Il passaggio davanti a casa

Sul perché le navi passino davanti certi porti per salutare le persone sulla terraferma, ho trovato su FriendFeed la citazione di una pagina in cui viene spiegato come mai le navi facciano questa operazione davanti a Camogli, dove c’è una casa di riposo per comandanti in pensione.

Il passaggio davanti a Camogli viene considerato nella tradizione marinara un vero e proprio “inchino”. Questo termine è usato solitamente quando si naviga molto vicino alla costa del Golfo del Leone per evitare le ondate del maestrale impetuoso. Alla stessa maniera, le navi comandate dai camogliesi , alterano la rotta per entrare nel Golfo Paradiso e si “inchinano” dinnanzi alla loro città, salutandole con tre poderosi fischi. C’è chi, sulla riva, si meraviglia della vicinanza dell’unità alla costa e non comprende il significato di quel saluto e c’è chi invece, sventola un asciugamano o una coperta dalla finestra per farsi riconoscere dalla gente di bordo.

Al Giglio probabilmente facevano la stessa cosa.

Nella tradizione marinara internazionale è d’uso salutare le località costiere che sono in qualche modo legate all’equipaggio della nave.

Luca

3 thoughts on “Il passaggio davanti a casa”

  1. Si probabilmente era un inchino…. il Capitano Schettino e` di origine gigliese (fonte: unomattina).
    E` prassi, e` vero, e del resto quello che in Italia non e` vietato, si puo` fare…. A questo giro ha preso male le misure.

  2. E’ giusto così. Son tradizioni che vanno rispettate. Sempre per tradizione possiamo far passare i cacciabombardieri a raso delle torrette degli aeroporti come su TopGun…che non sarebbe male come idea. Scusate l’ironia, ma io continuo a vederci solo lo sfondo commerciale. Fatevi un giro a Venezia quando passano questi bestioni davanti alla Giudecca, e chiedete che ne pensano…ne sentirete delle belle.

Comments are closed.