Sputare sul proprio ruolo di rappresentante

Mi chiedo per quale motivo Roberta Lombardi si sia candidata al Parlamento, si sia fatta eleggere, abbia accettato l’incarico (compresi gli 11.000 € mensili che ogni rappresentante del M5S prenderà, diciamocelo), abbia addirittura acconsentito ad essere scelta come capogruppo se poi deve descrivere l’elezione del Presidente della Camera come una pratica inutile.

Se non crediamo in una istituzione, non si accetta di farne parte e di rappresentare il gruppo parlamentare di un movimento che è stato votato dal 25% degli italiani.
O stai dentro, o stai fuori.
Avete deciso di starne dentro, ora svegliatevi!
(quanto mi piace dirlo ai grillini)

Luca

5 thoughts on “Sputare sul proprio ruolo di rappresentante”

  1. Ma questa lo sa che per fare leggi ed emendamenti il Parlamento prima deve eleggere i presidenti di Camera e Senato? E magari poi votare anche la fiducia ad un qualche tipo di governo? O pensava di arrivare li’ e fare delle belle riunioni tutti insieme per decidere quando rovinare definitivamente l’Italia uscendo dall’euro?

  2. Forse per cambiare qualcosa in un modo che non sia “quello dei forconi” , bisognerebbe stare dentro, prendendo atto del sistema, magari non condividendolo, esprimendo il proprio parere e lavorando (legittimamente) per trasformare determinate situazioni. Tutto questo nei tempi “normali” per poterlo fare…
    A volte ho come l’impressione che tutto quello che finora non è stato fatto, a qualcuno sia richiesto di farlo a tempo di record…

    Ed a proposito di sveglie……chissà…se qualcuno si fosse svegliato un pò prima….

  3. @Pulcinella: se non eleggi i presidenti delle due assemblee, se non permetti che un governo si insedii, non riesci a fare niente di quello che ti eri prefisso di fare

  4. se non sbaglio li hanno eletti…e poi qualcuno ha dimostrato che la politica è anche strategia (spesso misteriosa)…forse ognuno ha la sua…

  5. “Noi non incontriamo le parti sociali perche’ noi siamo quelle parti socaili, quei cittadini, quei lavoratori, quei cassaintegrati, quei studenti fuori sede, quei disoccupati che vivono tutti i giorni la realta’ di questo paese” (dallo streaming della consultazione con Bersani)

    Forse un po’ presuntuosa a credere che il M5S rappresenti tutte le parti sociali e non abbia bisgono di dialogare con gli altri rappresentanti delle stesse? O sono io che penso male?

Comments are closed.