Non esiste nessuna altra unicità della condizione di Israele che possa giustificare un’indulgenza su quello che Israele sta facendo a Gaza

Il post ha pubblicato oggi un editoriale non firmato piuttosto deciso che sottoscrivo.

Detto tutto quello che dovevamo dire, e considerando il legittimo diritto che Israele ha di difendersi, quello che sta succedendo a Gaza ha superato ogni limite tollerabile.

Quale groviglio di questioni, dolori, giudizi e pregiudizi sia la questione israelo-palestinese è superfluo da dire. In quale incasinato contesto storico – una storia di millenni – e geopolitico – un epocale confronto tra civiltà e sistemi politici e religiosi che sta generando disastri numerosi in molti altri luoghi del mondo – si collochi, altrettanto superfluo. Di quanto tutto questo intrico di già detto e indicibile, di faziosità e tabù, di disperazione e rassegnazione, suggerisca un deluso e frustrato silenzio hanno scritto in diversi con lucidità. Quello che vediamo in questi giorni è – piccola, tra le altre mille cose – anche una robusta lezione sul fatto che ci siano cose che non hanno soluzione realistica soddisfacente, e che la “riduzione del danno” sia in quei casi l’unico approccio sensato e proficuo, a chi interessa un bene più comune possibile e non soltanto il prevalere di una “parte” che ha deciso essere la sua (persino il conflitto israelo-palestinese è diventato soprattutto occasione di individuali capricci egotici e partigianerie vanesie).
Ma dette queste cose, e anzi proprio per non aggiungere inganni ed equivoci a questo quadro già complicato, l’aggressione di Israele di questi giorni va chiamata col suo nome: un’aggressione di violenza ingiustificabile, e che si è distanziata definitivamente da qualunque alibi di legittima difesa potesse essere accampato da un paese che vive in perenne stato di assedio e minaccia. Non si può continuamente mescolare tutto e rendere accettabile tutto spostando ogni volta il discorso sulla distruzione di Israele progettata dai paesi suoi vicini, sull’antisemitismo a Parigi o Roma, sull’unica democrazia mediorientale che deve essere protetta, e su secolari e meritati sensi di colpa dell’Occidente. O sul fatto che i bambini che Israele uccide ogni giorno sono spesso figli di persone che infliggerebbero la stessa violenza ai bambini israeliani. I quali hanno invece dei genitori che si dicono abitanti di un paese democratico governato da forze civili, e non da terroristi: peculiarità che dovrebbe dimostrarsi ogni giorno nei fatti, e non essere dimenticata per dire “Hamas fa lo stesso”. Non esiste nessuna altra unicità della condizione di Israele – e ce ne sono, indubbiamente – che possa giustificare un’indulgenza su quello che Israele sta facendo a Gaza, che ha superato il limite: “un vero massacro”, scrive Gideon Levy sul quotidiano israeliano Haaretz, una strage di innocenti.

Luca

Immagine | Time.com (Oliver Weiken—EPA)

Molti ricordano ancora il futuro che desiderano e che augurano a Israele e alla Palestina

Oggi Repubblica ha tradotto un intervento di David Grossman pubblicato sul New York Times.

Grossman vede un mutamento nell’opinione pubblica israeliana e palestinese che potrebbe portare, prima o poi, ad un accordo di pace.
Ci auguriamo tutti che possa aver ragione.

LA SITUAZIONE in cui sono intrappolati israeliani e palestinesi assomiglia sempre di più a una bolla ermetica, sigillata. In questa bolla, con gli anni, entrambe le parti hanno messo a punto giustificazioni convincenti e raffinate per qualunque azione da esse intrapresa. Israele può dire, a ragione, che nessun Paese al mondo rimarrebbe immobile di fronte agli incessanti attacchi di Hamas, o alla minaccia dei tunnel sotterranei. E Hamas, dal canto suo, giustifica gli attacchi contro lo Stato ebraico sostenendo che il suo popolo è ancora sotto occupazione e che i cittadini della Striscia di Gaza languono a causa del blocco imposto da Israele.

Continua a leggere sul sito del Partito Democratico.

Luca

Israele e Gaza

Sull’ennesimo bagno di sangue a Gaza, nato (non lo dimentichiamo) come reazione al rapimento e all’uccisione di tre ragazzini israeliani, si leggono opinioni delle più disparate, con il consueto schieramento di anime belle a favore dei palestinesi o degli israeliani, ma soprattutto dei palestinesi.

Io non sono mai riuscito a schierarmi da una parte o dall’altra.
Trovo che Israele spesso agisca in modo prepotente e provocatorio nei confronti dei palestinesi, soprattutto se penso alle colonie.
D’altra parte non provo nessuna simpatia per chi governa la Palestina che si disinteressa dei diritti umani delle persone.
Diciamo che se dovessi scegliere, preferirei vivere in un paese governato dagli israeliani piuttosto che da Hamas, ma non è questo che volevo dire.

Stamani, sull’autobus, ho letto una riflessione di Ricccardo Noury, storico attivista di Amensty International, che collabora con il Corriere della Sera, e le sue mi sono sembrate parole molto sagge e del tutto sgombre dai pregiudizi ideologici di quelli che pretendono di interpretare la realtà partendo dall’assunto che ci sia sempre qualcuno tra i contendenti ad avere ragione.

Nessuno che dica “ci siamo sbagliati”: per Hamas tutti gli israeliani sono obiettivi legittimi, mentre per Israele se dei civili palestinesi diventano “danni collaterali” di un attacco contro l’abitazione di un capo di Hamas, la colpa è sua.

