Ancora su Brunetta

Ho già parlato male di Brunetta e del suo frustrato modo di fare politica.
Credo che ora abbia però superato il limite.

L’idea del concorso satirico è talmente demenziale da essere offensiva.
E sul lavoro non si scherza.
Nemmeno quando a rimetterci sono gli altri.

La conclusione migliore è quella fatta da Cristian, un precario che è tale solo perché vive in Italia (in qualunque altro paese europeo avrebbe da scegliere tra chissà quante possibilità):

Io lavoro come precario da oltre cinque anni in un Comune come sistemista informatico, sempre con la spada di Damocle di successivi rinnovi di contratto che arrivano ore prima della scadenza: prima con agenzie interinali e da un anno e mezzo con un contratto a tempo determinato.
Caro Ministro, ma vaffanculo.

In qualità di precario, mi associo.
Si, caro ministro, vaffanculo.

Luca

Via | Cristian Conti

65 thoughts on “Ancora su Brunetta”

  1. in qualita` di precaria a vita, schiava dell’universita` che si fa bella col mio nome:
    brunetta, vaffanculo

  2. mi sbaglio o beppe grillo coi suoi vaffa ci aveva cominciato a rompere un po’ i coxxxoni?
    cos’è una riabilitazione precoce?!?

  3. dal forum del dito http://www.precari.org

    8 domande al ministro Brunetta

    di osservatoriosullalegalita.org

    1- Perche’ i ministri e sottosegretari di questo governo, anche quando sono completamente assenti dalle aule parlamentari (come l’on. Berlusconi, ma nemmeno lei, Brunetta, e’ molto presente) percepiscono il compenso come eletti del parlamento? Non sono forse assenteisti? E il loro compenso – che pure e’ significativo (ben oltre 10 volte quello di un impiegato statale, piu’ vari benefit e la superpensione, e il tutto per lavorare solo dal martedi’ al venerdi’) – non dovrebbe essere tagliato per ogni seduta disertata, in base ai principi ispiratori delle nuove norme da lei varate? O, in alternativa, perche’ non si dimettono da parlamentari?

    2- E’ vero che quando era parlamentare europeo lei fu assente dagli scranni di Bruxelles per circa la meta’ del mandato? Sbagliamo se pensiamo che non presento’ alcuna giustificazione, non fu sottoposto ad alcun controllo e non provvide a restituire allo Stato i soldi che le venivano comunque erogati per il ruolo? E come avveniva la gestione delle sue assenze come professore universitario – statale – mentre era parlamentare europeo?

    3- Perche’ con le sue norme solo dal terzo episodio di malattia si deve presentare un certificato dell’ospedale o del medico di base? Per favorire i medici privati e chi puo’ avvalersi economicamente della loro prestazione? Non sarebbe maggiormente di garanzia un trattamento uniforme per tutti e sempre?

    4- La visita fiscale e’ un controllo sulla effettiva patologia dell’impiegato in malattia e sulla congruita’ del periodo d’assenza prescritto. Perche’ deve trasformarsi in una punizione (anzi, in arresti domiciliari) per il malato tenendolo inchiodato in casa dalle 8 alle 13 e dalle 14 alle 20? Diverse patologie – anche se invalidanti (come un braccio o una gamba ingessati o come la depressione) – non comportano immobilita’, o addirittura necessitano di uscite durante il giorno, rimedio di cui con il suo metodo non sara’ piu’ possibile avvalersi. Ma nemmeno il riposo durante il giorno sara’ piu’ possibile, per chi vive solo, dovendo questi restare per quasi 12 ore in attesa dello squillo del campanello.

    5- Perche’ ci deve essere sperequazione tra un malato, poniamo oncologico, leucemico o con grave depressione, della Pubblica amministrazione e un malato impiegato nel privato con le stesse patologie e che deve essere reperibile per la visita fiscale solo dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19? Un malato e’ un malato e come tale va rispettato e curato.

    6- Perche’ tagliare di circa un terzo lo stipendio per i primi dieci giorni di ogni episodio di malattia? Cosa puo’ farci chi e’ colpito frequentemente da problemi di breve durata che fanno accumulare uno-due mesi di malattia l’anno mentre magari il collega infortunato (ma in questo caso dovremmo dire fortunato) sta a casa per sei mesi per un solo episodio di malattia? Si vuole forse scoraggiare l’emicrania dal tormentare i malcapitati che ne soffrono o le malattie da raffreddamento dal perseguitare chi opera in luoghi di lavoro freddi o umidi (come certi tribunali)? Dubitiamo che le malattie vere si facciano condizionare da simili metodi, cosi’ come fa un po’ senso pensare che per stanare chi denuncia malattie false si penalizzi chi sta male veramente.

    7- Perche’ il personale vittima di cause di servizio deve perdere comunque il 30 per cento circa dello stipendio nei primi 10 giorni di malattia? Solo molto dopo l’approvazione del decreto il sen. Gasparri ha parlato di esentare polizia ed esercito dall’odioso balzello, ma – a parte il fatto che potrebbero esserci altre categorie vittima di cause di servizio, ad es. medici o personale a contatto con il pubblico o infine soggetti mobbizzati – al momento si prevede per tutti la punizione extra in caso di malattie o infortuni professionali e il trattamento piu’ favorevole viene mantenuto SOLO se il contratto lo prevede.

    8- Poiche’ timbrare e uscire configurava gia’ prima del suo decreto i reati di falso, truffa e talora anche abbandono del posto di lavoro, la diffusione della pratica non solo evidenzia il fatto che l’inefficienza pubblica e’ da attribuirsi in buona parte ai falsi presenti in buona salute, ma denuncia pure una connivenza dei dirigenti che non hanno mai provveduto a chiamare le forze dell’ordine per la constatazione dei reati. Come pensa di porre rimedio a questa situazione? Non crede che sia scorretto penalizzare economicamente (e non solo) chi sta male, quando si fa poco o nulla per una pratica sicuramente illecita e generatrice di inefficienze realizzata da chi sta bene e da dirigenti ben pagati?

    In definitiva, dato che i soldi dello Stato sono i nostri, e il rispetto dei diritti umani del malato e’ un dovere in primis dello Stato anche per chi fa parte dell’ormai odiata categoria della PA, ci sembrerebbe doveroso che Lei spiegasse perche’ per la sua brillante idea devono rimetterci i malati veri e perche’ per lei e i suoi colleghi di governo oggi parlamentari italiani e ieri parlamentari UE che si sottraggano al servizio deve valere un trattamento morale ed economico diverso da quello dei normali impiegati della PA, visto che sono tutti pagati dallo stesso datore di lavoro.

