Nello sport c’è qualcosa di profondamente sbagliato

Flavio Tranquillo riporta un aneddoto di Gianluca Basile, un grande campione del nostro basket, ora in forza all’Olimpia Milano.

Sto facendo il riscaldamento in campo e sento una vocina che mi dà della testa di c… Mi giro e vedo un bambino di dieci anni al massimo. Mi sono avvicinato e gli ho chiesto: “Ma chi ti ha insegnato a vivere così lo sport? Quando giocavo nella Fortitudo eri appena nato, non puoi avercela con me”. Lui imbarazzatissimo mi ha chiesto scusa ma mi ha fatto riflettere… In Italia nello sport c’è qualcosa di sbagliato, di profondamente sbagliato.

Così, un pensiero per un lunedì qualunque.
Una riflessione sullo sport che potremmo però estendere a tanti altri ambiti della nostra vita.

Luca

2 thoughts on “Nello sport c’è qualcosa di profondamente sbagliato”

  1. Condivido totalmente il messaggio. Ieri ho rudemente (si fa per dire) rimbrottato mio figlio e un suo amichetto che declinavano interi teoremi sull’arbitro di Siena-Juve, su Conte, ecc ecc. E’ bastato far presente che sarebbe stato sufficiente buttare dentro almeno una delle maxi occasioni sprecate per convincerli che i complotti non servono a niente. Poi ho visto la prima pagina del Corriere di Siena di oggi e mi sono cadute le braccia….

  2. >ho visto la prima pagina del Corriere di Siena di oggi
    >e mi sono cadute le braccia
    e’ sempre colpa dell’arbitro, o della casta

Comments are closed.