Dentro lo schema sono finiti nove palestinesi morti mercoledì notte quando l’aviazione israeliana ha colpito un bar lungo la spiaggia nei pressi di Khan Younis dove decine di persone stavano assistendo alla semifinale dei mondiali di calcio tra Brasile e Germania.

Lo schema prevede, come corollario, la completa mancanza di volontà da parte d’Israele e di Hamas di indagare sulle violazioni del diritto internazionale umanitario: gli attacchi contro obiettivi civili, il danneggiamento o la distruzione di abitazioni private (340 a Gaza), di centri sanitari o infrastrutture, per non parlare di quella che è la violazione permanente che accompagna da anni le popolazioni civili palestinesi e israeliane: la paura.

Mentre Israele minaccia una massiccia invasione da terra e Hamas di tirare fuori dai suoi sotterranei missili ad ancora più alta gittata, Amnesty International ha chiesto alle Nazioni Unite di disporre un’indagine internazionale sui crimini commessi dall’avvio dell’operazione “Confine protetto”.

Le potenze del mondo non possono più stare a guardare, limitandosi ad appelli alla “moderazione”, mentre giorno dopo giorno si susseguono crimini di guerra. Qualsiasi richiesta di cessate il fuoco rischierà di essere inutile se, anche questa volta, non si perseguiranno gli autori di questi crimini.

Credo anch’io che l’unica strada sia quella di individuare le responsabilità personali di chi commette crimini contro i civili.
Partiamo da lì.
Pensare di risolvere il conflitto tra israeliani e palestinesi è purtroppo un obiettivo troppo ambizioso per chiunque e non possiamo aspettare secoli prima di arginare l’uccisione deliberata di civili.

Luca

Foto | The Atlantic (AP Photo/Khalil Hamra)

Non ci sono i buoni

palestina spia

Michele Serra ha scritto la sua Amaca di oggi riflettendo sulle foto giunte dalle Palestina, in cui si vede il cadavere di una sospetta spia trascinato con una moto.

Nella ricca galleria degli orrori di guerra, le immagini dei miliziani di Hamas che trascinano lungo la strada il cadavere di un sospetto delatore, appeso a una fune e trainato da una pattuglia di giovani motociclisti ebbri di entusiasmo, segna un record di ferocia difficile da uguagliare. Atroce in sé, e particolarmente devastante per la causa palestinese. Il pregiudizio anti-arabo si nutre infatti dell’idea che una sorta di inguaribile arcaicità di costumi, di cultura e di organizzazione politica ostacoli l’accesso di quei popoli a ciò che noi chiamiamo “modernità”. Sappiamo, purtroppo, che la condizione della modernità non impedisce a chi se ne fregia di perpetrare violenze e crudeltà inaudite: anche le democrazie bombardano i bambini. Ma quel cadavere trascinato tra le urla di giubilo è come se ci spalancasse sotto i piedi l’abisso di una ferinità che credevamo sepolta in fondo ai secoli, la testa mozza infissa su una picca, il corpo del nemico legato al carro e trascinato nella polvere, lo scempio del cadavere come ricreazione ludica per la soldataglia. Se l’autorità palestinese ha cura delle proprie ragioni e della dignità della sua causa, ne darà certamente segno punendo i colpevoli, che hanno offerto al nemico, già soverchiante per armamenti e per potere politico e militare, una vittoria ottenuta senza sparare un colpo.

Luca

Via | Il Post

Odifreddi e Repubblica si dicono addio

Odifreddi ha pubblicato un paio di giorni fa un post antisemita nel suo blog ospitato su Repubblica.it.

Lo trovate ancora nella cache di Google.

Il titolo del post era “10 volte peggio dei nazisti” ed il succo era questo:

In questi giorni si sta compiendo in Israele l’ennesima replica della logica nazista delle Fosse Ardeatine. Con la scusa di contrastare gli “atti terroristici” della resistenza palestinese contro gli occupanti israeliani, il governo Netanyau sta bombardando la striscia di Gaza e si appresta a invaderla con decine di migliaia di truppe. Il che d’altronde aveva già minacciato e deciso di fare a freddo, per punire l’Autorità Nazionale Palestinese di un crimine terribile: aver chiesto alle Nazioni Unite di esservi ammessa come membro osservatore!

Cosa succederà durante l’invasione, è facilmente prevedibile. Durante l’operazione Piombo Fuso di fine 2008 e inizio 2009, infatti, compiuta con le stesse scuse e gli stessi fini, sono stati uccisi almeno 1400 palestinesi, secondo il rapporto delle Nazioni Unite, a fronte dei 15 morti israeliani provocati in otto anni (!) dai razzi di Hamas. Un rapporto di circa cento a uno, dunque: dieci volte superiore a quello della strage delle Fosse Ardeatine.

Naturalmente, l’eccidio di quattro anni fa non è che uno dei tanti perpetrati dal governo e dall’esercito di occupazione israeliani nei territori palestinesi. Ma a far condannare all’ergastolo Kesserling, Kappler e Priebke ne è bastato uno solo, e molto meno efferato: a quando dunque un tribunale internazionale per processare e condannare anche Netanyau e i suoi generali?

Repubblica ha rimosso il post e oggi Odifreddi dichiara di voler interrompere la sua collaborazione con il giornale in nome della libertà.

Non ne sentiremo la mancanza.

Luca