    http://www.laprovinciadicomo.it/stories/Cara%20Provincia/21862/

    L’indignazione degli statali onesti e corretti

    Alla Camera e al Senato risulta, al primo posto come assenteista, proprio il Pdl di Berlusconi, di Bossi e delle destre che se la prende con i dipendenti pubblici
    Egregio direttore, sono settimane che vengono pubblicati dati che io prenderei con le pinze sulla diminuzione dell’assenteismo e sui cosiddetti “fannulloni”: ora basta, non se ne può più. Questo fra Cristoforo manzoniano, con il dito alzato, che sembra dire: «Guai a voi se vi ammalate», ormai provoca la più profonda indignazione da parte di quegli italiani che sono, purtroppo, finiti nel suo calderone.
    I dati denunciati solo nei confronti dei lavoratori, fatti in questo periodo, sono poco attendibili perché bisogna considerare molte cose, gli straordinari non pagati, le ferie accumulate che devono essere fatte entro l’anno e quant’altro. Occorre essere meno bacchettoni verso gli indifesi e, al contrario, sempre secondo le tabelle pubblicate, essere più severi, onesti e corretti quando si siede al potere. Proclamato dagli stessi cittadini che ora vengono sbeffeggiati e terrorizzati dal ministro Brunetta, accompagnato da altri. Alla Camera e al Senato risulta, al primo posto come assenteista, proprio il Pdl di Berlusconi, di Bossi e delle destre. Anche da qui la mia collera. E vengono pagati profumatamente. Non sarebbe il caso di dare davvero una lezione esemplare a partire da loro? Sembra che ad onorevoli e senatori, dipendenti dello Stato, non possano essere applicate le stesse regole.
    Il loro stipendio di un mese è pari a quello di quasi un anno di un impiegato pubblico, che inoltre non può accedere a tutte le agevolazioni di cui godono ministri & Co. Ma la vogliamo smettere di fare esternazioni nei confronti di insegnanti meridionali, di dipendenti fannulloni che “rubano lo stipendio”? Il rispetto è a senso unico, in questo paese, come accade ai “piccoli” verso i “grandi”, viceversa i governati possono permettersi di ridicolizzare e prendere di mira ogni dipendente pubblico. Non mancheranno quelli che certamente approveranno questa ostentazione, perché semplicemente non sopportano di stare qualche minuto in più in coda davanti a uno sportello di qualsiasi ufficio pubblico. Personalmente ho assistito a scenate indecenti, con insulti e minacce, perché uno sportello postale non era operativo. Ma i tempi, i lavori e i turni non vengono stabiliti da un dirigente? Naturalmente Brunetta infierisce anche contro i dipendenti degli ospedali e della scuola: allora perché non ci spiega come mai vengono effettuati pesanti tagli che ne riducono l’efficienza? Sono nata nel profondo Nord, a Varese, sono stata dipendente statale del Nord, sono un’ex insegnante del Nord in pensione regolare e mi offendono certe affermazioni.

    demagoghi di …
    PS
    A me l’on prof mancato premio nobel ricorda le frustrazioni e le rivincite del personaggio di una nota canzone di Fabrizio de Andrè

  4. Un grandissimo governo, dopo il ministero dei pomp…, abbiamo il più grande ministro che la P.A. potesse aspettarsi. Si noi siamo sicuri che il ministro brunetta sarà all’altezza del suo compito. Certo noi sappiamo che, purtroppo tu non sei riuscito a lavorare neppure un giorno della tua vita, ma adesso ti si prospetta un’ottima occasione per poterti misurare. Un bellissimo lavoro di elevata responsabilità in cui un tuo errore potrebbe costare la vita a qualcuno (e non c’è poi nessun lodo Schifano che possa salvarti), in cui ti si concedono molti turni di notte, molte domeniche e festività di lavoro, le ferie dovrai discuterle con i tuoi colleghi, avrai una schiera di capi più o meno autoritari e tutto questo per ben 1250 Euro. Inoltre ti viene data la possibilità di sporcarti le mani (non solo in senso metaforico come spesso accade nei tuoi ministeri) pulendo gli escrementi e vari liquidi biologici. Vedi che bello, iscriviti anche tu alla facoltà di Infermieristica e vedrai che il lavoro non manca (non si capisce perché nessuno voglia fare questo lavoro). Quando finalmente ti sarai laureato avrai anche tu il titolo che, con orgoglio potrai esporre di “gran fannullone” (di questo naturalmente ti siamo debitori) non come i tuoi “onorevoli” colleghi (il cui unico onore è quello di non produrre nulla e di consumare moltissimo) che, purtroppo per loro non sanno fare nulla.
    Certo tu sei molto brillante quando ci dici che la sanità deve essere data alle cooperative in outsarching oppure in make or buy, la gente è normalmente così poco dotata che non capisce che il tuo intento è la privatizzazione completa del sistema sanitario, questo naturalmente per arricchire chi ha già tanti soldi (troppi). Si sa bene che l’esternalizzazione non ha portato a nessun risparmio (anzi ad una perdita in termini monetari) e ad uno sfruttamento selvaggio dei poveri lavoratori riducendo l’efficacia (qualità) delle prestazioni. Dalle ricerche del gruppo OASI risulta che mediante le esternalizzazioni solamente il 4% è riuscito a far quadrare i bilanci (in pareggio, mediante gli appalti) tutti gli altri sono in perdita; naturalmente quelli che pagano di più sono certamente i pazienti (i più deboli); ma cosa importa tanto gran parte di questi non sono produttivi e quindi dei parassiti e tu non rimpiangerai certo la loro dipartita (che gran brava persona).
    Carissimo ministro noi ti auguriamo tutto il bene possibile, però se per dovessi avere qualche problema di salute al tuo già precario fisico speriamo sia una malattia cronica degenerativa e che tu possa poi trovare un ministro che ti vuole togliere i soldi per la tua malattia. Se poi questa malattia grave avesse il soppravvento noi di certo non porteremo ne fiori ne opere di bene, ma una grande festa che si ripeterà commemorativamente ogni anno (sarai il nostro eroe). Certo il tuo sarebbe un bellissimo funerale come quello del re sole (in cui sputavano sulla bara). Infine quando arriverai sul pantheon degli dei potrai ricevere anche tu la tanto meritata zucchinificazione (vedi Seneca). Dai brunetta facci sognare ed abbandona questa valle di lacrime.

  5. Sono d’accordo a porre un freno agli assenteisti, però non bisogna fare di tutta l’erba un fascio. Vivo al sud, campo con mille euro al mese e devo dire che lo spreco non è soltanto nella pubblica amministrazione. Da me i forestali lavorano 6 mesi l’anno, poi fanno altro, non pagano nessun ticket, percepiscono assegni di disoccupazione che equivalgono al mio stipendio di un anno. Ci sono pure grossi proprietari terrieri ed allevatori con Suv esagerati che sembrano i padroni della strada, eppure spuntano disoccupati e indigenti. SPESSO I LORO FAMILIARI RISULTANO LAORATORI STAGIONALI PRESSO COLLEGHI, E LORO FANNO LO STESSO CON I PARENTI DEGLI AMICI, IN MODO CHE TUTTI POSSANO PERCEPIRE LA DISOCCUPAZIONE, LA MALATTIA, ASSEGNI DI GRAVIDANZA ETC., POI trascorrono l’estate nella loro villa al mare con piscina annessa. Come mai il governo non fà nulla per arginare questi sprechi, ma se la prende solo con noi statali. Io lavoro Otto ore al giorno per mille euro al mese, esco dall’ufficio spesso con il mal di testa, non prendo malattia da 4 anni e come me c’e ne sono parecchi.
    Spesso la notte per arrotondare andavo a fare il cameriere nei ristoranti, visto che con la miseria del mio stipendio non riesco a mandare avanti la famiglia, ora ho paura anche a fare questi sacrifici perchè Brunetta a previsto il licenziamento per chi invece di rubare soldi allo stato come fanno parecchi forestali, proprietari terrieri ed allevatori, a deciso di guadagnare qualche soldo extra onestamente.
    Spero che il governo Berlusconi elimini gli sprechi guardando anche altrove, perchè vedere persone Con i vecchi miliardi vantarsi di percepire pure assegni di disoccupazione da un gran fastidio, pensando soprattutto ai mille euro mensili percepiti, nel mio caso più che onestamente.

