Adriano è meglio che canti

Volevo commentare la prestazione di Celentano ieri sera, uno che dice cose molto integraliste e che chiuderebbe Avvenire e Famiglia Cristiana perché troppo laiche, ma ho letto Mantellini e mi limito a sottoscrivere.

L’invasione di campo delle competenze altrui è stata una costante velenosa di questi ultimi anni: dallo Sgarbi critico d’arte alla Minetti statista, fino al Beppe Grillo politologo, i guasti causati dall’incompetente sul palco non prevedono eccezioni di schieramento (anche se il centro-destra ha fatto della incompetenza assoluta dei nominati una chiara regola di controllo del potere) e non scompariranno da un giorno all’altro. La speranza è che ora, fatto il governo tecnico degli italiani, si facciano gli italiani tecnici che, almeno sui giornali ed in TV, esercitino la decenza minima di parlare delle poche cose che conoscono e tacere su tutte le altre.

Luca

14 thoughts on “Adriano è meglio che canti”

  1. Meglio quello che dice Celentano che lasciare tutto così com’è… Ben venga qualcun’altro di più preparato a sollevare certe tematiche davanti a 12 Milioni di telespettatori… Ma che venga però!!!! O lasciamo che la tv sia solo grande fratello, xfactor e fiction ???

  2. Certo, dire che la Chiesa predica bene e razzola malissimo, non credo rappresenti un modo onesto e completo di rappresentare la realtà. Però, di questi tempi, dobbiamo accontentarci: pretendere che gente come Celentano sappia di che parla prima di aprire bocca, in effetti sembra veramente troppo….

  3. Il problema della Chiesa è che predica male. Poi ragioniamo del razzolare, ma almeno sapesse predicare…

  4. @P Delprà
    Ma la Chiesa, quella potente , il Vaticano cosa fa per la gente che soffre? Vivono immersi nell’oro, mentre i bimbi muoiono di fame, e in più dicono che noi, dobbiamo fare sacrifici per aiutarli…io per l’amor del cielo, nel mio piccolo provo a fare qualcosa, ma loro che avrebbere tutte le risorse e i mezzi per aiutare se ne sbattono.
    E questo mi sembra proprio l’opposto di quello che disse Gesu’!!! Perchè non mi sembra che ci sia scritto da nessuna parte, vivi nell’oro, e abbandona i preti missionari….

  5. 🙂 AHAHAHAHA
    Il mio non era un “perchè” con tono di minaccia eh 🙂
    Come ho detto faccio le cose normali, non posso dire di dedicarmi notte e giorno ad aiutare gli altri, sarei falso, ma un qualcosina la faccio.

    Il mio è un discorso generico, perchè comunque ci sono molti preti che fanno bene il loro “lavoro” o meglio la loro missione, ma penso che nelle alte sfere del vaticano ci sia del marcio.

  6. sono sostanzialmente d’accordo, ma cerco sempre di evitare le generalizzazioni. Leggo Avvenire con una certa regolarità e, al netto delle inevitabili notizie “interne”, lo ritengo un buion giornale che spazia anche su temi di estero che le grandi testate ormai hanno abbandonato da tempo perchè non interessano al grande pubblico. Sul predicare e razzolare, dò per scontato che nessuno tra di noi ormai si aspetti una coerenza di vita tra i “compagni” del PD, SEL, ecc, ecc. Per cui il fatto che ci si accanisca contro la Chiesa affinchè sia coerente e si tralascino ormai le barche, le scarpe di lusso, le vacanze alle Maldive dei leader della sinistra, lo considero un segno di considerazione positivo del pensiero cristiano….

  7. Predicare di chiudere giornali per quanto non ci piacciano e` da fascisti, anzi piu` che fascisti, nazisti. quindi insopportabile.

    Poi volendo si puo` discutere di finanziamento pubblico ai giornali e un sacco di altre cose… ma se un giornale non mi piace, mi limito a non comprarlo, non impedisco a chi lo vuol leggere di farlo.

  8. @eleonora: i giornali nella storia sono stati chiusi abbondantemente anche dai comunisti… 😉

  9. @PDelprà: nei paesi con dittature comuniste di sicuro…in Italia almeno oggi fanno fatica a tenerli aperti! 😉

Comments are closed.