Ad una settimana dal referendum…

… io non so ancora cosa votare.

Prima considerazione.
Fatta eccezione del quarto questito, quello sul legittimo impedimento, i quesiti sono complessi e riguardano leggi in parte già superate dagli eventi delle ultime settimane.

Il referendum sul nucleare, ad esempio, pare ormai che non riguardi più il nucleare, quanto il piano energetico nazionale.
Gli altri due, quelli sull’acqua pubblica, in realtà non riguardano soltanto l’acqua, ma rischiano di influenzare anche altri ambiti. Il secondo quesito infatti potrebbe, in alcuni casi, bloccare gli investimenti sulla depurazione dell’acqua ad esempio. Lo spiega Renzi nella sua newsletter (ultimo paragrafo).

Seconda considerazione.
Tutto questo passa parola che ha preso piede nei socialcosi è sfiancante.
Tutti sappiamo cosa succederà domenica prossima.
Potete anche smettere di ricordarcelo sedici volte al giorno.
Non siamo ancora totalmente rincoglioniti.
Grazie.

Terza considerazione.
Il governo non cadrà per i referendum.
Avendo ormai lasciato libertà di voto, non succederà niente nemmeno nel caso che venisse raggiunto il quorum.
La maggioranza ha retto, per ora, alla sconfitta di Milano.
Figuratevi cosa gliene frega di quattro referendum.

Per quanto mi riguarda, mi sto ancora facendo un’idea.

Probabili due si e due no.
Vediamo.

Luca

3 thoughts on “Ad una settimana dal referendum…”

  1. per me il no al secondo referendum sull’acqua ha motivazioni più profonde di quelle descritte da renzi. ne ho scritto da me. sul resto concordo abbastanza con te

  2. @Champ: beh, il tuo punto di vista è interessante. Mi sarà utile nella scelta.
    @P Delpra’: bah, piuttosto che l’astensione forse val la pena votare no.

Comments are closed.