Un buon proposito, forse anche mio, per il 2014

shale_wall_by_docnomad

Tra i tanti propositi per il nuovo anno pubblicati in questi giorni sulla rete, mi è piaciuto molto quello di Simone Spetia, giornalista di Radio 24, che nel 2014 ha detto che rinuncerà in parte alla sua attività sui social per dedicarsi un po’ di più allo studio ed all’approfondimento.

I social network, la rete, hanno una capacità di ampliare questa conoscenza in maniera smisurata, di darti nuovi spunti e nuove prospettive. Devo conservarli come fonte di notizie, come stimolo per pensieri laterali, diversi, non convenzionali, come osservatorio sulle persone, non come proiezione del mio ego. Troppo spesso, in questi ultimi mesi, mi sono abbandonato ad un uso di questo secondo genere, come se potessi essere un maitre a penser di chissà quale tipo (de sto cazzo, direbbe qualcuno).

Per farla breve, ho sprecato tempo, che ora voglio dedicare a studiare. So troppo poco, voglio sapere di più, per fare il mio lavoro in maniera migliore e con maggiore profondità. E’ una settimana che non scrivo un tweet e in questa settimana ho letto un libro che mi interessava molto con una certa tranquillità, il che mi ha fatto venire altre idee di lettura che mi terranno parecchio occupato.

Sarà che fra poco entrerò anch’io nei quaranta, ma la scelta di Simome Spetia mi ha solleticato.

a ridosso dei quarant’anni non ricomincerò a giocare a tennis, non andrò a correre, non mi ficcherò in una palestra, ma ricomincerò un allenamento mentale che ho lasciato da parte per troppo tempo.

Visto che pure io non ho nessuna intenzione di iniziare a correre o ad andare in bicicletta, chissà che non mi rimetta a studiare un po’ di più.

Luca

Immagine | DocNomad

One thought on “Un buon proposito, forse anche mio, per il 2014”

  1. Io che di anni che ho 47 ho fatto la stessa riflessione qualche anno fa.
    Io che lavoro col cervello (matematico/informatico) ho pensato come posso mantenere efficiente il mio strumeno di lavoro?
    Ho letto che il modo migliore è studiare, fare e imparare cose diverse, ciò che d’istinto non faresti mai.
    Ho cominciato leggendo libri di storia, che odiavo, e ho scoperto che ce ne sono di appassionanti.
    Ho letto di public speaking, di marketing, di leadership efficace, cosmologia e scienza della persuasione.
    Ho provato ad assaggiare cibi che istintivamente non mi attiravano.
    Ho imparato a fare il giocoliere con tre mandarini (un suggerimento che ho preso da Susanna Tamaro).
    Sto imparando a forzare le serrature.
    Mi sono iscritto con mia moglie ad un corso di Rumba e Cha cha cha (questo sì che non me lo sarei mai aspettato da me stesso).
    Ho smesso di prendere il caffè, e bevo molta più acqua.
    Dopo diversi anni di questa “cura” devo dire che i risultati sono evidenti. Sono lucido e non mi dimentico le cose.
    Inoltre ho scoperto che nella vita ti puoi divertire veramente moltissimo.

Comments are closed.