Piazza Craxi

Io, adolescente all’epoca di Tangentopoli, ho disprezzato il craxismo e soprattutto chi tendeva a giustificare le malefatte socialiste con “il così fan tutti”.
D’altra parte, vedendo parlare in TV Gasparri o Livia Turco, mi viene da pensare che almeno Craxi aveva un suo perché.

Il problema è che, come quasi sempre succede nel nostro paese, non si può discutere serenamente di qualcosa senza per forza doversi schierare.
Quindi, se provi a dire che Craxi forse non è stato proprio il peggior politico che abbiamo avuto in Italia, allora significa che difendi i tangentisti. Se invece ti azzardi a dire che il Partito Socialista era diventato un grande mezzo per dispensare favori ben retribuiti, allora sei un giustizialista e dipietrista.

Luca Sofri ha scritto oggi una cosa che spiega bene questo mio pensiero:

Non sono un esperto di Craxi, ero piuttosto giovane e vivevo in provincia: ho cominciato a capire qualcosa di quel tempo e quel mondo quando si sono sbriciolati e la storia è stata scritta con l’accetta da chi li ha sbriciolati. E sono abbastanza convinto che molti di quelli che giudicano ora quei tempi non ne avessero grande percezione, allora.
Ma c’è una cosa che trovo parimenti stupida e superficiale nelle argomentazioni craxiste e anticraxiste: ed è la pretesa che le colpe morali e legali e politiche non possano aver convissuto con delle visioni riformiste e lucide (cosa che non avviene per esempio con i governi Berlusconi), che il trafficame escluda i buoni progetti e viceversa, che i giudizi non possano essere complessi e le analisi un po’ più approfondite. Si può essere buoni padri e pessimi mariti.
A chi dice che il governo Craxi ebbe delle notevoli illuminazioni politiche, rispondere “non è vero, rubavano”, piuttosto che constatare quelle illuminazioni è da fessi. A chi dice che era un sistema di corrotti e corruttori del tutto consapevoli e responsabili dei disastri che compivano, rispondere “non è vero, era un grande progetto riformista”, piuttosto che ammettere responsabilità e disastri è da fessi.
L’alternativa sarebbe stata discutere e capire le cose, ma ormai è tardi. Magari la prossima volta.

Luca

2 thoughts on “Piazza Craxi”

  1. sono daccordo ma con un distinguo: da una parte c’è Craxi la cui complessità di politico è ancora tutta da digerire storicamente, dall’altra c’è questo recente tentativo di riabilitarne ed istituzionalizzarne la figura che mi pare abbia ben altre e meno nobili finalità.
    All’origine del problema sta il fatto che gli italiani non hanno ancora compiutamente elaborato e risolto la questione Tangentopoli, anziché affrontarla si è solo riusciti a nasconderla, a rimuoverla dal nostro campo visivo oppure, per contro, ad estremizzarla, ma niente è davvero realmente cambiato. E’ per questo che ad oggi non è ancora possibile analizzare pacatamente e con distacco il fenomeno Craxi ed è per questo che oggi nella mia città non vorrei avere una piazza dedicata a lui

  2. @Davide: pienamente d’accordo con te. Mi permetto anche di dire che – per me – le piazze o le vie devono essere intitolate a persone egregie. Con tutto che vedo in Craxi l’ultimo politico italiano che ha saputo mantenere una certa fermezza con gli alleati americani, non penso che si meriti tale nomea.

Comments are closed.