L’idiozia del taglio dei parlamentari

Il problema dei grillini, non è dato dai grillini in sé, ma dalla dignità che abbiamo dato alle loro idee.
E quando dico “abbiamo dato” intendo “i partiti, l’informazione, noi tutti abbiamo dato”.

Ridurre il numero dei parlamentari può avere un impatto importante sulla effettiva rappresentanza di tutti i cittadini, anche di quelli che votano partiti politici minori.

Lo so, è un ragionamento troppo complesso per poter essere spiegato in una stories su Instagram o perfino su un tweet.
Fa molto più fico poter dire al popolo che la Casta ha ridotto il numero dei suoi rappresentanti e che quindi risparmieremo delle briciole in termine di risorse effettive.

A chi urla contro la Casta una cosa però non doveva sfuggire, ed è questa (cito dal Post):

La riforma è stata votata dal Movimento 5 Stelle, il partito che l’ha più voluta, insieme agli alleati del Partito Democratico, di Italia Viva e di Liberi e Uguali, ma anche dai maggiori partiti di opposizione: Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia.

Tutti i partiti maggiori hanno votato in modo compatto, come non succede quasi mai.
Provate ad indovinare il perché.

Il motivo è semplice: la gente vuole il sangue, il potere finge di darglielo.

Riportare la discussione sulla democrazia ad unica questione di costi è una barbarizzazione voluta dai grillini a cui nessun altro partito è riuscito a rispondere in modo maturo.
E questa è una responsabilità imperdonabile.

Luca

Medici Senza Frontiere risponde a Beppe Grillo

Stefano Di Carlo, Capo Missione di MSF Italia, risponde (pur senza citarlo) al nuovo delirio di Beppe Grillo che ha lanciato (aiutato dal solito benemerito sindacato di polizia) una campagna di disinformazione sulla presunta epidemia di TBC importata in italia dai migranti.

Questo il succo della risposta di Medici Senza Frontiere, ma vi consiglio di leggere tutto il suo post.

È del tutto falso che le persone arrivano sulle coste italiane e girano liberamente per il paese senza alcun controllo sanitario. Vediamo il Ministero della Salute eseguire screening sanitari ogni giorno. Noi stessi forniamo screening supplementari a Pozzallo e Augusta, due dei principali siti di sbarchi in Italia.

Purtroppo, al contrario di quanto affermato in questi giorni da note figure politiche, la Tubercolosi è una malattia presente in Italia da decenni, non è stata recentemente importata dagli stranieri. Nell’ultimo cinquantennio (1955-2008), il numero annuale di casi di Tbc, registrati dal sistema di notifica nazionale, è diminuito da 12.247 a 4.418. Non si parla quindi di un riemergere della malattia.

Stefano Di Carlo, conclude così:

Invece di promuovere la chiusura delle frontiere in Italia o alzare ancora più in alto le barricate, occorre sottolineare l’importanza di investire nel sistema di accoglienza, perché uno standard di qualità del servizio è cruciale nel determinare l’evoluzione dello stato fisico e mentale di queste persone. Se dunque un reale rischio per la salute pubblica della popolazione italiana esiste, esso è rappresentato dall’esclusione sociale e dal mancato rispetto dei diritti minimi di accoglienza.

Oltre alle attività medico umanitarie in Sicilia, MSF lavora in 66 paesi del mondo, offrendo assistenza alle popolazioni colpite da disastri naturali, crisi umanitarie e conflitti, come Siria, Gaza, Repubblica Centrafricana, Sud Sudan. La realtà che ogni giorno vediamo è che chi fugge dalla guerra e dalla persecuzione ha bisogno di protezione, non di paura e ignoranza strumentali.

Non credo serva dire altro.

Luca

Foto | MSF UK

Miley Cyrus e i nostri faccioni idioti

Come mi segnala il buon Cepetos nei commenti, non ci avevo capito nulla.
La lettera pubblicata su The Onion è una parodia. La direttrice di CNN.com l’ha chiarito in un tweet.
Mi sa che la verità non sia però molto lontana da quanto scritto nella falsa lettera.

