Il peso giusto alle cose. Anche a Facebook

Su Facebook hanno rinominato alcuni gruppi (anche espressamente contrari a Berlusconi) in gruppi di sostegno al premier.
Magari vi eravate iscritti al gruppo “Berlusconi dimettiti” ed oggi ve lo ritrovate trasformato in “Sosteniamo SILVIO BERLUSCONI contro i FAN di massimo TARTAGLIA”.
Evidentemente qualcuno si è divertito a fare uno scherzo.

C’è grande sdegno nella rete e c’è chi chiede addirittura il ricorso al garante della privacy.

A me paiono reazioni esagerate.
Ci dimentichiamo forse di una cosa importante, che è la stessa cosa che si dimenticano i giornalisti quando vanno a cercare su Facebook i più torbidi retroscena.
I gruppi su Facebook sono una minchiata, un giochino, un modo per divertirsi con gli amici.
Torniamo a dare il giusto valore alle cose.

Luca

2 thoughts on “Il peso giusto alle cose. Anche a Facebook”

  1. sto ripetendo lo stesso concetto a tutti i miei amici scandalizzati, uno dei quali – avvocato di privacy – ha già predisposto l’esposto al garante…
    a me fa venire in mente quel mio amico che condivideva su napster l’inno sovietico intitolandolo “faccetta nera”

Comments are closed.