Giulio, Francesco aspetta a te

Quando senti Andreotti parlare in questo modo di Giorgio Ambrosoli ti verrebbe di dire cose sconvenienti:

…gli occhi non cambiano espressione quando, alla domanda su perché Giorgio Ambrosoli è stato ucciso, risponde così:
«Questo è difficile, non voglio sostituirmi alla polizia o ai giudici, certo è una persona che in termini romaneschi se l’andava cercando»

Perso Cossiga, quando perderemo anche Andreotti, l’Italia sarà forse un posto migliore in cui vivere
Di sicuro un posto meno cinico.

Luca

Via | Corriere.it

One thought on “Giulio, Francesco aspetta a te”

  1. sto leggendo le lettere di aldo moro (tra l’altro su suggerimento di un post sul tuo blog) e penso che se hai governato per 50 anni l’Italia del dopoguerra, forse il cinismo tocca che lo tiri fuori se non ce l’hai…

Comments are closed.