Buttarla sempre in caciara

prato incendio

Anche gli stupidi sanno che Prato è una zona franca per i diritti dei lavoratori cinesi.
Che in quelle centinaia di capannoni lavorino persone senza cittadinanza, senza permessi, senza nessuna possibilità di emergere lo sappiamo tutti e lo sappiamo da anni.

Oggi, dopo i morti arrostiti vivi, dovremmo forse avere la dignità di starcene zitti.
Perché io non ho fatto niente per quei poveri cinesi, ma che mi risulti, nemmeno Enrico Rossi, governatore della Toscana, né tutti gli altri che in queste ore lanciano strali colmi di sdegno.
Forse è lo sdegno che provano per sé stessi e per la loro indifferenza che, con gli anni, è diventata complicità.
Nessuno pensa che sia facile sanare quella situazione di degrado; se lo fosse stato, Rossi ed altri sarebbero intervenuti, magari avrebbero provato a migliorare la condizione di vita di quelle persone.

Se, però, per difficoltà o per inadempienza, non siete riusciti ad intervenire e oggi avete dei sensi di colpa, evitate il melodramma.
E, soprattutto, evitate lo scaricabarile.
La vostra coscienza, e la nostra, non ne usciranno ripulite.

Grazie.

Luca

Foto | Corriere.it

3 thoughts on “Buttarla sempre in caciara”

  1. a me è sempre piaciuto il discorso della “responsabilità oggettiva”, nel senso che se sei un amministratore/direttore/responsabile e succede una cosa di cui di fatto non hai colpa perchè non hai responsabilità causa inettidudine e/o impotenza, beh orgogliosamente o meno le dimissioni ci starebbero abbastanza bene.
    valeva per alfano nel caso ablazov, vale pure per enrico rossi.

  2. si, io non chiedo tanto. certo che, se sei un governatore, e per la strage di Prato dai la colpa a Zara e d H&M, allora sei proprio fuori di testa

Comments are closed.