Quando le cose sono troppo brutte per riuscire persino a raccontarle

rachel maddow

Viviamo un periodo offuscato da nubi così nere, che a volte è veramente difficile riuscire solo a parlare di certe proposte politiche che vediamo prendere forma nel nostro paese ed in altri.

L’effetto è un po’ quello di Rachel Maddow, una delle giornaliste televisive più famose in America, che si è bloccata mentre leggeva la notizia dell’apertura di centri di detenzione per bambini al confine tra Messico e USA.
Si è commossa e non è riuscita a finire di leggere la notizia.
La storia è questa.

Credo che molti di noi si siano immedesimati con la reazione di Rachel Maddow, perché spesso ci sentiamo come lei.
Di fronte al comparire di certe notizie, ma soprattutto di fronte alle giustificazioni fornite da persone con le quali condividiamo il nostro cammino su questa terra, l’unica reazione sarebbe quella.
Mettersi a piangere.
Come quando sei bambino, e provi a spiegare ad un grande una cosa che sai che il grande non capirà, e allora ti metti a piangere, per la disperazione di non riuscirti a farti capire, e poi il pianto diventa disperato, perché sai che il grande ti riterrà debole, incapace di comunicare le tue idee, e sai che il grande penserà: “Poverino, piange perché si è reso conto di aver torto e non sa come uscire dalla situazione”.

Ci sentiamo spesso come quei bambini che non riescono a farsi capire dai grandi.
Perché sembra perfino impossibile dover spiegare come mai creare un registro dei cittadini Rom residenti in Italia sia una cosa aberrante. Aldilà del giudizio che abbiamo sullo stile di vita dei Rom. Aldilà di tutto.
O che dividere i bambini dai loro genitori, mentre provano ad entrare negli USA, e darli in adozione ad altre famiglie sembra una di quelle favole sadiche dei fratelli Grimm.

Eppure vediamo continuamente, sui dannati socialcosi, e nella vita reale, persone che pensiamo di conoscere, sostenere e giustificare quelle idee aberranti.
Toccherà provare a non piangere e a cercare di spiegare la nostra posizione.

Perché qui stanno uscendo i mostri dalle fottute pareti.
E piangere non li farà scomparire.

Luca

Foto | (John Moore/Getty Images)

2 thoughts on “Quando le cose sono troppo brutte per riuscire persino a raccontarle”

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.