Genchi

Ho già espresso le mie perplessità su Gioacchino Genchi, uno dei pupilli dell’area dipietresca, travagliesca, grillesca.

Genchi qualche giorno fa aveva espresso dei dubbi sull’arresto di due mafiosi proprio dopo il No-B Day ed aveva dichiarato (ripreso dal blog di Beppe Grillo):

I veri poliziotti che hanno fatto quella cattura (di Nicchi e Fidanzati, ndr) si sono vergognati e se ne sono andati e mi hanno telefonato, mi hanno detto qui stanno facendo uno schifo, perché hanno organizzato una messinscena davanti alla questura, portando le persone loro, con i pullman, per organizzare quell’apparente solidarietà alla polizia.

Non so se l’arresto dei due mafiosi sia stato rimandato ad una data che fosse significativa.
Di sicuro c’è che la gente che era davanti alla questura ci era andata di sua spontanea volontà, visto che erano gli appartenenti ad alcune organizzazioni anti-mafia, tra cui Addiopizzo.

Ovviamente c’è chi si è arrabbiato con Genchi e con chi continua a dare importanza alle sue parole:

Genchi dice assurdità: quei ragazzi li conosco, non c’era alcun pullman ed erano arrivati con i loro mezzi, anche durante la strada e persino in via Juvara la gente esultava per l’arresto, la solidarietà è vera.

Luca

Via | Francesco Costa