  6. io mi son fatta il mazzo 11 anni per curare gente che stava male,ora che in questo momento ho bisogno io mi ritrovo agli arresti domiciliari, e di sicuro non per una patologia che richiede di stare sempre in casa ,e con lo stipendio decurtato,e discriminata dai dipendenti privati,e gli italiani son pure contenti,dicono che noi non facciamo niente,allora che cosa vengono a fare in ospedale quando stan male?quando fan un incidente stradale?quando devono partorire?statevene a casa vostra se noi non facciamo niente!e quando torno al lavoro non mi faro’ piu’ il mazzo per curare la gente,non faccio del bene ai porci per 4 soldi e ‘sto trattamento!

  7. MALGOVERNO NELLA P:A:in quel di Castelraimondo serve maggiore vigilanza e controllo sul territorio.Dal febbraio 2002 l’amministrazione comunale tiene,illegittimamente demansionato,estromesso,eliminato dall’ufficio il comandante dei vv.uu;(uno dei quattro dipendenti comunali laureati,di ottima condotta morale e civile,incensurato,senza alcun procedimento penale o giudiziario a carico),sostanzialmente senza fare quasi niente,a spese del contribuente.(Vedere sentenza immediatamente esecutiva,in internet,alla voce DEMANSIONAMENTO CAMERINO)

  8. Caro Brunetta,ho 39 anni e lavoro come Infermiere laureato nel mio ospedale cittadino.Premetto che le misure che lei ha studiato sarebbero in parte da me condivise, se non fossi abbastanza intelligente da capire che sono mirate a proteggere ancora maggiormente una classe lavoratrice fatta di dirigenti,dirigenti disonesti e dipendenti vagabondi protetti dai dirigenti.Dico questo perchè conosco molto bene il sistema.Vede io da dipendente pubblico vado al lavoro da 12 giorni con la frattura completa di 2 costole,copro 6 ore lavorative e 18 di reperibilità da 7 giorni.Sono stato chiamato 5 volte di notte e ho continuato il lavoro senza tornare a casa a dormire.Non faccio questo perchè sono impaurito dal suo decreto,visto che lavoro da 8 anni con 7 ernie del disco ed una mi è stata operata,visto che ho annullato certificati di pronto soccorso dopo incidenti stradali per continuare il lavoro.Lo faccio perchè mio padre mi ha insegnato ad essere uomo,oggi si direbbe fesso,e non mi aspetto medaglie da nessuno altro che non sia l’orgoglio del mio defunto padre.Lei è sicuro di essere meglio di me?Non credo visto che il primo pensiero che ha avuto,e di questo ne ero certo,è stato di premiare un dirigente che non faceva malattia da qualche tempo.Il dirigente può andare al lavoro anche malato,perchè ci va in giacca e cravatta.Non è esposto alle intemperie e alla fatica di certe tipologie di lavoro;oltretutto più lavora più guadagna.Il dipendente pubblico,più lavora meno guadagna.Avrei tante altre cose da insegnarle e da chiederle ma mi fermo al fatto che premiando il dirigente non ha fatto la figura di persona sopra le parti.Distinti saluti…

  9. Da qualche giorno leggo innumerevoli forum che discutono di Brunetta, del suo Decreto antifannulloni e delle “simpatie” che tale decreto ha suscitato e, ancora, suscita.

    Credo che di Brunetta si possa dire tutto e il contrario di tutto, ma non cambia/cambierebbe la sostanza:
    oramai il dado è tratto, lo scopo è stato raggiunto, la Grande Meta; i sindacati se ne sono altamente fregati (non è la prima volta, cmq) e, come spesso accade, recriminano dopo che il danno è stato fatto;
    il Governo, naturalmente, appoggia (vedasi anche la riforma della Scuola);
    I Dirigenti ringraziano;
    gli “yes man”, alias lecchini, sono e saranno sempre in prima fila…succubi e in attesa di quanto dovuto, della ricompensa;
    lo Stato risparmierà “grazie” alle misure adottate, che danneggiano gran parte dei lavoratori, delle conquiste acquisite dopo anni di lotte;
    il ritorno alla supply-side economics o anche Reaganomics;
    il popolo servo della gleba e i ricchi sempre più ricchi.

    Il caro Brunetta sa benissimo che il suo decreto (ora legge dello Stato) è impopolare, che danneggia molti lavoratori della P.A, che elimina i diritti acquisiti con un colpo di spugna, ma..non gliene può fregare di meno: l’Intento del Governo è ben preciso: rendere i lavoratori schiavi, eliminare i sindacati, aiutare le imprese, posizionare ai posti di comando, aziendale e istituzionale, chi condivide l’ideologia dominante………

    Questi non sono fascisti, ma decerebrati, pazzi, che vogliano raggiungere le loro finalità a qualunque costo.

    Tutto sommato, penso che Mussolini, al confronto, era una brava persona.

  10. io con ‘sta legge del cazzo non riesco a curarmi l’artrite reumatoide la depressione e il disturbo di conversione,son seguita fuori citta’ anche da specialisti privati come faccio a recarmi alle visite ?io denuncio il governo e lo stato perche’ non mi mette in condizioni di curarmi e non mi permette di scegliere da quale specialista farmi seguire.

