Attenzione attenzione, la sto per sparare grossa

La nostra italietta è scossa da veementi polemiche sulla canzone che Povia presenterà a Sanremo.

Sembra che l’autore prediletto da Bonolis canterà una canzone dal titolo “Luca era gay”, in cui si narra la storia di un suo amico malato di omosessualità e poi guarito.
Lo stesso Povia disse di aver avuto la stessa malattia e di esserne uscito dopo sette mesi di decorso.

Ci sono state veementi polemiche da parte delle associazioni dei gay che hanno chiesto che a Povia fosse impedito di partecipare a Sanremo.

Volete sapere la mia opinione?
La cosa migliore sarebbe stata quella di ignorarlo.
Se ci facciamo intimorire da Povia, vuol dire che siamo veramente alla frutta.
E poi in Italia non c’è libertà di pensiero?
Lasciamo dire a Povia le cretinate che vuole che è anche piuttosto bravo.

Non dimenticherò mai la dedica che fece ai suoi genitori dopo la vittoria a Sanremo (andate al minuto 5:08 del video).
Fossi stato suo padre lo avrei preso a sberle.

Il commento più bello lo fece Beppe Grillo:

Non so perché, ma ho quasi sempre l’impressione che le associazioni dei gay sbaglino la tempistica ed i bersagli delle loro campagne.
Davvero vogliamo fare la guerra a Povia?
Non ci posso credere.

Luca

2 thoughts on “Attenzione attenzione, la sto per sparare grossa”

  1. pienamente d’accordo con te sull’inutilità di certi provvedimenti. certe idiozie si commentano da sole, e la censura serve solo a favorirne la diffusione…

    MALATTIA??? GUARITO??? boh!

  2. condivido pienamente lo sdegno
    e mi piacerebbe prolungarmi su ciò che le associazioni gay fanno in realtà durante tutto l’anno, ma non è questo il momento

    però posso aggiungere allo scempio di quella premiazione una notizia che stamattina mi ha colpito.

    buona lettura

    e complimenti per il tuo blog
    l’ho incrociato solo adesso

    B.

Comments are closed.