Salve, sono Mariastella Gelmini

Caterina Guzzanti imita il ministro Mariastella Gelmini che ha aperto il suo canale su YouTube.

Guardateli in successione.
Fantastica.

Luca

4 thoughts on “Salve, sono Mariastella Gelmini”

  1. ciao a mariastella a quando una scuola pubblica di secondo grado on line che rilascia tutti i diplomi senza perdita di tempo e denaro ops euro a costi menomenozero.ee a quando pensi di creare un istituto professionale sempre pubblico on line per rilasciare ogni genre di attestato a norma di legge per le qualifiche professionali esistenti. a costi meno più meno zero. senza burocrati collusi intrusi per attendre anni e anni per vederti riconosciuta una qualifica professionale e svuotare i portafogli per raggingerla . a quando una università sempre pubblica e non privata on line che rilascia lauree a costi dimeno dimeno sotto zero. eliminare tutta la burocrazia sprechi di tempo euro e decenni per conseguire un titolo che poi non sai cosa fartene. lo collezioni in agenda come titolo o foto ricordo. dai cara datti una mossa e voilàààààà tutto non niente in poco tempo si può si deve creaaaaaa. caio tesoro.

  2. A seguito di inique sentenze a Palermo il Provveditorato agli Studi nell’organico di Maggio 2009 farà transitare 510 dipendenti ex Enti Locali ex collaboratori scolastici nelle scuole statali con la qualifica 4° livello B2 Assistenti Tecnici di laboratorio nonostante tali dipendenti posseggono solo la licenza elementare o la licenza media inferiore andando appunto ad occupare e gestire i laboratori di Informatica , Elettronica ed Elettrotecnica , Fisica , Meccanica , Chimica , Tecnici di cucina eccetera senza averne le conoscenze minime al merito ed ignorando anche le basilari leggi sulla sicurezza ai sensi della legge 626 . Tale inserimento nelle scuole di Palermo e Provincia avviene a danno di tutti , e dicasi tutti , gli Assistenti Tecnici assunti annualmente in qualità di vincitori di concorso e scorrimento di graduatoria e che si trovano in tale graduatoria in quanto possessori di diploma di scuola media superiore e regolare qualifica professionale al merito , i quali dal 1° Settembre 2009 si troveranno disoccupati insieme al rispettivo nucleo familiare . Firmate la presente petizione perchè ciò non avvenga , non vi siano 500 ulteriori disoccupati , non vi sia nella scuola pubblica personale incapace di svolgere la propria mansione . GRAZIE
    Per Chi volesse dare il proprio sostegno : http://www.firmiamo.it/assistentitecnicidisoccupatiapalermo

  3. Chissà se prima di essere nominata ministro, la Gelmini sapeva già che il suo ministero della pubblica istruzione sarebbe stato in realtà un’appendice del ministero dell’economia e delle finanze. Una sorta di cavallo di Troia usato dal governo per tentare di risanare i propri debiti, mascherando da riforma un sistema di tagli indifferenziato, foriero di un regresso senza precedenti nel mondo dell’istruzione del nostro paese. Alla fine però se ne sono accorti tutti e la stessa Gelmini ha dovuto ammettere che il decreto comporta 7,8 miliardi di euro di tagli alla Scuola. Ormai solo tra i fedelissimi chiamano ancora “riforma” quello che in realtà si è rivelato un vero e proprio colpo di scure all’istruzione scolastica. Politici, sindacalisti, insegnanti, precari, da tempo dicono la loro sui giornali e in tv, ma sempre più di rado si fa riferimento ai contenuti del decreto, al punto che da pochi giorni qualcuno ha sostituito il concetto di “maestro unico” con quello di “maestro prevalente” del quale, manco a dirlo, nel decreto non c’è nessuna traccia. Per farsi un’idea basta leggersi gli otto articoli che compongono il “taglio Gelmini” proprio dal sito del governo (http://www.governo.it/Governo/Provvedimenti/testo_int.asp?d=40106) . Quello che colpisce, oltre al titolo, “Disposizioni urgenti in materia di istruzione e università”, sono le premesse: “Ritenuta la straordinaria necessità ed urgenza di attivare percorsi di istruzione di insegnamenti relativi alla cultura della legalità ed al rispetto dei principi costituzionali…”

Comments are closed.