  11. ci saranno statali che non fanno un tubo e si grattano la pancia tutto il giorno, ma ce ne sono altri, tanti altri, che lavorano coscienziosamente e che si sentono profondamente offesi per ciò che dice questo antipatico individuo. un ministro che spara sentenze a raffica sputtanando agli occhi dell’opinione pubblica milioni di lavoratori che solo per il fatto di essere ‘statali’ sono automaticamente definiti e considerati fannulloni e parassiti. si perpetua nella gente comune l’idea che “statale=posto fisso e sicuro per poche ore di lavoro al giorno” e c’è chi plaude le iniziative farneticanti di questo nano. bene, caro brunetta, ti invito a trascorrere una settimana in mia compagnia, vivi con me 7 giorni. accompagnami a scuola dove da cinque anni lavoro come docente precaria e magari pagami la benzina che macino 300 km a settimana. resta in classe con me e i miei ragazzi nella prima scuola in cui ho l’incarico, schizza con me in macchina verso la seconda sede, occhio che abbiamo solo 45 min per fare 50 km, (io vado forte in macchina) e poi oplà sparati un bel corso serale nella terza sede e scordati il cinema il venerdì sera perchè fino alle 11pm si fa lezione. sabato mattina vieni con me in carcere, faccio lezione anche lì. non male per un fancazzista statale eh? passa una settimana con me, magari una di quelle belle toste quando il pomeriggio ci sono i consigli di classe, le riunioni per materia o i collegi docenti. preparalo tu per me tutto il materiale che devo fornire agli studenti lavoratori del corso serale che non hanno l’obbligo di acquistare libri. vacci tu al posto mio in carcere dai miei alunni che mi adorano e a cui insegno con passione perchè anche così trovano e trovo un senso per andare avanti invece che mollare tutto e lasciarsi/mi andare.
    credo sia del tutto irrilevante ricordarti che ho una laurea, due abilitazioni, una specializzazione ottenuta dopo due anni di lezioni obbligatorie, tirocinio e ammissione al corso a numero chiuso e che sono più che titolata e accreditata per fare il mio lavoro. per te sono solo una statale, una precaria da espellere, un peso da scaricare che non serve più.
    ma vergognati va.
    e già che ci sei vedi di pagarmi lo stipendio che sto lavorando per la gloria e di stipendi manco l’ombra da più di un mese.
    SOLIDARIETA’ AI LAVORATORI ONESTI E SERI DELLA P.A., MOTIVATI NONOSTANTE TUTTO E FIERI DI CIO’ CHE FANNO.

  12. LA FAVOLA DELLA STREGA BRUNETTA

    In un mondo lontano, chiamato Lavoro
    c’era una volta una magica porta
    si apriva leggera su di una valle distorta
    un grande reame di bellissima gente
    che il vizio teneva di non fare un bel niente.
    Non si sa perchè, non si sa percome
    quel popolo allegro lo chiamavan per nome.
    “Statali” statali…beati e contenti
    lavorano poco e son deficenti,
    si godono agi e i tanti piacerei
    trascorron nell’ozio periodi interi.
    Si sa nella vita, l’nvidia è in agguato
    è un’ombra malsana che ti porta al degrado
    così, un bel giorno qualcuno decise
    di mettere un punto
    e quell’idillio recise.
    Fu incaricata una streghetta del posto,
    fattucchiera provetta dall’esoso costo,
    Brunetta la ria rispose contenta
    assoldata a dobloni di numero trenta
    dal ras berlusconi che quel mondo teneva
    tra i suoi tanti diletti di cui si godeva.
    Incanti, fatture, alambicchi e mozioni
    Divise i cattivi da quelli più buoni,
    chi già teneva l’opprimente padrone
    non aveva bisogno di un altro bastone…..
    bisognava castrare il pubblico andazzo
    di sguazzare nel nulla, di non fare un…….
    Brunetta sorrise al malsano progetto
    “son troppo felici….un bastone gli metto”
    non pensava alle ruote del famoso detto
    voleva intendere un altro sfizio
    si trattava di chiudere un poco nobile orefizio
    La strega su pergamena scaduta fece all’istante:
    in estate, nel caldo di un sole cocente
    fece il dafarsi senza dir niente.
    Cattiva e malvagia, d’insolente natura
    fece la legge ancora più dura.
    “ho fregato infine il volvo insolente,
    teppaglia indecente….misera gente,
    adesso vorrei in quei volti vedere
    se hanno il coraggio di stare a sedere”
    Il maniero nascosto della strega rimbomba
    dei suoi canti di gioia festeggia la tromba
    la ria si affaccia dal suo capitello
    si serve contenta del fido sgabello:
    cala la notte su quel mondo oltraggiato
    si prepara la guerra al tapino…….

  13. no cara IDA ha tutto da temere perchè per i prossimi tre anni non sarà assunto nessuno e a 40 vivere nella perenne totale precarietà ti fa girare non poco i coglioni eti fa venire l’angoscia. prendere qualcuno assumerlo a settembre e licenziarlo a giugno ogni santo anno, usarlo, perpetuare il suo stato di precarietà, non fargli avere scatti di anzianità negli stipendi, pagargli gli stipendi con tre mesi di ritardo e dargli pure del fancazzista solo perchè è uno statale?? NO CARA MIA, UNO STATO SERIO NON LI TRATTA COSI’ I SUOI INSEGNANTI.tu non hai idea di quello che stanno facendo alla scuola statale, nessuno ne ha perchè nessuno si informa. accorpano classi, minimo

  14. si è spezzato il msg, non lo riscrivo. ognuno la pensi come vuole.
    io non mollo, nel mio lavoro credo. l’ho scelto, voluto, ho studiato anni e continuo a studiare. CREDO NELLA SCUOLA PUBBLICA, NEL SUO VALORE FORMATIVO, NELLE NUOVE GENERAZIONI, NELLA MIA VOGLIA DI ANDARE AVANTI.
    E NON MOLLO.
    IO MI PIEGO MA NON MI SPEZZO, MEN CHE MENO DI FRONTE A UN BRUNETTA QUALSIASI.

  15. cara ida,ma perche’ devi scrivere certe cazzate?io non ho nulla da temere visto che son brava al lavoro?ma perche’ devi scrivere queste cazzate?io son malata di artrite reumatoide,una grave malattia autoimmune di cui brunetta se ne sbatte proprio,scommetto che neanche sa cos’e’,e in piu’ ho perso la sensibilita’ in tutto il corpo,pensa che bello,nessuno sa perche’ ,forse e’ un disturbo psicosomatico non si sa bene,be’ io per l’AR devo fare l’anticorpo monoclonale,farmaco costosissimo e dispensato dall’ospedale solo ambulatoriamente perche’ in dh,non capisco il perche’ ,l’ospedale non ha il rimborso dalla regione,di permessi noi statali ne abbiamo solo 3 all’anno e cosi’ ogni volta che vado in ospedale devo mettere malattia,decurtata che gia’ son alla fame,idem quando vado fuoricitta’ per le visite dovute alla perdita di sensibilita’ ,poi l’altra settimana ho dovuto mandare malattia per le mani che s’infiammavano se le usavo e mi mancava un farmaco,anche quello a distribuzione ospedaliera ,non potevo uscire per procurarmelo visto che in malattia siam trattati come delinquenti agli arresti domiciliari ,e’ dovuta uscire mia madre anziana con l’autobus che anche lei non sta bene!cara ida ,vergognati te e questo governo!claudia.

  16. ida non avra’ detto nessuna infamia ma o non ragiona o prende per il culo la gente malata come me,che fino a ieri si e’ fatta il culo per curare chi stava male e ora che ha bisogno viene trattata cosi’.

  17. io suscettibile?non puoi immaginare cosa sto passando con questa malattia autoimmune,i dolori che devo sopportare e i farmaci pesissimi che prendo,senza contare che ho uno strano torpore in tutto il corpo ,terribile,m’impedisce di avere anche solo una carezza dal mio ragazzo, anche solo un soffio di vento poi mi provoca un fastidio terribile per via di queste gravi alterazioni sensoriali che non han diagnosi certa e precisa,e io ,che mi son fatta un mazzo per curare chi stava male,ora che ho bisogno io vengo definita ”fannullona”,”privilegiata”,son decurtata nello stipendio quando vado in ospedale e quando non posso andare al lavoro perche’ se muovo molto le mani s’infiammano,oltre che avere lo stipendio decurtato,son pure reclusa in casa come un delinquente agli arresti domiciliari,neanche in farmacia posso andare,d’ora in poi faro’ una grande scorta di assorbenti perche’ se ho il ciclo in malattia e li finisco,neanche posso andare a comprarmeli,mi metto la pezza come 70 anni fa?scusate eh,scusate!claudia.

