Silvio Scaglia

In giro c’è gente che inizia a chiedersi se 67 giorni di carcerazione preventiva non siano un po’ eccessivi.
Silvio Scaglia, fondatore di Fastweb, è stato arrestato il 26 Febbraio.
Era all’estero, ma è rientrato subito in Italia per consegnarsi alla giustizia, nonostante si proclami innocente ed in tanti lo considerino egli stesso vittima della truffa per la quale è indagato.

Se volete, c’è un blog che segue la vicenda.
Oggi pubblica un’intervista a Pierluigi Celli:

Silvio è sempre stato rigoroso in una maniera quasi calvinista. Non si è mai permesso nulla che non fosse ampiamente entro le regole. Faccio fatica anche solo ad immaginare un comportamento men che corretto da parte di Scaglia. Figuriamoci una condotta delittuosa.

E’ una situazione inaccettabile. Al di là del merito dell’inchiesta, su cui ho la mia opinione personale, credo che una carcerazione così lunga sia del tutto incomprensibile. Silvio Scaglia non è un criminale, ma un cittadino che era all’estero e poteva restarci ma ha voluto rientrare al più presto in Italia per collaborare con i magistrati, come un cittadino perbene. Invece gli è stato inflitto un tormento senza senso”.

E’ un sistema che non capisco. Se hai elementi per provare la colpevolezza di un imputato lo processi e lo condanni. Ma non si può tenere un essere umano in galera, qualunque cosa abbia fatto, nella speranza che prima o poi confessi. Questo sul piano dei principi perché, per quel che vale, io su Silvio un’idea ce l’ho: ripeto, non riesco a concepire un suo gesto men che rispettoso delle regole.

Forse vale la pena seguire la vicenda.
I diritti umani valgono per tutti, anche per i miliardari.

Luca

Via | Christian Rocca

One thought on “Silvio Scaglia”

  1. Secondo me,. il problema purtroppo è ancora quello di un sistema giudiziario che va riformato. Non può però essere riformato da questa maggioranza, perchè in evidente conflitto di interessi, nè può essere riformato dall’attuale opposizione, perchè sarebbe lesivo dell’avversario… e quindi abbiamo assurdi come questo, o altre meraviglie per cui tra i tuoi amici scopri che c’è chi è stata in ballo tra udienze e tribunali penali per sette anni, e poi sentirsi dire “ma perchè lei è qui? lei è del tutto estranea ai fatti”.
    C’è un altro problema: bisogna cambiare, ma non ho assolutamente idea di come…

Comments are closed.