Piccole idee geniali

Riguardo le presunte difficoltà nell’estendere le tecnologie capaci di individuare i goal fantasma a tutte le categorie calcistiche, ieri alla radio ho sentito una cosa geniale.

Gigi Garanzini, durante la sua trasmissione su Radio 24 A Tempo di Sport ha riproposto un’idea di un suo amico calciatore, Silvio Smerzi.

L’idea è semplice.
Dopo la linea di porta aggiunta della larghezza del pallone il campo deve avere una pendenza tale che il pallone, quando vi rimbalza, prende una traiettoria verso il fondo della porta.
Se il tiro colpisce la traversa ed il pallone rimbalza dentro la porta non può più tornare in campo.
Semplice, no?

Niente telecamere, sensori, microchip o arbitri di linea.
Solo vanga.

Luca

7 thoughts on “Piccole idee geniali”

  1. Beh, mica deve essere un fossato, soltanto la pendenza sufficiente a deviare il pallone verso la rete.

  2. ho l’impressione che il rischio per le caviglie di giocatori e portieri in particolare è troppo grosso…io fossi un professionista non accetterei

  3. Una minima pendenza di qualche millimetro, forse sufficiente a determinare il tipo di rimbalzo citato da Luca, credo possa essere attutita dalle scarpe con i tacchetti. Come soluzione, però, rimane utopistica nella logica di estensione a tutte le categorie. Ho giocato in campi in cui parlare di buche e poggi era riduttivo.

  4. millimetri? così a idea ci vuole qualcosina di più forse…ma forse sbaglio.
    certamente dipende da quanta pendenza ci vuole…

  5. Ci vorrebbe un fisico per fare il calcolo… 😉
    Al limite uno che c’ha il fratello ingegnere.

  6. lascio la palla al genio di Blatter…e poi pensi che non abbia già una teoria in merito?

Comments are closed.