  18. no cara claudia io ti capisco e ti sono vicina e ti dico pensa per prima cosa a curarti perchè la salute è il bene più prezioso del mondo e fanculo a brunetta e a sto governo maledetto che tratta gli statali come dei parassiti, IO TI CAPISCO e ti sono vicina e ti mando un grande grandissimo abbraccio virtuale, così da non farti male, ma farti sentire anche attraverso un computer, che sono solidale e ti sono tanto vicina- anch’io soffro di una malattia autoimmune, la sclerodermia e faccio controlli ogni sei mesi, ho i piedi di marmo ghiacciati e non ho sensibilità agli arti quando vengono gli attacchi, poi controlli sempre per tenere sotto controllo gli organi interni.
    beh ti dico che questo paese vergognoso la sclerodermia non la fa rientrare tra le patologie invalidanti insieme alle altre autoimmuni e così e vado a fare esami devo prendere un giorno di malattina decurtato ovviamente dallo stipendio. non posso permettermi il lusso di ammalarmi. sai cosa intendo e cmq non voglio scendere in dettagli, odio fare compassione, io voglio solo lavorare decentemente. ti sono vicina, non sei sola, e al diavolo tutto.
    ti abbraccio e pensa a stare bene

  19. Vi pregherei di non usare questo blog per lanciare insulti.
    Brunetta avrà pure una email al ministero.
    Se volete offenderlo, diteglielo direttamente.

  20. grazie amina.si e’ vero,in italia le malattie autoimmuni pur essendo piuttosto gravi non vengono riconosciute.e questa legge a noi che ne soffriamo non ci voleva proprio,tra l’altro si stupiscono perche’ siam malati in tanti giovani ,ma con l’inquinamento che c’e’ cosa si pensa brunetta?che non ci ammaliamo?

  21. PROPONGO UNA RACCOLTA DI FIRME DA SPEDIRE AL TRIBUNALE EUROPEO (UMAN RIGHTS) VISTO CHE C’E UNA CHIARA DISCRIMINAZIONE RAZIALE NEL CONFRONTO CON IL PRIVATO E VISTO CHE SI VA A LEDERE I FONDAMENTALI DIRITTI DEL MALATO (COSA HO DI DIVERSO DA UN OPERAIO DEL COMPARTO PRIVATO),MI SEMBRA CHE QUESTO DECRETO VADA OLTRE LA PAZZIA VISTO CHE NON IPEDIRA AI FURBI DI FARE I FURBI E AI DEBOLI DI RIMANERE TALI .

  22. dino ha ragione,io per esempio sono costretta ad andare in ospedale ma pur obbligata ad andarci non mi posso segnare come day hospital se no la regione lombardia non rimborsa all’ospedale i farmaci,i costosissimi anticorpi monoclonali.e senza contare che devo girare di citta’ in citta’ perche’ nessuno capisce perche’ non ho piu’ la sensibilita’ tattile che e’ gravemente alterata,devo consumare tutte le mie ferie negli ospedali?i giorni di permesso son solo 3 in un anno e non bastano di sicuro a una messa come me,in malattia ti viene il medico a casa dal primo giorno e cmq son giorni decurtati nello stipendio,come devo fare io a curarmi?e siamo discriminati,lo siamo e basta,dal mio ragazzo invece che lavora nel privato e’ rimasto tutto come prima,lui se ne sta a casa solo dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19,il primo giorno non viene nessuno e puo’ andare dai medici,e cmq e’ pagato,io andrei a lavorare nel privato anch’io se non fosse che ormai con ‘sta malattia nessuno mi piglia e posso stare solo li’,se mi veniva prima di essere assunta neanche dove lavoro ora mi assumevano…cmq si,brunetta accetta solo i dh ma io, pur essendo costretta ad andare in ospedale,non posso avere il dh.stamattina ho chiesto la legge 104.

  23. Ieri sera su TNT ,una televisione non certo di sinistra (ex panto ecc,ecc)sostenevano le mie tesi ed avevano intenzione di intervenire per segnalare li abusi di Brunetta alla comunita europea ,quindi non mi sembra di esagerare . Del resto non penso ci sarà una convenienza ecconomica visto quello che costa una visita fiscale …….aspettiamo il periodo in cui l’influenza fa strage : visite fiscali obbligatorie con aggravio sullo stato (ricordo che sono molto costose) , gente che andrà a lavorare incappucciata e infetterà tutto il resto del personale ecc ecc.
    La riduzione dell’assenteismo deve essere fatta con controlli interni all’ambiente di lavoro per valutare chi veramente fa il furbo, non con questi sistemi biechi che vanno a ledere persone che non hanno nessuna colpa che anzi saranno incentivate a fare i furbi per semplice vendetta personale .
    E siamo governati da questi personaggi perchè ?????????????????????????? meglio andare nell’america latina o in asia dove certi comparti sono veramente rispettati , sembra propio un paradosso

  24. perche’ lo stato non fa il furbo?fa il furbo!i primi furbi son loro che non ci pagano da anni gli straordinari,io non gliene faccio piu’ ,e vi diro’ di piu’,che ora al lavoro faccio il meno possibile perche’ NON VEDO PERCHE’ FARE LA SCHIAVETTA A GENTE INGRATA POI QUANDO HO BSOGNO IO HO QUEL TRATTAMENTO LI’,BRUNETTA VUOLE ELIMINARE I FURBI MA IO NON ERO FURBA MA GRAZIE A BRUNETTA E AGLI ITALIANI CHE A QUANTO PARE SONO CON LUI FURBA LO SONO DIVENTATA,ED ERA ORA CHE LO DIVENTASSI!POI NON AVEVO MAI FATTO SCIOPERO MA DOMANI C’E’ SCIOPERO E LO FACCIO!!!!

  25. e poi non solo brunetta ma anche la gente e’ quella che e’ non si puo’ dire,ieri in rmn 8 pazienti ed esami lunghi,me ne han dette di tutti i colori per il tempo che c’era da aspettare,perche’ nn rispettiamo gli orari degli appuntamenti che in realta’ sono solo indicativi,ma come si fa a sapere prima quanto dura una rmn?il medico quando mette sotto il paziente mica sa che cosa ha ,lo vede man mano che procede e se e’ necessario l’esame puo’ durare anche 2 o 3 ore…ma la gente crededi essere sola al mondo ed e’ egoista,se lo vogliono sapere ‘sti italiani del cavolo anch’io ho una malattia e tante volte in ospedale ho aspettato anche due ore perche’ c’erano urgenze,quando l’ho fatta io la rmn 4 anni fa ho aspettato 2 ore e mezzo e non ho fatto il casino che fa certa gente,siamo tutti nella stessa barca,se facciam aspettare non e’ di sicuro per divertimento e cmq se non va bene che mandino un e mail a brunetta di comprare altre macchine di rmn e di assumere altro personale che le faccia andare PERCHE’ NOI I MIRACOLI NON LI FACCIAMO,CHIEDANO A LUI CHE DICE CHE METTE TUTTO A POSTO!CLAUDIA.

