Pizza e mandolino

Dal nuovo presidente della RAI, Paolo Garimberti, mi sarei aspettato qualcosa di diverso.
Da uno che è stato socialista e che è stato vice-direttore di Repubblica non mi sarei aspettato un gesto di censura.

La presidenza Garimberti sarà ricordata, come suo primo atto, per la sospensione di Vauro che ha osato dire la sua opinione sul terremoto in Abruzzo.

Non è un bell’inizio.
Quando il TG1 ha gioito per gli ascolti registrati negli speciali sul terremoto, invece non ha detto niente nessuno.
Quando Vespa raccoglieva dalle macerie un peluche che probabilmente aveva comprato all’autogrill nessuno ha strepitato.
Lì non si urtava nessuna sensibilità.

Va sempre tutto bene.
Viva la protezione civile.
Viva il governo.
Viva gli italiani buoni e solidali.

E che nessuno abbia da dire niente di diverso.

Luca

8 thoughts on “Pizza e mandolino”

  1. Come se la vignetta non dicesse il vero….
    non e` offensiva, solo drammaticamente veritiera.
    Non capisco perche` la messa in onda di disperazione e lacrime sia cronaca mentre una vignetta sia offensiva.

  2. mi sa che a breve comincerò a rimpiangere Benjamin, la “formidabile” rubrica di approfondimento letterario di Riotta

  3. La vignetta sulle bare è terribile non diciamo cavolate. A tutto c’é un limite dai…

  4. aprirò una chiesa in tuo onore per testimoniare quanto sono daccordo con te 🙂

  5. @Luca: dove è la vergogna nella vignetta? A chi si manca di rispetto con essa?
    E’ unavignetta molto dura, che fa riflettere e che, secondo me, lancia un grido al posto di chi rimane vittima degli eccessivi abusi edilizi.
    Si è molto discusso in italia sul famoso decreto casa, il quale, oltre a permettere di aumentare i volumi di alcune tipi di case(che in linea di principio non vedevo sbagliato), pervedeva un abbassamento dei parametri antisismici. I beceroni politici che si sono scandalizzati, a parer mio, sono stati vittime di quell’antica reazione umana chiamata “coda di paglia”, facendosi falsi portavoci di chi non può più madarli a fare in culo chiedendoli poi di farsi un ballino di cazzi propri: sono loro i veri indecenti.

    Le parolacce sopra inserite non sono scaturite dal tuo post, @luca, ma dalla mia rabbia verso i suddetti inquisitori.

Comments are closed.