Babbo Natale non esiste. E se esiste non si chiama Di Pietro

Ascoltando l’intervista di Fazio a Di Pietro ho elaborato una convinzione.
Io alla favola che gli italiani votino Berlusconi perché sono scarsamente informati non ci credo più.
Gli italiani votano Berlusconi, e lo fanno convintamente, perché sono d’accordo con lui.
Molti di quelli che lo votano non si vogliono informare ed è una loro scelta.

Ma non venite a dirmi che non ci sono i mezzi per informarsi, perché non è vero.

In questo Di Pietro è ancora più indietro del PD.
Ed è forse per questo che riesce a prendersi i voti della gente arrabbiata.

Intanto, in parlamento, dove si fanno le leggi vere, il PD è riuscito ad eliminare le ronde dal pacchetto sicurezza e ad affossare il decreto che voleva trasformare i Centri di Permanenza Temporanea in delle vere e proprie carceri.

Il decreto è stato bocciato grazie a 17 franchi tiratori.
L’Italia dei Valori si è astenuta (tranne qualche eccezione).

Lo racconta Gianni Cuperlo:

Finalmente. Oggi abbiamo ottenuto un gran bel risultato. Alla Camera stamattina la maggioranza ha stralciato dal decreto su sicurezza e contrasto alla violenza sulle donne l’articolo 6 sulle ronde (merito del nostro ostruzionismo di ieri). Poi è venuto in discussione l’emendamento sul prolungamento del tempo di detenzione degli immigrati clandestini nei CIE (Centri di Identificazione ed Espulsione, sino a 18 mesi). La discussione è stata piuttosto accesa. Poi noi e l’Udc abbiamo chiesto il voto segreto e la maggioranza è andata sotto. Doppio schiaffo alla Lega e soprattutto una bella vittoria del Parlamento e dello stato di diritto. Aggiungo (e lo dico intenzionalmente con piglio polemico) che l’Italia dei Valori si è astenuta, forse nella speranza di lucrare qualche voto sul capitolo della sicurezza. Ecco, a quelli che imputano al Pd ogni tipo di timidezza e che “Di Pietro, lui sì che fa l’opposizione”, spero siano fischiate le orecchie.

Chissà se gli elettori di Di Pietro sono informati su questo.
Non basta leggere il blog di Di Pietro e di Beppe Grillo per essere informati.

Luca

E ora scrivetelo sui muri

Ho potuto ascoltare il monologo che Roberto Saviano ha proclamato da Fabio Fazio.
Commozione, indignazione, speranza, ammirazione.
Alcuni dei sentimenti che ho provato.

Ora Fazio, Endemol, la RAI o chi per loro distribuisca il monologo di Saviano.
Lo mettano su YouTube.
Ci facciano un DVD.
Lo facciano vedere nelle scuole.

Saremo anche un paese corrotto, ma possiamo vantare persone come Roberto Saviano e come i tanti martiri della camorra che grazie a lui hanno avuto finalmente giustizia.
Vediamo di rendere pubblico il loro pensiero e la loro opera.
Lo dobbiamo a loro per riconoscenza ed a noi per recuperare la nostra dignità.

Il qualunquismo si combatte facendo vedere che non tutti sono qualunque.

Non saremo mai abbastanza grati a Roberto Saviano.

Luca

Con una faccia così

Cioè, io ieri sera mi stavo guardando una inutile partita di basket tra i LA Clippers ed i Boston Celtics e nel frattempo su RAI TRE andava in onda uno speciale su e con Roberto Saviano?
Io non lo sapevo.

Grazie al nuovo splendido sito della RAI possiamo però rivedercelo tutti.

Siccome si sa che i clan faranno fuori Saviano quando il clamore su di lui si sarà spento, anch’io nel mio piccolo tento di tenere alto il clamore.
Continuiamo tutti a parlare di Roberto Saviano.
Teniamocelo stretto.

Luca

Veltroni ha cambiato idea

Perché i politici non stanno un po’ più attenti a non sbilanciarsi?
L’anno scorso Veltroni disse che dopo il secondo mandato come sindaco di Roma avrebbe ritenuto conclusa la sua avventura politica.

Perché i politici non stanno un po’ più attenti a non sbilanciarsi?
L’anno scorso Veltroni disse che dopo il secondo mandato come sindaco di Roma avrebbe ritenuto conclusa la sua avventura politica.
Le cose sono andate un tantino diversamente…

Luca

Via | Manteblog