  26. e cmq sono stanca di prendere delle brutte parole da gente cattiva e maleducata,sono pentita di avere scelto questo lavoro ma purtroppo indietro non si torna,sono pentita perche’ a fare del bene ai porci…

  27. mi scuso con il proprietario del blog per avere scritto un “vaf” a brunetta, (che cmq è stato cancellato), cercherò di astenermi dallo scrivere parolacce, le penserò e basta. dato che ci permetti di commentare e l’argomento brunetta suscita non pochi commenti approffitto ancora dello spazio offerto e proseguo:
    A) evidentemente lucacicca non lavori nel pubblico altrimenti non ti sembrerebbe così ‘esagerato’ scrivere al tribunale dei malati viste le evidenti discriminazioni che si stanno attuando nei confronti di chi lavora nel pubblico, E, NON CERTO PER COLPA SUA, soffre di patologie invalidanti. vedersi decurtare lo stipendio,anche solo di 8/10 euro al giorno perchè stai male è anticostituzionale perchè lede i diritti dei cittadini che dovrebbero essere tutti uguali davanti alla legge. ma si sa siamo in italia e qui ci sono due pesi e due misure. lavori nel privato? ammalati (come se ammalarsi fosse un piacere), io datore di lavoro ti pagherò cmq, è un tuo diritto ammalarti, è mio dovere retribuirti. arriverà il medico a controllare se stai davvero male o se sei un fancazzista che prende un giorno di malattia per andarsene a spasso. arriverà dalle 10 alle 12 o dalle 17 alle 19.
    lavori nel pubblico? potresti essere un fannullone, ora ti faccio vedere io. ti porto via 8 euro per ogni giorno in cui stai a casa malato, e il medico te lo mando dalle 8 alle 12 e dalle 14 alle 20. ti metto agli arresti domiciliari così impari. io STATO non sono in grado di controllare sul serio chi sta male davvero oppure no quindi sparo nel mucchio e punisco tutti. via i soldi, via le ore d’aria.
    B)IO GRANDE STATO ITALIANO NELLA SPECIALE PERSONA DI MR BRUNETTA ministro per la pubblica amministrazione e l’ innovazione, decido di ‘innovare’ questo grande carrozzone pubblico e da bravo ministro moderno ed efficiente redigo solo contratti telematici per i miei dipendenti. poco importa se ci vogliono due mesi per elaborare un contratto, facciamo le cose per benino e passiamo da un contratto “trasmesso” ad uno “elaborato”, ad uno da “validare” per giungere finalmente ad un EUREKAAAAAAAA “validato”. ecco, ora che è validato possiamo pagare il fannullone. ops, sono passati due mesi, ma che importa se il mio dipendente lavora dal primo settembre siamo al 3 novembre e ancora non gli ho pagato settembre e ottobre? abbi pazienza i soldi arriveranno. (lavora due mesi e passa nel privato senza ricevere un centesimo e sta sicuro che i sindacati il padrone lo fanno nero)
    C)IO GRANDE STATO nella persona del PICCOLO BRUNETTA innovo la pubblica amministrazione lasciando le cose così come sono: prendo un precario lo uso come mi pare e quando il contratto scade gli mollo un bel calcione nel sedere, via sciò fuori dalle balle (balle si può dire?, meglio piedi). se nel privato dopo 36 mesi di lavoro anche non continuativi il datore di lavoro deve assumere il dipendente a tempo indeterminato nel pubblico si può fare tutto il contrario. precario sei e precario resti.
    D) io GRANDE UOMO continuerò ad andare dal mio amico bruno vespa a parlare della mia lotta ai fannulloni, informerò la gente che plauderà le mie iniziative, e la gente saprà come sono bravo e coi miei numerini e le mie statistiche mostrerò al mondo intero come sia calato l’assenteismo nella pubblica amministrazione, e chi se ne frega se lo stipendio tarda ad arrivare, se frego i soldi a chi si ammala, se i precari perdono il sonno di notte, io sono bravo, so anche la ricetta della pasta e fagioli, io sono da premio nobel…

  28. io sono stanca,io restituisco la divisa ragazzi e me ne vado ,a fare cosa ancora non so ma me ne vado dall’ospedale,oppure mi faccio trasferire in ufficio visto che ho la malattia lontana dalla gente.ieri mattina sono stata di nuovo aggredita senza giustificazione e senza fondamento,ero nell’atrio principale del mio ospedale appena uscita dallo spogliatoglio che un tipo mi ha avvicinata e mi ha chiesto dov’e’il p.s. ginecologico.io non lo so ,io lavoro in un reparto completamente diverso,come posso saperlo che l’ospedale e’ immenso?gli ho detto che non lo sapevo e di chiedere li’ alla portineria centrale tra l’altro a due passi,mi ha cominciato ad urlare che io lavoro li’ in ospedale quindi lo so solo che mi scocciavo a dirglielo e che non abbiam voglia di fare niente ecc.non vi dico la rabbia che mi e’ venuta,ma gli ho risposto,e se gli ho risposto,poi son tornata in spogliatoglio e mi son rimessa in borghese e son andata giu’ in rmn in borghese e ho lavorato in borghese perche’ ormai ho il rifiuto di quella divisa.io la rendo.poi cara amina hai ragione,lo sai che il mio ragazzo lavora nel privato e la gente a tempo indeterminato non puo’ essere licenziata ,e ce n’e’ mi ha detto che non fan niente e ce n’e’ di quelli che stan sempre in malattia,ce n’e’ uno che si droga e sta sempre in malattia ,poi ci sarebbero solo da noi,che schifo!e quegli operai li’ non ci costano che la roba costa un occhio della testa?solo noi costiamo con le tasse?poi cosa vuol dire che costiamo con le tasse?voglio vedere se tutti noi operatori sanitari dessimo le dimissioni o le dessimo in gran numero,voglio vedere come farebbero tutti quelli li’ che si stan a lamentare,dovrebbero andare un po’ in africa dove si muore per un’appendicite poi vedi come si lamenterebbero meno.quando saro’ in remissione di malattia me ne andro’la’ a curare i bimbi che han il tracoma perche’ qui brunetta e i suoi seguaci non si meritano nulla da me.NULLA!CLAUDIA.

