8 thoughts on “A chi dice che parliamo troppo della Costa Concordia”

  1. tutta la settimana, letterman ha fatto facile ironia sulla questione.
    Per rincarare la dose ha chiamato in causa anche la Knox…
    forse è solo un modo diverso di concepire l’ironia. bisognerebbe capire che cosa dissero ai tempi del Cermis, o che cosa direbbero se noi facessimo facile ironia a riguardo…

  2. vabbè ma avete presente che tipi di vignette che stanno girando su FB? agghiaccianti.. david è il minimo dei problemi.. forse fa scalpore perchè è straniero.. ma è una notizia internazionale questa.. e capita che il capitano è italiano.. non credo ci sia ironia solo per la nazionalità..

  3. giustamente, elena… e in effetti il mio riferimento al Cermis è solo perchè è avvenuto in Italia.

  4. io vengo presa per il culo perchè sono siciliana.. ci ho fatto il callo e manco tanta impressione di più 😛

  5. Ci prendono per il culo perchè quando un comandante dice di essere sbalzato per caso su una scialuppa con il secondo ufficiale, quando dice che è buio come un bambino, quando si scopre che sul ponte di comando ci sono persone non autorizzate, ecc ecc è tutto piú facile.
    All’estero ci marciano ma almeno cerchiamo di non rendere la cosa facile

  6. @duccio: si, esatto. c’è modo e modo di fare casini. noi abbiamo un’abilità tutta nostra nel farli e nel negarli nei modi più ridicoli

  7. Tra l’altro Letterman parla del fatto che un’auto americana ha un navigatore migliore di una nave da crociera italiana… pecacto che la Costa Crociere sia di proprieta’ americana :d

Comments are closed.