Ecco, ditecelo voi perché

Sul New York Times hanno aperto una “stanza” in cui dibattono sul perché gli italiani, specialmente le donne, perdonino Berlusconi.

donne e berlusconi

Sul New York Times hanno aperto una “stanza” in cui dibattono sul perché gli italiani, specialmente le donne, perdonino Berlusconi.
Il titolo della discussione è “Democrazia e Decadenza in Italia“.

Italian prime minister Silvio Berlusconi’s career and personal life have caused outrage for as long as he’s been in the public eye. In the latest scandal, wiretapped phone conversations suggest that Mr. Berlusconi has been involved with Karima el-Mahroug, a nightclub dancer, since she was a minor. An investigation has been opened into allegations that Mr. Berlusconi paid Ms. Mahroug and other women for sex.

However, less than 50 percent of Italians are asking for his resignation according to a recent poll. His political future seems, at least for the time being, secure.

Why have Italians — especially the women — tolerated Mr. Berlusconi’s antics for so long? Is there a tipping point for Italians?

Attendiamo risposte.
Grazie.

Luca

Foto | Repubblica.it

Il dittatore Beppe Grillo

Paolo segnala una lettera di Monica Fontanelli che ha lasciato il Movimento Cinque Stelle di Beppe Grillo dopo averne conosciuto i metodi di lavoro interni.

Paolo segnala una lettera di Monica Fontanelli che ha lasciato il Movimento Cinque Stelle di Beppe Grillo dopo averne conosciuto i metodi di lavoro interni.

I metodi, più che assomigliare a quelli di un movimento politico, assomigliano a quelli di una setta religiosa.

Beppe Grillo come Geova.

Il Movimento è eterogeneo, composto da persone che cavalcano la tigre della protesta e che affrontano solo argomenti “facili” sui quali convergere. Quando si parla di piste ciclabili, o di spazi verdi nella città, o di diminuzione dei costi della politica, di raccolta differenziata, di nucleare …. è facile trovare una convergenza di idee e di proposte. Diverso invece è assumere posizioni politiche rispetto alla riforma Gelmini, al finanziamento alla scuola privata, alla laicità dello Stato, ai diritti delle coppie di fatto, alla legge 194 sull’aborto, al problema ormai drammatico della casa, del precariato, all’accordo di Pomigliano, che non è un fatto isolato nel Paese, ma rappresenta il tentativo di togliere sempre più tutele ai lavoratori in tutto il Paese. Su queste e altre problematiche il Movimento non è in grado di prendere una posizione.
[…]
Nelle assemblee si decidono solo alcuni aspetti, per lo più organizzativi, per il resto c’è un’oligarchia che decide per tutti: sono gli eletti e i loro stretti collaboratori. In questi mesi trascorsi nel gruppo l’assemblea non ha deciso nulla di rilevante dal punto di vista politico. Sono gli eletti Favia e De Franceschi che assumono in totale autonomia qualsiasi decisione politica a nome del Movimento.
[…]
Ieri sera l’ultima “farsa”: i Consiglieri Regionali in assemblea pubblica hanno presentato un bilancio politico ed economico dei primi sei mesi in Regione, hanno “rimesso il proprio mandato nelle mani dei cittadini”, quindi c’è stata una votazione al fine di confermare o meno la “fiducia” a Favia e a De Franceschi. Nessuna possibilità di porre domande ai Consiglieri, di discutere veramente su ciò che è stato o non è stato fatto. Una votazione plebiscitaria, ad alzata di mano, nella peggiore tradizione dei peggiori partiti. Uno “spot di propaganda”, non uno strumento di democrazia, una “trasparenza” di facciata. Un’autoesaltazione del proprio operato e una continua denigrazione di ciò che fanno “tutti gli altri”, questo è stato, in una povertà di contenuti e progetti reali davvero impressionante. Stupefacente scoprire, tra l’altro, che il denaro proveniente dagli stipendi regionali dei Consiglieri ( l’Assemblea ha deciso per loro un compenso di 2500 euro mensili ) non viene gestito dal Movimento stesso, ma dai Consiglieri che trattengono l’importo dovuto nei loro conti correnti personali! E questo sarebbe un approccio nuovo alla politica?
[…]
Intanto, per le prossime comunali questo Movimento così aperto alla società civile, così diverso dagli altri partiti avrà un candidato sindaco alle prossime amministrative autocandidatosi e scelto da chi? Dagli elettori che lo indicano in base ad un programma? No, scelto nel chiuso dell’assemblea degli attivi, e solo da chi risulta essere attivo alla data del 30 settembre 2010, scelto quindi da poche persone nella peggior tradizione dei partiti. Criticano i partiti, non accorgendosi però di essere ancor peggio degli stessi, perché non vi è alcuna reale democrazia all’interno
[…]
Per questi motivi lascio il Movimento, per la mancanza totale di democrazia all’interno, per la povertà di contenuti. Lascio il Movimento perché non voglio rendermi complice dell’inganno che stanno perpetuando verso gli elettori : a parole sostengono il programma nazionale di Grillo, nei fatti approfittano del suo carisma per ottenere facili voti di protesta ed iniziare la propria personale “scalata” alle Istituzioni. Non ci sto. I partiti non mi piacciono, ma il Movimento non è ciò che appare: non c’è democrazia all’interno, non ci sono idee che non siano quelle “facili” e scontate che la stragrande maggioranza delle persone può condividere, non c’è un progetto serio di società, solo slogan.
Un Movimento a parole di tutti, nei fatti solo di pochi.