  29. POI BRUNETTA DICE CHE LUI E’ DALLA PARTE DELLA GENTE ,DELLA GENTE CHE FA LE FILE ECC.LA GENTE CHE FA LE FILE E SI LAMENTA NON DEVE DARE LA COLPA A NOI DI FARE LE FILE MA UNICAMENTE AI GOVERNANTI CHE HAN STIPENDI DA CAPOGIRO E SE LI POTREBBERO DIMINUIRE PER IL BENE DELLA COLLETTIVITA’ E NON PER ARRICCHIRSI PERSONALMENTE,CON QUEI SOLDI LI’ SI POTREBBERO APRIRE NUOVE DIAGNOSTICHE E ASSUMERE PIU’ PERSONALE IN MANIERA DA FARE MENO LISTA D’ATTESA E MENO FILE,POI LA GENTE CHE FA LE FILE E SI LAMENTA E’ ANCHE MOLTO EGOISTA,PENSA DI ESSERCI SOLO LEI AL MONDO E NON CAPISCE CHE SE ASPETTA IN SALA D’ATTESA NON E’ PERCHE’ CI FACCIAMO I FATTI NOSTRI,E’ PERCHE’ DENTRO C’E’ UNA PERSONA CHE HA ANCORA BISOGNO DI STARE LI’ COL MEDICO,DA ME ESATTAMENTE SE FACCIAM ASPETTARE E’ PERCHE’ DENTRO C’E’ UNA PERSONA CHE HA ANCORA BISOGNO DI STARE SOTTO LA RMN PERCHE’ EVIDENTEMENTE SI SCOPRE CHE HA UNA PATOLOGIA GRAVE CHE NECESSITA NOTEVOLE APPROFONDIMENTO.LA GENTE NON HA ANCORA CAPITO CHE ORA SIAMO IN 60 MILIONI.IO DAL MIO REUM HO SEMPRE ASPETTATO 2 ORE E MEZZO,MA MAI MI SON LAMENTATA,HO SEMPRE PORTATO IL MIO LIBRO E DURANTE L’ATTESA LEGGO,DEL RESTO VOGLIONO ANDARE TUTTI DA LUI PERCHE’ E’ BRAVISSIMO,COSA DEVE FARE QUEL POVERO CRISTO?NE HA TANTI E PER VISITARE CI VUOLE IL SUO TEMPO.E’ INUTILE CHE BRUNETTA DICA CHE NOI FACCIAM ASPETTARE LA GENTE PERCHE’ NON FACCIAMO NIENTE,IO DIREI XCHE’ ABBIAM TROPPI PAZIENTI E CI SAREBBE BISOGNO DI PIU’ PERSONALE E PIU’ MACCHINARI,PERCHE’ NON COMINCIA LUI STESSO A DIMINUIRSI LO SIPENDIO E I PRIVILEGI PER REALIZZARE CIO’?MA SE NE GUARDA BENE COME TUTTI GLI ALTRI.

  30. poi la gente la deve piantare di dire che noi del pubblico siam privilegiati che abbiamo il posto fisso tutta la vita,non e’ un privilegio,e’ semplicemente perche’ se lavori in una fabbrica di vestiti non e’ detto che la gente compri quei vestiti e la fabbrica puo’ chiudere,ma noi i malati ce li avremo sempre sempre e sempre di piu’ purtroppo,ed e’ per questo che il lavoro non cala mai e aumenta solo,non e’ un privilegio,e’ che questa e’ la condizione dell’essere umano.

  31. brunetta e tutto il suo team e gli italiani mi fan sempre piu’ schifo,gli italiani continuano a dire che noi non facciam niente,certo,guardate!non facciam niente!ma allora cosa vengon a fare in ospedale quando stan male?perche’ i bambini si alzano alla mattina per andare a scuola ?io cmq ho due malattie,una autoimmune,l’altra la perdita di sensibilita’ in tutto il corpo non si sa da dove viene e devo girare di qua e di la’ in ricerca,se e’ psicosomatica campa cavallo che l’erba cresce quanti soldi dovro’ spendere di psicologo,se son i farmaci amen perche’ li devo prendere,ma come devo fare io ?quando son andata in ospedale ,siccome mi fan l’anticorpo monoclonale dicono che non posson mettermi in dh se no non glielo rimborsano ,io allora ho messo il certificato di malattia,non ho piu’ ne’ ferie ne’ articoli 21 ,be’ la mia doct era in ferie e ho trovato la sostituta ,adesso han tirato fuori che quella sostituta non e’ validache risulta medico privato e noi del pubblico non possiam fare certificati dai privati,ma questi son fuori di testa,la mia doct l’ha anche registrata regolarmente all’usl la sua sostituta,ma qui siam fuori proprio!adesso devo girare con fogli e foglietti per errori loro e per quel fascio di brunetta,questo non me lo censurate,brunetta e’ un fascista,anzi i fasci eran meglio di lui.ma scusate noi che stiam male sapete cosa ci dicono?ci dicono ”crepa!”.a me e’ capitato che mi han detto cosi’ quei maledetti berlusconiani e brunettiani,i nazisti eran cosi’ con la gente malata.io a brunetta gli faccio una denuncia perche’ la sua legge viene meno al diritto che ogni cittadino ha alla salute e perche’ non mi permette di curarmi in maniera agevole e non mi permettedi scegliere agevolmente da chi farmi curare.e cmq scusate eh colleghi del pubblico,dicon che la malattia e’ calata ,ma scusate eh se voi in malattia non vi ci mettete piu’ per paura di aver meno soldi in busta e andate a lavorare anche con la febbre a 40 allora fate il gioco di brunetta ,allora tenetevela la legge,ben vi sta.io in malattia ci vado lo stesso e ogni volta che ho bisogno,poi non compro,ho lo stipendio decurtato?che me ne frega!io non compro,e se anche voi faceste come me che siam milioni insieme facciam perdere il lavoro a tanti di quegli operai,cavoli loro!ci pensavano prima !non comprate,fate chiudere le fabbriche,poi senza quella massa che paga le tasse forse ci chiederan di lavorare gratis dopo perche’ noi il lavoro ce l’abbiamo sempre ,i malati ci saran sempre,ma noi gratis non lavoreremo cosi’ trovero’ l’ospedale chiuso io ma lo troveran anche gli altri che han votato ‘sti mostri,andro’ alla rovina io ma ci andran anche gli altri che han votato ‘sti mostri.pensan di diminuire le tasse a decurtare noi nello stipendio e altre piacevolezze ma le tasse non diminuiranno mai perche’ non han capito che son i pazienti e gli alunni ecc. ecc. a costare e quelli non li posson eliminare,i malati per esempio saran sempre di piu’ e sempre piu’ giovani e costeran sempre di piu’ perche’ i progressi della medicina costano,pensate solo che in italia ogni 4 ore c’e’ una nuova diagnosi di sclerosi multipla,e sapete quanto costa la terapia,che funziona per fortuna,della sclerosi multipla?una pazzia !e son le case farmaceutiche che fan pagare cosi’ quei farmaci li’.non comprate colleghi,facciam perdere il lavoro agli operai dipendenti dei privati,i cari privati amati ed elogiati da questo governo che gli ha anche detassato gli straordinari mentre a noi non li paga da anni,ma tanto noi non facciam niente vero…..!!!!?????per noi il lavoro e’ riposo!!!!!!e altre piacevolezze!intanto io il lavoro ce l’ho sempre,pagato o non pagato ce l’ho sempre perche’ io sono in risonanza magnetica non a fabbricare inutili vestiti e inutili oggetti che per quanto belli nei negozi straboccano invenduti,io sono in risonanza magnetica ed e’ un continuo di nuove diagnosi di sclerosi multipla e tumori prodotti dall’inquinamento di questo sporco capitalismo troppo estremo.non comprate!