Si è molto parlato, ed abbiamo molto visto le foto ed i video della audace performance di Miley Cyrus agli MTV Music Awards di qualche giorno fa.
Lei era Hannah Montana su Disney Channel, ora è una specie di cantante, molto provocatoria che gioca con il fatto di essere stata fino ad ieri nei poster attaccati nelle camerette delle bambine di mezzo mondo e di essere oggi nei pensieri dei padri di quelle bambine.

I siti di informazione hanno ovviamente dato molto spazio alle immagini di quella serata, soprattutto ad una; l’ha fatto anche CNN, suscitando qualche critica.

Il direttore operativo di CNN.com, Meredith Artley, ha risposto con una lettera pubblicata da The Onion (Il Post l’ha tradotta).

Dice cose tristemente vere.
Ed è vera soprattutto una. Questa:

Sappiamo anche che siete abbastanza idioti, o abbastanza annoiati, o tutti e due, da cliccare comunque sulle stupide stronzate, e che continuerete a farlo fino a quando le metteremo davanti ai vostri faccioni idioti. Volete sapere quante pagine viste ha fatto la roba di Miley Cyrus rispetto agli incendi che distruggono il parco di Yosemite? Circa sei gazillioni tanto.
Grazie a voi, mica a noi.

Luca

Saranno almeno 40 gradi

Nei giorni più caldi dell’anno, val la pena chiarire che d’estate fa caldino, specialmente nella seconda metà di Luglio, ma poi tutto passa e potremo tornare a lamentarci della pioggia, della neve e del freddo.

Alcuni siti meteo, e soprattutto le loro app, giocano molto sul dare nomi inquietanti agli anticicloni e sul dipingere scenari apocalittici; ponessero lo stesso impegno a tentare di azzeccare le previsioni, sarebbe già un passo in avanti.
Tanto per non far nomi, questa stamani la homepage de Il Meteo.it.

meteo_40gradi

Sul Corriere raccontano lo sfogo di Paolo Sottocorona, meteorologo di La7 che auspica un po’ più di prudenza prima di dipingere scenari apocalittici. Perché poi c’è chi ci crede, si preoccupa e magari si indebita per acquistare un condizionatore.

Quell’email prima lo commosse, poi lo indignò. «Ci dica lei se il condizionatore lo dobbiamo comprare oppure no. Sa, dovremmo prenderlo a rate altrimenti non ce la facciamo…». Era una coppia di pensionati che scriveva al meteorologo di La7 Paolo Sottocorona: i titoli di tg e giornali davano un caldo assassino (più o meno) e loro, piuttosto che soccombere alla colonnina di mercurio, si stavano rassegnando all’acquisto non programmato.
Ecco perché ieri, durante il consueto appuntamento delle previsioni, Sottocorona non ha usato mezzi termini: «Quando sentite parlare di Italia a 40 gradi, è una forma di terrorismo termico che non tiene conto delle fasce meno forti, che possono essere condizionate e suggestionate da un’informazione sbagliata». Ha aggiunto che non è mai successo che tutte le stazioni meteo abbiano registrato contemporaneamente quaranta gradi, neppure trentacinque né trentatré. Quanto al picco, «avrebbe più senso sapere per quante ore della giornata ci sarà quella temperatura. Magari per una e basta».

Più tardi, per telefono, spiega meglio perché è scorretto parlare di «allarme rosso»: «Quando chiedevano a Bernacca se un certo caldo era normale, lui rispondeva “è normale che non sia normale”. Nei prossimi giorni ci sarà molto caldo a Bolzano, a Firenze, a Bologna, insomma nelle città poco ventilate. Ed è statisticamente coerente. Quanto alla distinzione tra caldo percepito e caldo registrato, è solo il travisamento di un concetto giusto: quando c’è tanta umidità il sudore fa fatica a evaporare, di conseguenza il corpo accumula calore e questo aumenta la sensazione di malessere. Se l’umidità creasse calore, allora avremmo trovato una nuova fonte di energia…».

Godetevi il caldo, finché dura, perché poi, come tutto il resto, passerà ed al primo temporale di metà agosto tornerete a rimpiangerlo.

Luca