La lettera di Monica Fontanelli ovviamente viene sistematicamente rimossa quando qualcuno prova a pubblicarla su uno dei forum che afferiscono il blog di Beppe Grillo.

Luca

Week end con il morto 2

gheddafi roma

Dopo la prima edizione di Week End con il Morto, quella con il protagonista che viene spostato in giro per Roma con affissa sul petto una foto ricordo con tanto di cornice, torna il colonnello libico ad umiliare quello che resta della nostra democrazia.

Un dittatore spietato e sanguinario, che si fa beffe dei diritti umani, che viene accolto a Roma come una star.

Dice tutto Francesco Merlo.
C’è poco da aggiungere.

Gheddafi a Roma fa quello che vuole non soltanto in cambio delle galere e dei campi di concentramento dove la polizia libica trattiene gli africani che vorrebbero fuggire verso l’Italia, e non solo perché i due fanno affari privati, come da tempo sospetta la stampa internazionale, e ora anche italiana. Il punto è che Berlusconi gli mette a disposizione tutto quello di cui ha bisogno l’eccentricità beduina perché con Gheddafi ha un patto antropologico. È una somiglianza tra capi che la storia conosce già, sono identità che finiscono con il confondersi: Trujllo e Franco, Pinochet e Videla, Ceausescu ed Enver Hoxha, Pol Pot e Kim il Sung… Non è l’ideologia a renderli somiglianti ma l’idea del potere, quello stesso che oggi lega Berlusconi e Gheddafi, Berlusconi e Chavez, Berlusconi e Putin. Ecco cosa offende e degrada l’Italia: l’Asse internazionale della Satrapia.

Luca

Democrazie

Sono giorni importanti per la democrazia.
Gheddafi viene in Italia e ci propina i suoi predicozzi, insegnandoci cosa sia giusto o cosa no.

Il nostro parlamento prende subito atto dei consigli del leader libico ed approva (ma vedrete che cambierà) una legge bavaglio che impedirà ai giornalisti di fare al meglio il loro dovere.
Ovviamente anche una ventina di parlamentari dell’opposizione hanno votato si.
Mi auguro che siano stati tutti dell’UDC.
Vero, Rutelli?

Intanto oggi in Iran ci sono le elezioni e sembra che in quel paese ci sia una gran voglia di cambiare e di smentire i troppi stereotipi che abbiamo su di loro.

Luca

Ma sei scemo? La vuoi davvero vedere morta?

Essendo ormai entrato di diritto nel club degli imbecilli che hanno detto cose a sproposito su Eluana, vorrei precisare quanto segue:

  1. Io Eluana l’avrei lasciata vivere. I ragni li raccolgo e li butto dalla finestra, figuratevi se mi renderei partecipe della morte di una persona. Nessun uomo può decidere della vita di un altro uomo.
  2. Sul desiderio della famiglia di Eluana non mi sarei espresso pubblicamente, non avrei fatto battaglie ideologiche, perché trattasi di questioni private, anzi privatissime, per le quali è necessario avere il massimo rispetto.
  3. Le sentenze dei tribunali si rispettano. Punto e basta.
  4. La gente muore. Muore ogni giorno. Non ho mai visto veglie di preghiera davanti ai reparti di oncologia pediatrica.
  5. Sono cattolico, ma sono democratico. Questa menata dell’obiezione di coscienza a qualsiasi cosa deve finire. Un giorno vi potreste trovare con un medico Testimone di Geova che rifiuta una trasfusione a vostro figlio. Sei un medico, ma non vuoi rispettare la legge? Cambia lavoro. Oppure vai a lavorare in un paese in cui la legge si adatta perfettamente al tuo credo.
  6. Berlusconi e quanti lo sostengono in questa storia del decreto legge sono degli incivili, indegni di vivere in un paese democratico. Per loro il diritto di voto è un diritto assolutamente non meritato. Non si cambia una legge per un caso singolo.

Non pensiate che sia l’unico cattolico a pensarla più o meno così.
Siamo una minoranza silenziosa.

Luca