Abbiamo bisogno di un governo così?

Il Post scrive un commento molto duro sul governo Letta per come ha gestito la questione kazaka.

E’ una vicenda che avrebbe richiesto le dimissioni di due ministri, quello dell’Interno e quello degli Esteri.
Sono state dette molte bugie, sono stati violati i diritti delle persone, è mancata la comunicazione dentro gli apparati, i ministri sono forse stati scavalcati nella catena decisionale.
Un disastro vero.

Ora sappiamo che probabilmente non succederà niente, perché Alfano è il garante per il PDL del governo delle larghe intese e, se cade lui, cade tutto.
Ma viene da chiedersi se abbiamo davvero bisogno di un governo così deludente.

La conclusione è che se il governo Letta supera questo disastro – con implicazioni gravissime per le sorti di alcune persone innocenti e per la credibilità o quel che ne resta dell’Italia – questa sarà una dimostrazione della solidità di questa alleanza di governo, e del fatto che solo diverse dinamiche interne ai due partiti che la sostengono potrà metterla in discussione: non fatti, non errori, non risultati, non fallimenti, non “il fare”. Se invece Alfano dovesse accettare quel che è giusto e dimettersi, sarebbe la fine del governo Letta e dei suoi zoppicanti presupposti: e c’è da chiedersi se non sarebbe cosa buona e giusta, se questi sono i suoi risultati.

Luca