Almeno sono morti un pochino più comodi

Ci sono poche storie che mi affascinano come i racconti delle spedizioni in montagna.
Vita, morte, natura.

L’estate scorsa sul K2 ci fu un’ecatombe.
In una notte, per una serie di fatalità, morirono 11 alpinisti.

Tra quelli che riuscirono a sopravvivere c’è Marco Confortola, uno degli alpinisti più bravi che abbiamo in Italia.
La settimana scorsa Marco è stato ospitato da Daria Bignardi per presentare il suo libro “Giorni di Ghiaccio” nel quale racconta la sua versione su quei terribili giorni.

E’ una storia dura che commuove, soprattutto quando Marco racconta di come abbia cercato di spostare due alpinisti coreani che erano rimasti appesi a testa all’ingiù per tentare di farli morire in una posizione un po’ più comoda.

Ci furono tante polemiche in quei giorni.
Marco tentò poco dopo il suo ritorno di spiegare quello che era successo.
Del resto lui porta una macchia indelebile, quella che hanno tutti i sopravvissuti: la colpa di essere vivi.

Marco Confortola, invece sembra una persona schietta.
Un montanaro vero, capace di cedere un suo guanto (avete idea di cosa significhi a 8300 metri?) per cercare di coprire il piede di un uomo rimasto senza scarpone e destinato a morire di lì a poco.
Capace anche di ritardare la discesa e di usare le ultime forze per cercare di far morire più dignitosamente due persone.

Luca

One thought on “Almeno sono morti un pochino più comodi”

Comments are closed.