Quando il travaglismo attecchisce nella società civile

ampugnano

A Siena sono stati affissi alcuni manifesti giganteschi di dubbio gusto.
Devo, per una volta nella vita, concordare con Stefano Bisi.
Siamo alla barbarie.

Peccato, perché il Comitato Contro l’Ampliamento di Ampugnano aveva fatto una battaglia sacrosanta.
Da un po’ di tempo, però aveva iniziato ad alzare i toni, affiggendo cartelloni dal contenuto discutibile.

Oggi mi sembra si sia toccato il fondo.

E’ il Marco Travaglio che si nasconde dentro ognuno di noi e che dovremmo cercare di combattere.
Per il nostro bene.

Luca

La prossima volta, ampliatevi il cervello

La vicenda dell’ampliamento dell’inutile Aeroporto di Ampugnano non poteva che finire così.
Con il presidente di MPS (e ora anche di ABI) indagato per aver favorito il fondo Galaxy nella privatizzazione dell’Ente che gestiva l’aeroporto.

Basterebbe il buon senso, quasi sempre, per capire quando certe opere sono oggettivamente talmente inutili da non poter non allungare ombre di sospetto su chi si adopera per volerle realizzare.

A Siena non abbiamo l’autostrada, non abbiamo la ferrovia elettrificata, ma hanno tentato di farci sembrare indispensabile un aeroporto.
Prima delle valutazioni di impatto ambientale, prima delle turbative d’asta, prima ancora della valutazione dei costi, ci vorrebbe una classe dirigente capace.
Non dico onesta, sarebbe troppo e troppo illusorio.
Capace.
Basterebbe questo.

Luca

Pesci di aprile, Obama a Siena, iPad e robe da poveri

Oggi è il giorno dei pesci di aprile e degli scherzetti in rete.
Google, come al solito, ne ha pensati una decina, tutti poco divertenti.
Localmente, il più simpatico, è quello che annuncia la visita di Obama a Siena.
Per far atterrare l’Air Force One ad Ampugnano sarebbero previsti aggiornamenti e modifiche allo scalo.
Chi ha seguito la vicenda dell’ampliamento di Ampugnano credo apprezzerà lo scherzo.

Oggi è anche l’antivigilia del lancio dell’iPad.
La considerazione più bella è quella fatta da Massimo Mantellini in un commento ad un suo thread su FriendFeed

se la percezione sara’ quella di “una roba per ricchi” ne venderanno a pacchi (specie fra i poveri)

Oggi è anche Giovedì Santo, ma di questo ne parleremo in un’altra occasione.
Con tutto il rispetto per Obama, Ampugnano e l’iPad.

Luca

L’apparenza inganna

Nei giorni scorsi la stampa nazionale si è occupata di Siena, in particolare di un presunto decalogo di comportamento che l’amministrazione comunale intende rendere obbligatorio per chi si soffermi in Piazza del Campo.

Sarà proibito prendere il sole a torso nudo (o in bikini per le donne), giocare a pallone e mangiare.
Si parla addirittura di tolleranza zero e di multe comprese tra i 30 ed i 300 €.

Bello.
Nemmeno Alemanno si spingerebbe a tanto.
Peccato, però che la stessa amministrazione comunale stia provvedendo a deturpare Siena ed il senese con una campagna di cementificazione selvaggia.
Non vi farò l’elenco, ma c’è veramente l’imbarazzo della scelta.
Cito soltanto il centro commerciale Porta Siena (già in procinto di fallire) ed il folle progetto di ampliamento dell’aeroporto di Ampugnano.

Insomma, facciamo finta di essere belli, mentre intorno al centro storico si provvede a distruggere e deturpare tutto il possibile, con l’unico obiettivo di favorire costruttori e proprietari immobiliari che diventeranno al momento opportuno sostenitori politici e finanziatori.

Ah, dimenticavo.
Il decalogo verrà affisso nei cestini porta rifiuti presenti in Piazza del Campo.
Non potevano scegliere un posto migliore.

Luca

Quale la verità su Ampugnano

Vi ho parlato tempo fa della questione inerente il progetto per l’ampliamento dell’aeroporto di Ampugnano.
Ci sono forti polemiche, soprattutto perché a molti di noi sembra che i veri intenti di chi vorrebbe espandere questo aeroporto siano tenuti piuttosto nascosti.

Quando qualche giorno fa ho letto su Il Sole 24 Ore la seguente frase, vi confesso di essermi sentito preso in giro:

Sul piatto ci sono 80 milioni di investimenti ed un numero di passeggeri tenuto volutamente ben al di sotto delle stime per non seminare il panico tra gli abitanti di Ampugnano.

Mi spiegate come può un cittadino non sentirsi preso in giro dalle sue amministrazioni?

Per fare quelli che sono democratici e trasparenti, i gestori dell’aeroporto hanno deciso di aprire quello che loro definiscono un “blog di discussione“.
C’è un unico problema.
La discussione la conducono loro, tanto che vengono pubblicati soltanto i commenti favorevoli.
Quelli che, come questo, non gli piacciono, semplicemente li cancellano.
Quando ho rimarcato questa cosa, mi è stato risposto che:

Tutte le osservazioni e le critiche saranno prontamente pubblicate purché affrontino le questioni contenute nel documento. Saranno date risposte a coloro che pongono quesiti e osservazioni.

Insomma, si parla di quello che decidono loro.
Ma che l’hanno aperto a fare il blog?

Luca