La stupida giornata di ieri

Il Post riassume così la giornata che abbiamo vissuto ieri in Italia, dove ci siamo fatti tutti prendere in giro da Franco Bechis (e non dico altro):

E sapete cos’è stata, questa giornata? Il condensato in poche ore dello stato di ebbrezza permanente del sistema politico-mediatico di cui dicevamo, che il Post oggi si è disposto a seguire pensando che non si potesse arrivare a tante vette di asilo infantile e che ci fosse la notizia: e ha sbagliato. In molti si sono divertiti, certo, e anche a noi ogni tanto viene da ridere, mentre teniamo gli occhi sullo schermo. Poi li solleviamo e diamo un’occhiata a come stiamo messi.

Luca

10 thoughts on “La stupida giornata di ieri”

  1. Comunque sono sorpreso di sentire gente che per anni ha scassato la minchia sul fatto che le crisi di governo dovevano nascere in Parlamento e oggi invece invita il premier a dimettersi subito…..

  2. Diciamo che il logoramento in questo caso è durato più di un anno.
    Una presa di coscienza da parte del governo non sarebbe stata così scandalosa.

  3. apprezzo certamente la affermazione di delprà, se non fosse che il presidente del consiglio ha costantemente usato il parlamento come zerbino. pertanto, è comprensibile che chi lo vuole togliere da torno ora agisca con la stessa sua lingua

  4. apprezzo certamente la affermazione di delprà, se non fosse che il presidente del consiglio ha costantemente usato il parlamento come zerbino. pertanto, è comprensibile che chi lo vuole togliere da torno ora agisca con la stessa sua lingua

  5. Ma te sei ossessionato dai radicali. Faranno un po’ di casino come sempre. Comunque oggi non succede niente.

  6. Hai un bel coraggio!! Ho contato almeno 5 tuoi post ultimamente su queste simpatiche canaglie….
    Io li considero una vera iattura per cui me ne auguro sinceramente lo sterminio politico, e quindi sono un po’ fissato, lo ammetto.
    Ma tu????

    ps: se dici che oggi non succede niente, allora è probabile che accada il contrario, come ieri… ehehehe

Comments are closed.