pannella era un gigante.
Non ne vedremo più di politici come lui.

Luca

Amnistia, indulto e la santa alleanza tra leghisti e grillini

La strumentale e vergognosa campagna che Beppe Grillo fece contro l’indulto del 2006 interruppe la mia simpatia verso le istanze del comico genovese.

Oggi, a 7 anni di distanza, Napolitano ha scritto un messaggio alle camere nel quale chiede ai parlamentari di affrontare il problema del sovraffollamento carcerario che è una vera vergogna per il nostro paese.

Il Presidente della Repubblica chiede di introdurre pene alternative al carcere, di ridurre l’utilizzo della carcerazione preventiva e di agire sull’edilizia carceraria.
Napolitano suggerisce poi la possibilità di promulgare un indulto e un’amnistia.
Non vi darò spiegazioni tecniche, non ne sono in grado (comunque, no, non rimetteranno in giro stupratori e assassini; quelli, per la maggior parte, già vivono in casa con voi).

Vorrei soltanto fare una riflessione politica, che è questa.
Lo stato delle carceri è da sempre un indicatore del grado di civiltà di una nazione.
Ci sono tantissimi carcerati che potrebbero tranquillamente evitare il carcere e scontare la loro pena in modo alternativo.
Per farlo è necessario che lo Stato se ne faccia carico, che accompagni con atti amministrativi il recupero sociale di queste persone.
Nascondere la testa sotto la sabbia e non far niente per paura di commettere atti impopolari è degno di una classe politica pavida come la nostra, incapace di riformare alcunché.

Un’ultima cosa.
No, Berlusconi non c’entra niente.
Il Movimento 5 Stelle ha sparato l’ennesima cretinata.
Racconta oggi Stefano Menichini:

Ricordo Giorgio Napolitano davanti a Regina Coeli accanto a Marco Pannella, sotto la pioggia di una marcia di Natale per l’amnistia e l’indulto.
Era il 25 dicembre 2005. Napolitano non era presidente della repubblica, Berlusconi non aveva subìto alcuna condanna, le carceri scoppiavano come sempre, i radicali si battevano come sempre e di lì a pochi mesi un indulto ci sarebbe anche stato: votato da tutti, rinnegato dal centrodestra per motivi di propaganda, appiccicato al centrosinistra come un marchio d’infamia, alla lunga una delle ragioni della fine del governo Prodi.
Una storia di otto anni fa. E allora che cosa c’entra la sentenza Mediaset? E che cosa c’entra la salvezza di Berlusconi, uno che oltre tutto in carcere non metterà mai piede, se come è evidente e come detta la legge il parlamento avrà ogni possibilità di escludere reati come il suo – e altri più gravi – da qualsiasi atto di clemenza?

Per finire una nota.
Sulla questione delle carceri, vedrete nascere una nuova santa alleanza, fatta da Lega Nord e M5S.
Così come sull’immigrazione, sullo Ius Soli, sui diritti civili e su tutti quegli argomenti che i movimenti populisti possono soltanto cavalcare spinti dal ruggito degli istinti più biechi che strisciano nel nostro paese.

La sinistra, del messaggio di Napolitano dovrebbe farne un vessillo da mostrare fieramente e da utilizzare anche nella prossima campagna elettorale. E non dovrebbe commettere l’errore di accontentare il centro-destra, come fece nel 2006, quando accettò il ricatto di introdurre i reati finanziari tra quelli contemplati dall’indulto, per fare gli interessi, indovinate di chi?

Sulla opportunità di predisporre un indulto ed un’amnistia, vi consiglio le FAQ scritte da Francesco Costa.

Luca

Pannella vuol dire fiducia

Pannella ha offerto a Berlusconi i voti dei suoi sei parlamentari per avere la fiducia.
Giulia Innocenzi, come anche tanti altri antiberlusconiani doc, si scandalizza, ma temo che non abbia capito niente del partito al quale è iscritta.
I Radicali sono tutto ed il contrario di tutto.
E figurati se Giacinto Pannella detto Marco non sfrutta l’occasione di stare per un mese al centro del dibattito politico.
Mica ci si può scandalizzare per le manovre autoreferenziali dei radicali.

marco pannella

Oggi a Radio Radicale erano tutti gongolanti perché si parla di loro.
Sono fatti così.
Basta che se ne parli e per loro va bene tutto.

Oggi se ne parla perché Pannella ha offerto a Berlusconi i voti dei suoi sei parlamentari per avere la fiducia.

Giulia Innocenzi, come anche tanti altri antiberlusconiani doc, si scandalizza, ma temo che non abbia capito niente del partito al quale è iscritta.

I Radicali sono tutto ed il contrario di tutto.
Sono anticlericali, ma alcuni anni fa sono stati persino simpatizzanti dei neo-con americani.
Oggi sono diventati ambientalisti, dopo aver gridato per anni i danni fatti dall’ambientalismo.

Pannella poi non è mai stato antiberlusconiano, tanto che ha supportato il cavaliere all’inizio della sua carriera politica.
E figurati se Giacinto Pannella detto Marco non sfrutta l’occasione di stare per un mese al centro del dibattito politico.

Suvvia, siamo tutti adulti e vaccinati.
Mica ci si può scandalizzare per le manovre autoreferenziali dei radicali.

Luca

Bordin se ne va difendendo Pannella

Massimo Bordin lascia la direzione di Radio Radicale.
E probabilmente lascerà anche la conduzione di Stampa e Regime, la rassegna stampa della radio.

E’ un peccato.

Comunque la si pensi, Massimo Bordin è un grande giornalista e faceva una rassegna stampa splendida.
A chiunque piaccia un po’ la politica non può non affascinare il modo di leggere ed interpretare i giornali di Bordin.

La trasmissione della domenica sera di Pannella e Bordin, con la lite in diretta è imperdibile.
Ovviamente dovete accendere il traduttore di linguaggio radicale.
Se non siete avvezzi al linguaggio radicale, vi sembreranno soltanto due vecchi che parlano in modo sconclusionato, altrimenti vi divertirete.

Bordin se ne va senza sbattere la porta e difendendo Pannella che lo ha stremato fino a portarlo alle dimissioni.
Tanto di cappello.

Luca