I nostri dipendenti

Io amo Beppe Grillo.
Amo la sua comicità, la sua polemica e la sua passione.

Grillo usa per i nostri politici il termine “dipendenti”.
Perché, essendo pagati da noi, dipendono da noi.

Sul suo Blog ha pubblicato un messaggio video su questo argomento.
Da quando lo ho scaricato, devo ascoltarlo almeno una volta al giorno.

Il testo del messaggio è questo:

Sono Grillo. Beppe Grillo.
Un cittadino italiano.
Vorrei rompere l’incantesimo della politica.
Il politico. Non si deve più chiamare politico.
E’ un lavoratore dipendente.
Siamo noi che gli diamo lo stipendio.
Sono lavoratori dipendenti CO CO CO CO CO a progetto.
Le primarie le dobbiamo fare noi cittadini, non i politici.
Ci mettiamo d’accordo attraverso la rete, Internet.
Fissiamo gli obiettivi.
Poi assumiamo uno di questi CO CO CO CO CO.
Gli diamo i soldi.
Se raggiunge il progetto, l’obiettivo va bene.
Se non lo raggiunge, fuori dalla balle.

Sottoscrivo.

Luca

Io e Beppe Grillo

Un mese fa, dopo la “furba” riforma elettorale della Casa della Libertà, Beppe Grillo nel suo blog lanciò un appello ai suoi lettori per trovare delle idee su come cercare di bloccare l’approvazione di questa ennesima legge truffa.
Io mandai la mia idea, che era questa:

Secondo me ci vuole un bel ricorso alla Corte Costituzionale, perché il maggioritario è stato scelto dai cittadini con un referendum e per tornare al proporzionale ci vuole un altro referendum.
Penso di aver detto una cazzata, ma forse qualcosa del genere è possibile…

In un post di qualche giorno fa, Grillo comunica di aver messo insieme tutti i 3599 commenti dei lettori del suo blog e di averli riuniti in una pubblicazione di circa 1000 pagine.
Tra tutti i commenti, suo figlio Ciro (?!) ne ha selezionati 18.
Al numero 6 c’è il mio.

Sono un costituzionalista geniale.
Sono soddisfazioni…

Luca

Pino Scaccia

Pino Scaccia mi ha invitato su BlogFriends , il Blog degli amici della Torre di Babele.
La Torre di Babele è il blog di Pino Scaccia, secondo me uno dei blog più belli e più “vissuti” della rete, contenente reportage del giornalista RAI dai teatri di guerra nei quali è stato come corrispondente.
A chi scrive commenti, Pino invia un invito per scrivere su BlogFriends.
Io non me lo sono fatto ripetere due volte, ed ho postato subito.
Il mio post lo trovate qui.

Grazie Pino!

Luca

BlogDay

Oggi è il BlogDay 2005.

BlogDay2005

Cito dal sito:

Il BlogDay è iniziato con la convinzione che i blogger dovrebbero avere un giorno da dedicare a conoscere altri blogger, di altri paesi o aree di interesse. Quel giorno i blogger li raccomanderanno ai loro visitatori. Durante il BlogDay ogni blogger posterà una raccomandazione di 5 nuovi blog. Quel giorno tutti i lettori di blog si troveranno a navigare e scoprire nuovi, sconosciuti blog.

Ecco i cinque blog che vi consiglio:

  • Cattivi pensieri
    Il blog di Susanna Schimperna. Una nota giornalista televisiva si cimenta con il blog. Con molta libertà.
  • attivissimo.blog
    Il blog del mitico Paolo Attivissimo, traduttore, divulgatore, esperto di bufale e quant’altro.Un appuntamento quotidiano.
  • Il blog di Beppe Grillo
    Comico? A volte discutibile, ma non posso non segnalarlo. L’espressione di tutte le nostre incazzature e delusioni, che non riusciamo spesso ad esprimere.
  • Razional emotiva
    La prima ad aver linkato il mio blog. Quindi non posso che consigliarvela.Gli sfoghi di una donna depressa, ma sulla via della guarigione…
  • Quelli di Zeus
    Il blog dei tipi di Zeus News. Riflessioni intorno al mondo dell’IT. Con molta ironia.

Questo il mio contributo al BlogDay.

Luca

Il sito del BlogDay