Vuoi che parliamo davvero un po’ di Bibbiano?

artax storia infinita

Se i social sono la tua principale fonte di notizie, potresti aver intuito che negli ultimi giorni è emerso uno scandalo che ha a che fare con dei bambini tolti ai loro genitori per via di presunte molestie e violenze [1], che alcuni di loro sarebbero stati indotti ad accusare ingiustamente le famiglie tramite l’elettroshock [2], che questa cosa è successa a Bibbiano [3], che il PD è fortemente implicato [4] e che i giornali non ne parlano per non scontentare il principale partito di opposizione [5].

Rispondo per punti.

  1. Alcune settimane fa la Procura di Reggio Emilia ha aperto un’inchiesta (cito da Valigia Blu)

    “Secondo le indagini, alcuni bambini sarebbero stati sottratti alle famiglie di origine sulla scorta di dichiarazioni e relazioni manipolate, per poi essere affidati ad amici e conoscenti dei soggetti coinvolti, che – come previsto dalla legge – percepivano una somma mensile. Operatori e psicoterapeuti, invece, ricevevano fondi pubblici ottenendo incarichi, organizzazione di convegni e corsi di formazione”.

    Ok, questo quindi è vero.

  2. I bambini venivano costretti a dire delle cose con l’uso dell’elettroshock? (cita dal Post)

    L’apparecchio trovato dai carabinieri, infatti, non era un apparecchio per l’elettroshock e non serviva a trasmettere scariche elettriche ai pazienti: era invece un apparecchio usato nell’ambito della psicoterapia EMDR, una tecnica utilizzata e rispettata dalla comunità scientifica, che permette di mandare ai pazienti stimoli acustici e tattili. I “due fili” di cui hanno parlato i giornali non danno scosse elettriche ma sono collegati a due manopole che vibrano.

    Ok, questo quindi non è vero.

  3. Si, questa cosa è successa a Bibbiano, paese in provincia di Reggio Emilia.
    Ok, questo è vero
  4. Il Partito Democratico sembrerebbe essere responsabile di quanto successo. In che modo? Perché il sindaco di Bibbiano è del PD ed è entrato nell’inchiesta, anche se solo per motivi “amministrativi”, diciamo. (cito ancora da Valigia Blu).

    Nonostante in un primo momento si fosse diffusa la versione – rilanciata da diversi esponenti politici di altri partiti – del coinvolgimento di Carletti nella gestione degli affidi, il capo della procura di Reggio Emilia Mescolini ha precisato che il sindaco «risponde solo di abuso d’ufficio e falso. Gli viene contestato di aver violato le norme sull’affidamento dei locali dove si svolgevano le sedute terapeutiche, ma non è coinvolto nei crimini contro i minori».

    Ok, questo quindi non è vero.

  5. I giornali e le televisioni non ne parlano per non “scontentare” il PD.
    Sui giornali e sulle televisioni non si parla d’altro da giorni, se non da settimane. Ci sono casi di cronaca molto simili (anche se diversi), come quello raccontato da Pablo Trincia nel suo podcast e ora libro “Veleno” di cui non ne ha mai parlato nessuno e nessuno, che mi risulti, se ne è scandalizzato.
    Ok, questo quindi non è vero.

Riassumendo, l’unica cosa vera è che la Procura di Reggio Emilia ha aperto un inchiesta su una vicenda avvenuta a Bibbiano dove alcuni operatori forse potrebbero avere indotto dei bambini ad accusare le loro famiglie di abusi e di violenze per darli in affidamento e riceverne un tornaconto economico.
Il PD non c’entra niente e nessuna censura è stata fatta su questa notizia.

E allora, perché tutto questo bordello su “E allora Bibbiano?

Si tratta di propaganda politica messa in atto principalmente dal Movimento 5 Stelle, ed in modo minore dalla Meloni e da Salvini (perché far credere che gli freghi qualcosa di bambini maltrattati pareva troppo pure a loro) per motivi che dovremmo chiedere a Casaleggio, a Rocco Casalino o a qualche altro genio della loro cricca. Siccome sono stupidi, si sono scordati di ricordare che il Movimento aveva donato 195.000 € alla onlus Hans e Gretel di cui facevano parte gli psicologi implicati nell’inchiesta e che l’avvocato difensore di uno degli indagati è una esponente abbastanza importante del Movimento nel reggiano.

In tutto questo, Alessandro Di Battista, che Fazi Editore ha colpevolmente preso come collaboratore, ha comunicato che presto si farà un libro su Bibbiano.

E tutto questo è pazzesco e non si riesce a crederci.
Ma tanto non sei arrivato a leggere fino a qui, altrimenti avresti approfondito la questione prima e non avresti creduto alla propaganda grillina.

Almeno mi sono sfogato, che è già qualcosa.

Luca

Nella foto il Nulla che si mangia le nostre menti ottenebrate, rappresentate come Artax, il cavallo de La Storia Infinita.

4 thoughts on “Vuoi che parliamo davvero un po’ di Bibbiano?”

  1. Bel pezzo, Luca, molto accurato. Ordinata la ricostruzione.
    Che i bimbi, da sempre, vengano manipolati, però, è vero e che dietro alle adozioni ci siano storie brutte, pure. Speriamo bene.

  2. Non so più cosa dire su queste storie. La propaganda giallo-verde ha ormai assunto un tale livello di imbecillità e disonestà che ogni commento mi pare superfluo o ripetitivo, perché le cose parlano da sé, alle persone che hanno ancora un cervello funzionante e una coscienza non addormentata.
    Mi piacerebbe che fosse scontato valutare con un minimo (mi accontenterei di un minimo) di razionalità e buon senso, invece assistiamo ad un insulto quotidinao all’intelligenza delle persone e se queste, cittadini ed elettori, rispondono facendosi passivamente manipolare, forse allora se la meritano tutta questa volgarità e meschinità.

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.