Riprendere fiato

Accendo la radio e mi ascolto le dichiarazioni di voto sulla fiducia al governo.
Mi becco subito Di Pietro.
I toni del suo intervento, prendendo alcune frasi sparse, sono questi e sono agghiaccianti.
Mi risveglio mentre sta parlando Bersani.
Tiro un sospiro di sollievo e mi riaddormento felice dopo la chiusura del segretario:

Noi abbiamo da presentare un progetto al paese.
Oggi qui non si apre una pagina nuova, qui si comincia a chiudere la pagina vecchia.
La pagina nuova l’apriamo noi. Noi l’apriamo.

Ieri pomeriggio esco dal lavoro, inforco la bicicletta e mi avvio sui lungarni in una splendida serata settembrina.
Accendo la radio e mi ascolto le dichiarazioni di voto sulla fiducia al governo.
Mi becco subito Di Pietro.
I toni del suo intervento, prendendo alcune frasi sparse, sono questi e sono agghiaccianti:

Lei è uno spregiudicato illusionista, anzi un pregiudicato illusionista.
Lei, sig. Berlusconi è un vero “maestro”: intendo dire un maestro della massoneria deviata, un piduista di primo e lungo corso, un precursore della collusione e della corruzione di Stato.
Lei, sig. Berlusconi, non è un presidente del Consiglio ma è uno “stupratore della democrazia” che, dopo lo stupro, si è fatto una legge, anzi una ventina di leggi ad personam per non rispondere di stupro!
Lei è la testa della piovra politica che in questi ultimi vent’anni si è appropriata delle istituzioni in modo antidemocratico e criminale per piegarle agli interessi personali suoi e dei suoi complici della setta massonica deviata di cui fa parte.

Le dichiarazioni di voto vanno avanti.
Io salgo nel bus e mi addormento.
Mi risveglio mentre sta parlando Bersani.
Tiro un sospiro di sollievo e mi riaddormento felice dopo la chiusura del segretario:

Noi abbiamo da presentare un progetto al paese.
Oggi qui non si apre una pagina nuova, qui si comincia a chiudere la pagina vecchia.
La pagina nuova l’apriamo noi. Noi l’apriamo.

Luca

8 thoughts on “Riprendere fiato”

  1. Ciao Luca,
    francamente l’unica cosa che trovo agghiacciante, è la realtà.
    Le parole dell’Onorevole Di Pietro, descrivono la realtà, ed è per questo che ti appaiono agghiaccianti.
    Cordiali e civili saluti.

  2. Anche le scuregge sono la realtà, non per questo uno se ne va in parlamento a scureggiare allegramente.

  3. Non mi sono ancora interessato molto della questione, ma mi pare di capire che ci siano alcuni candidati tutti piuttosto validi. Ci saranno le primarie, vediamo cosa viene fuori…

Comments are closed.