Io voglio un quotidiano che mi piaccia

ilfatto

Inutile negarlo.
Il Fatto Quotidiano, il nuovo giornale diretto da Padellaro e voluto da Marco Travaglio, ha sbancato.
Trentamila abbonati “sulla fiducia”, prima che il quotidiano uscisse, e centomila copie vendute il primo giorno sono, nell’anno della crisi dell’editoria, un successo straordinario.

Il primo numero non tradisce le attese e fa capire subito quale sara il taglio del giornale, grazie ad un titolone che recita “Indagato Letta” per una storia vecchiotta e forse non proprio decisiva.
Insomma, spingere a tutta forza nella direzione del giustizialismo.

Una domanda vorrei fare a Travaglio e Padellaro.
Quando avremo arrestato tutti (compreso Di Pietro che qualche scheletruccio nell’armadio ce l’ha pure lui) che faremo?
Gli italiani che verranno dopo saranno migliori dei loro predecessori?

Io, intanto, aspetto che qualcuno pubblichi un giornale che mi piaccia.

Luca

7 thoughts on “Io voglio un quotidiano che mi piaccia”

  1. qual è il limite massimo della grandezza dello scheletro per cui si può chiudere un occhio? che c’è: “Siamo tutti colpevoli!”? (cogliere la citazione please…) Quando avranno arrestato tutti se chi viene dopo sarà peggio, contnuerò a pretendere che arrestino anche quelli dopo, o pare troppo?

  2. per capire che è un quotidiano utile basta andare a pagina 5 dove viene dedicata mezza pagina -mezza- a quello sconosciuto di Marino mentre nell’altra metà un articolo spiega quanto sia furbetto il meccanismo di elezione del nuovo segretario PD. Probabilmente il fatto sarà utile anche alla sinistra, va capito quando e se la sinistra arriverà a capirlo.

  3. posso farti compagnia nell’attesa?
    l’ho guardato, l’ho letto, l’ho riletto… a parte le idee differenti dalle mie, sostanzialmente identiche a quelle che già si potevano leggere su “voglioscendere”, non ci vedo nulla per cui possa considerarlo un giornale con un taglio innovativo…

  4. Scusa Luca ma non capisco….
    Intanto cosa c’è di male ad essere giustizialisti ed a pretendere che chi ci rappresenta nel mondo siano persone al di sopra di ogni sospetto.
    Poi io non mi sento come loro e non ho scheletri nell’armadio, non capisco perchè devo tollerare che persone indagate, puttanieri e chi più ne ha più ne metta, vada in giro a rappresentarmi ed a farmi vergognare di essere italiano con tutto il mondo.
    Terzo, se ci rassegnamo ad avere il meno peggio, allora la storia di Letta non è decisiva, ma se si può sperare in meglio, allora è importante che la gente sappia, e poi non mi sembra una cosetta da niente, aprire un centro di accoglienza baypassando le autorità locali per dare un appalto ad un amico mi sembra gravotta come cosa….
    Forse sarò terra terra, ma preferisco 10 Travaglio a 100 Vespa, se permetti !
    Lo sai, non mi toccare Travaglio e Grillo perchè mi altero !
    :-))

  5. Peccato che l’11 agosto scorso la magistratura ha archiviato le accuse a Letta…
    Partenza con il botto ma con bufala al seguito… hi hi hi hi

  6. E’ giusto pretendere la legalità dai nostri politici, ma non c’è soltanto quella.
    Io la storia di Letta non la conosco, ho solo sentito a Radio Radicale che dicevano essere una storia già nota e piuttosto gonfiata (tanto che a Roma l’hanno archiviata).
    Quello di fare la posta ai magistrati per avere notizie di indagati eccellenti è un modo di fare informazione che non condivido, ma è un mio gusto personale.
    Sennò poi tiriamo fuori anche la storia di Beppe Grillo che è stato riconosciuto colpevole di omicidio colposo e così via.
    Vediamo cosa fanno le persone e giudichiamole da quello.
    E poi detto tra noi, tutta questa fiducia nei magistrati io proprio non riesco ad avercela.

  7. Etichettare come giustizialista chi chiede legalità e trasparenza a chi ci amministra ormai è di moda, ed è una bella scusa per tapparsi le orecchie. Perchè sei così critico?
    Sottolineo invece che questo nuovo quotidiano nasce senza un’editore alle spalle che lo finanzi, senza un partito che ne detti la linea politica, senza usare i soldi pubblici che finanziano i giornali.

    @yetiste: Certo che le argomentazioni sono in stile “voglioscendere”, ma il target di un giornale cartaceo è differente rispetto a quello di un blog online, non trovi? Da ieri anche la mia nonna potrà leggerle.
    @Tovarish: Nessuna bufala, sei disinformato.

Comments are closed.