Oggi è un giorno di lutto per l’Italia

città della scienza di napoli

A Napoli le solite mani criminali hanno incendiato e distrutto la Città della Scienza.
I centri di aggregazione e di promozione della cultura hanno sempre fatto schifo alla Camorra.

Ed è anche per questo che noi la Camorra lo schifiamo.

Solidarietà a De Magistris, ai napoletani, a tutti gli italiani.

Luca

Trova le differenze

Il vicesindaco di Napoli, Tommaso Sodano, ha cambiato idea sulla gestione dei rifiuti a Napoli

Roma, 5 Marzo 2008:

Il presidente della commissione ambiente al senato Tommaso Sodano (Sinistra Arcobaleno) attacca un’ordinanza emanata dall’uscente presidente del consiglio, Romano Prodi. Tale ordinanza stabilisce che, per superare l’emergenza rifiuti in Campania potranno essere bruciate nell’inceneritore di Acerra le ecoballe attualmente prodotte negli impianti di Cdr, che non sono a norma.

Napoli, 23 Giugno 2011:

Tommaso Sodano, vicesindaco di Napoli:
Stiamo ragionando seriamente in prospettiva con il sindaco per rendere Napoli autonoma nel ciclo dei rifiuti. Si tratta di un percorso delicato, che richiederà alcune autorizzazioni e vogliamo quindi farlo con estrema calma e cautela per un maggiore efficientamento e per evitare di ritrovarci in emergenza tra 48 ore… […] resta in vigore l’ordinanza del presidente della Provincia di Napoli. Nei prossimi giorni dimostreremo che Acerra e Caivano saranno effettivamente siti di trasferenza.

Si, perché c’è questa cosa incredibile che i rifiuti da qualche parte vanno messi.
Aizzare le folle è ben più semplice che non amministrare una città come Napoli.

Luca

Via | Stefano Menichini

Due riflessioni sul voto

Il PD se fa le primarie è più facile che vinca.
La sconfitta del PDL e della Lega a Milano secondo me vanno inquadrate non come una vittoria dell’antiberlusconismo, ma come una presa d’atto dell’elettorato di centro-destra che il loro sindaco non ha fatto quasi niente delle cose che gli aveva promesso. E gliela ha fatta pagare.

Pensieri in libertà sulle elezioni.

Il PD se fa le primarie è più facile che vinca.
La gente sceglie chi candidare e poi lo va a votare con maggiore convinzione.
Anche Siena è un piccolo esempio di questo.
Non hanno fatto le primarie ed il candidato sindaco prende 7 punti meno delle liste che lo sostengono.

Il voto al Movimento 5 Stelle è schizofrenico.
Per me non val la pena inseguirlo.

Se dovessi votare a Napoli sarei in grossa difficoltà, perché De Magistris vincitore al ballottaggio non credo che sarebbe una buona notizia per la città.

La sconfitta del PDL e della Lega a Milano secondo me vanno inquadrate non come una vittoria dell’antiberlusconismo, ma come una presa d’atto dell’elettorato di centro-destra che il loro sindaco non ha fatto quasi niente delle cose che gli aveva promesso. E gliela ha fatta pagare.

Il PDL perde voti a Milano, ma li perde anche la Lega. E il PD cresce. È questa la vera notizia, forse.

Ultima cosa.
Il PD potete percularlo quanto volete, perché vince dove perde le primarie.
Però le primarie spesso le fa e quando le vince uno esterno al partito lo sostiene.
E questo mi pare un bel segnale di democrazia.
Specialmente in una realtà italiana in cui quasi tutti i partiti hanno una fortissima devozione al leader.

Luca

Prima dell’abbiamo vinto tutti

Francesco Costa ha fatto la sua consueta analisi del voto prima del voto.
È importantissima Milano, è vero, perché se la Moratti non vince potrebbe partire la resa dei conti nel PDL.
Ma per il PD sono importantissime Bologna e Torino, perché lì ha un suo candidato.
Se Pisapia vincesse a Milano, la vittoria sarebbe da spartire con SeL che ha vinto le primarie contro il candidato del PD.

La Lega ha molto da perdere e poco da guadagnare con queste elezioni.

A Napoli, la vittoria di De Magistris, oltre che un problema per la città, sarebbe un problema per Di Pietro che con il candidato sindaco partenopeo ha in corso una feroce battaglia all’interno del partito.

Per Grillo l’unica vittoria possibile sarebbe quella di impedire la vittoria del centro-sinistra a Bologna e Torino.

Vendola e SeL hanno probabilmente già vinto le elezioni. Se portassero il loro candidato al Comune di Milano sarebbe addirittura un trionfo.
Il terzo polo le elezioni le ha, invece già perse.

Insomma, probabilmente gli effetti delle elezioni si vedranno soprattutto nello spostamento di equilibri interni ai partiti.
La mia previsione è che non ci sarà nessun riflesso importante a livello nazionale.
A meno che Pisapia non vinca anche in un eventuale secondo turno, ma questo mi pare molto molto difficile.

Luca

De Magistris lasci il Napoli ai napoletani

La migliore annata del Napoli calcio degli ultimi 20 anni coincide proprio con le elezioni amministrative per la scelta del sindaco.
Ovvio che tutti vogliano sfruttare l’occasione per ingraziarsi i napoletani.
Uno dei candidati è Luigi De Magistris, uomo dalle mille risorse e dagli zero risultati nella sua carriera di magistrato, a cui hanno archiviato praticamente qualunque inchiesta, l’ultima qualche giorno fa.

La migliore annata del Napoli calcio degli ultimi 20 anni coincide proprio con le elezioni amministrative per la scelta del sindaco.
Ovvio che tutti vogliano sfruttare l’occasione per ingraziarsi i napoletani.

Uno dei candidati è Luigi De Magistris, uomo dalle mille risorse e dagli zero risultati nella sua carriera di magistrato, a cui hanno archiviato praticamente qualunque inchiesta, l’ultima qualche giorno fa.
Quello che scrive su Twitter dimostra forse la statura dell’uomo, di sicuro la sua scarsa conoscenza del gioco del calcio.

Ha scritto, ad esempio, questo:

Berlusconi ruba il derby,chi vota Lettieri consegna Napoli a Berlusconi il quale trucca e compra e fara’ di tutto per far vincere il Milan!

E questo:

La lotta per lo scudetto e’ tra Napoli e Milan,Lettieri e’ persona di Berlusconi che fara’ di tutto per far vincere il Milan.Forza Napoli!

Ditemi voi se il Milan ha rubato il derby e se il Napoli è sfavorito dagli arbitri.
E ditemi se uno che aspira a fare il sindaco possa mettersi a scrivere queste cose.

Il livello del personaggio De Magistris è questo.
Ed è imbarazzante che lo candidino ad amministrare una città come Napoli.

Luca