La rosa purpurea di Renzi

La discutibile scelta dell’Espresso di pubblicare il piano per usare Matteo Renzi come candidato premier del centro-destra

Avrei da dire un po’ di cose su come l’Espresso abbia reso noti i contenuti di uno sgangherato piano per utilizzare Matteo Renzi come candidato premier del centro-destra alle prossime elezioni.
Si può pubblicare quello che si vuole, per carità, però bisognerebbe farlo informando i propri elettori che quel fantomatico documento è si autentico, ma è una roba sgangherata dietro il quale non c’è né Verdini, né Dell’Utri e né Berlusconi.

A pensar male uno ci potrebbe vedere dei secondi fini dietro queste robe, ma forse è soltanto un modo per tentare di vendere un po’ di copie.

Il richiamo alla libertà di stampa di Alessandro Gilioli è risibile, perché non pubblichi un documento nel quale si vocifera che la terra è dominata dai mutanti alieni, senza dire che è una stronzata, ma anzi dandole risalto. Se lo fai sei un pessimo giornalista, se lo fai scientemente sei un pessimo giornalista e pure in mala fede.

Per il resto, vi consiglio di leggere Luca Sofri che mi pare abbia perfettamente centrato il problema.

Luca

2 thoughts on “La rosa purpurea di Renzi”

  1. Ti riscrivo lo stesso commento che ho postato su Il-Post (retweetto un mio commento, avanti eh? 🙂

    Povero Renzi, deve fronteggiare sia gli attacchi del nemico che quelli del nemic… ops amico.
    A parte gli scherzi grotteschi di qualche simpaticone del PDL, rimane il fatto che Renzi sebbene conduca una politica di sinistra (cultura, scuola, diritti civili …) se fosse eleggibile prenderebbe una valanga di voti dagli elettori del centro-destra.
    A molti di sinistra questo fa storcere il naso, la sentono come un’invasione di campo, una contaminazione inammissibile di elettorato e quindi superficialmente si bollano il loro “candidato” (?) col maggior potenziale di successo come di destra, finendo per bruciarselo.
    Le assurdità della politica italiana. Che forse il troppo gradimento sia poco di sinistra?

Comments are closed.