Spero di vedere di nuovo il tuo viso

flight_93

13 anni fa la tragedia dell’11 Settembre.
Ci ricordiamo sempre dei due aerei che si schiantarono contro il World Trade Center di New York, ci ricordiamo meno degli altri due aerei, uno che si abbatté contro il Pentagono e l’altro che fu fatto precipitare dai dirottatori in un campo dopo che i passeggeri avevano tentato di entrare nella cabina di pilotaggio per contrastare l’azione dei terroristi.

Le telefonate partite dai telefoni del volo 93 dell’United Airlines sono le testimonianze forse più strazianti di quel giorno tremendo.
Lauren Grandcolas, 39 anni, era incinta e provò a chiamare due volte il suo compagno, ma lui non rispose al telefono. Lauren gli lasciò questo messaggio in segreteria:

Jack, rispondi tesoro, mi senti? Okay. Volevo solo dirti che c’è un piccolo problema con l’aereo. Sto bene. Sto benissimo. Volevo solo dirti quanto ti amo.

CeeCee Lyles, una delle quattro assistenti di volo, lasciò questo messaggio nella segreteria telefonica del marito.

Ciao baby… mi devi ascoltare con attenzione, sono su un aereo che è stato dirottato.
Sono sull’aereo, sto chiamando dall’aereo, ti voglio dire che ti amo.
Per favore dì ai bambini che li amo tantissimo, e mi dispiace così tanto.
Mmh, non so cosa dire.
Ci sono tre ragazzi che hanno dirottato l’aereo, sto cercando di restare calma, stiamo girando intorno, e ho sentito degli aerei che sono stati… che sono stati lanciati dentro il World Trade Center. Spero (la voce inizia a rompersi) di vedere di nuovo il tuo viso, baby. Ti amo. Arrivederci.

CeeCee Lyles aveva quattro bambini e quattro minuti dopo aver agganciato il telefono morì nello schianto, insieme ad altre 43 persone.

Luca

Immagine | Wikimedia

One thought on “Spero di vedere di nuovo il tuo viso”

  1. Non dimentichero` mai quel pomeriggio mentre studiavo con una amica, eravamo spensierate e ridanciane come solo delle 20enni possono essere. Poi sua mamma accese la televisione e la societa` e` cambiata, e` cambiato il modo di viaggiare, e` cambiato il modo di vedere gli altri, l’economia… e` cambiato il nemico (che poi ancora chi e` questo nemico mica l’ho capito bene, come non lo avevo capito prima)

Comments are closed.