Non è la rete ad essere cattiva, siamo noi ignoranti e spietati

Non voglio riprendere frasi abusate, il dito e la luna, non è il mezzo, ma l’uso che se ne fa, etc, etc…
Non voglio nemmeno fermarmi al caso singolo di una ragazza che si uccide dopo essere diventata ingenuamente il bersaglio di una campagna di odio.
Se una persona si uccide, lo fa certamente per tutta una serie di motivazioni, probabilmente per un malessere così profondo che nemmeno un filmino hard può bastare a giustificarlo.

Questa storia porta però allo scoperto un problema che non è nuovo e che è particolarmente urgente nel nostro paese, dove tutti giriamo tutto il giorno con un dispositivo in mano, condividiamo foto, video e contenuti più disparati nella più beata ignoranza dei mezzi che stiamo utilizzando.

Quando inviamo un contenuto anche ad una sola persona dobbiamo sapere che quella persona potrebbe, volontariamente o meno, girarla ad un’altra persona ancora e questa catena è potenzialmente infinita ed inarrestabile.
Quel contenuto, nel momento stesso in cui finirà sul telefonino di un’altra persona, verrà con buona probabilità salvato anche su cloud, dove ormai vengono archiviati tutti i contenuti (a meno di non disabilitare questa funzione, ma ben pochi lo fanno).

Cosa significa questo?
Significa che se io oggi mando su WhatsApp alla mia ragazza una nostro foto intima e che poniamo sia io che lei domani la cancelleremo, quella foto sarà con buona probabilità già stata archiviata chissà dove sia nel mio archivio cloud che in quello della mia ragazza.
Anche se prendessimo i nostri due telefoni e li buttassimo, quella foto ricomparirà anche sui nostri due nuovi telefoni (a meno di non cambiare account, ma non stiamo a sottilizzare).
In più quella foto, archiviata chissà dove, sarà materialmente presente su un server che potrebbe essere violato fraudolentemente da qualcuno e sempre quella maledettissima foto potrebbe ricomparire all’interno di qualche archivio pubblicato online (ricordate le foto intime rubate ad alcune star?).

Poi, ovviamente, io e la mia ragazza ci potremmo lasciare, e quella foto potrebbe diventare il mezzo utilizzato da uno di noi per portare avanti la sua vendetta.

A tutto questo aggiungete poi il cinismo delle persone, che davanti ad uno schermo di un telefonino, un po’ come quando sono al volante di una macchina, sembrano perdere del tutto la loro capacità di sviluppare empatia verso gli altri.
Molti di noi sono cattivi, lo siamo forse un po’ tutti, ma nella vita reale non ci permetteremmo mai di rivolgergi agli altri come facciamo quando commentiamo qualcosa su di un social network.

E quindi, che facciamo, usciamo da tutti i social network?
È una possibilità, ma non risolverebbe il problema.
L’unica soluzione sarebbe quella di iniziare ad utilizzare i mezzi tecnologici con consapevolezza, imparando a capirne i rischi.
Una volta che inviamo un contenuto a qualcuno, dobbiamo essere consapevoli che quel contenuto potrebbe rimanere sulla rete in eterno, anche contro la nostra volontà.
Se prendiamo parte ad una catena, dobbiamo sapere che potremmo contribuire a rovinare la vita di un’altra persona.
E se questa persona è molto giovane, magari adolescente, le conseguenze potrebbero essere tremende.

In questi giorni ho sentito poche persone aver chiesto scusa per aver portato avanti la diffusione del video hard della ragazza che si è uccisa.
È sempre colpa di qualcun altro, di chi ha iniziato la catena, della ragazza che ha girato il video, della RETE.

Io credo che sia un po’ colpa di tutti quelli che in un momento qualsiasi hanno preso parte a quella catena, facendo in modo che la marea montasse e diventasse sempre più inarrestabile.

Perché a monte di tutte queste noiose disquisizioni tecniche, ci sarebbe poi l’animo umano.
Se provassimo tutti ad essere meno cattivi con gli altri, ecco questa potrebbe essere un’ottima idea.
Non la soluzione, ma certamente un’ottima idea.

Luca

Foto | cyberbully