  32. la categoria della PA e’ odiata e straodiata dagli italiani,be’ io odio la categoria dei privati degli imprenditori dei liberi professionisti e degli operai dipendenti dei privati,e la straodio,e in mezzo c’e’ anche il mio uomo che fa il magazziniere e forse la sua ditta ,la terim di baggiovara ,chiude o in giugno licenzia 100 operai perche’ c’e’ la crisi ,e io ci godo anche se e’ il mio uomo perche’ quest’anno quella categoria stramaledetta me ne ha dette di tutti i colori compreso che sono una privilegiata perche’ ho il lavoro a vita,cari miei stronzi,prego di non censurarmi,ho il lavoro a vita se non lo sapete ve l’ho gia’ scritto e ve lo riscrivo, non perche’ son privilegiata dallo stato ma e’ perche’ sto in risonanza magnetica e ogni 4 ore in italia c’e’ un nuovo caso di sclerosi multipla per non dire quanti tumori piu’ tutto il resto,forse se foste meno consumisti e aveste il culo meno appoggiato sul sedile dell’auto ce ne sarebbero meno di ‘ste malattie non trovate?e il nostro lavoro non lo vuole fare nessuno perche’ costa troppa fatica vedere delle schifezze ogni giorno e smerdare degli anziani che non si muovono e andare attorno alle vene non sempre piacevoli delle persone?vero?non e’ cosi’?vergognatevi e basta!io avevo fatto questo mestiere per aiutare la gente ma il trattamento ricevuto quest’anno da ‘sto governo che neanche so definire e dalla gente stessa mi ha talmente schifato che ora al lavoro faccio il meno possibile,nuoccio agli altri il piu’ possibile,non compro i prodotti delle insulse fabbriche italiane.claudia.

  33. LA FAVOLETTA DELL’ASSISTENTE TECNICO DISOCCUPATO .

    Tutto ebbe inizio nel lontano anno 2000 e , in breve , molti lavoratori degli Enti Locali ebbero riconosciuto nel loro Ente di appartenenza il 4° livello retribuitivo , gestiva allora il Comune di Palermo( Sindaco) il Dr.Leoluca Orlando e gestiva allora l’Ufficio Scolastico Provinciale ( Provveditorato) il Dr.Guido Di Stefano . Col passare degli anni gli Enti Locali ebbero la felice idea di fare transitare i loro dipendenti verso lo Stato e più esattamente nel comparto Pubblica Istruzione , vi furono dei contatti anche con l’ARAN , furono presentati dei ricorsi che stranamente non furono presentati presso il Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) che , riteniamo , l’unico organo responsabile nei giudizi pendenti di natura statale , ma presso i Giudici del Lavoro del Tribunale di Palermo e successivamente presso la Corte d’Appello sempre presso il Tribunale di Palermo .
    Furono emesse delle sentenze inconcepibili perché i Giudici decretarono appunto il passaggio dal 4° livello Enti Locali al 4° livello Stato-Pubblica Istruzione ma in quest’ultimo il 4° livello B2 , essendo di natura diversa dal corrispettivo degli Enti Locali , inquadrava gli Assistenti Tecnici di Laboratorio . A nulla valse l’opzione richiesta dai dipendenti Enti Locali di restare nel proprio Ente e tali sentenze decretarono il passaggio di tale personale nominandolo contestualmente Assistenti Tecnici di Laboratorio . Si premette che tramite un concorso a titoli e per scorrimento di graduatoria si può accedere al ruolo di Assistente di laboratorio solo se si è in possesso dei relativi titoli di corso di studio quinquennale con relativa specializzazione ( corso esclusivamente di natura Statale ) ma tali sentenze , in evidente contrasto con le normative di legge , rendeva i dipendenti Enti Locali Assistenti Tecnici di Laboratorio nello Stato col possesso o della licenza elementare o della Licenza media inferiore . Paradossalmente le vigenti leggi dichiarano che si può accedere ad un posto di lavoro solo se si è in possesso dei relativi titoli la momento dell’accesso ai concorsi vari , nel caso dei dipendenti Enti Locali transitano senza titoli (POI SI VEDRA’) . A termine di paragone è come se un infermiere venisse promosso da una sentenza a CARDIOCHIRURGO , tanto poi operando giorno dopo l’altro prima o poi imparerà . L’Avvocatura dello Stato , stranamente , ha presentato ricorso avversa sentenza fuori tempo massimo rendendo ingiudicate tali sentenze e quindi aprendo una breccia di natura giuridica tale che , ad oggi , circa 600 sentenze sono state accolte e che tali dipendenti devono andare a ricoprire il ruolo di Assistenti Tecnici presso le scuole secondarie di Palermo e Provincia . Ciò comporterà la mancata assunzione di tutti i precari che da anni risalgono la graduatoria di un regolare concorso a titoli , la mancata assunzione dei precari su graduatorie d’Istituto che ricoprono via via i posti vacanti ; renderanno , l’anno dopo , gli Assistenti Tecnici di Ruolo soprannumerari ed individuati quali perdenti posto per minore anzianità di servizio .
    Cosa ancora più paradossale è che con uno specifico diploma superiore gli Attuali Assistenti Tecnici possono accedere all’area per cui sono specializzati , i provenienti dagli Enti Locali senza titolo possono essere spalmati indifferentemente su tutte le 34 aree presenti nelle Scuole Statali .
    Nei vari anni gli attuali Assistenti Tecnici hanno manifestato nelle più svariate forme il dissenso a protezione del proprio posto di lavoro , hanno mandato lettere e petizioni , sono stati ricevuti al MIUR di Roma ricevendo sempre vaghe promesse . I sindacati hanno mediato tra le parti ma di risultati concreti non se ne sono visti .
    Ultimamente gli Assistenti Tecnici si sono coalizzati , in maniera autonoma , in un COMITATO ASSISTENTI TECNICI ; abbiamo ripetutamente chiesto aiuto a politici , Istituzioni , Sindacati tutti ma , sembra , si sia eclissati tutti ,
    Si è avuta la vittoria di due sospensive TAR di cui una applicata nell’anno scolastico 2006/2007 , l’altra , per l’anno 2007/2008 ancora lasciata inevasa nonostante la gravità del fatto .
    Nel frattempo si insedia alla Direzione del Ministero Pubblica Istruzione la Ministra GELMINI che decanta provvedimenti per qualificare professionalmente la scuola pubblica ma , essendo Palermo tutta un’altra storia , ignora il fatto ; chiediamo ripetutamente di essere ricevuti da LEI ma non otteniamo nulla ( i laboratori delle scuole palermitane possono tranquillamente essere gestiti anche da personale con la licenza elementare ) .
    Si insedia anche il Ministro Brunetta , a cui abbiamo chiesto udienza( ma Palermo è tutta un’altra cosa ) che dice che nella pubblica Istruzione non possono esservi fannulloni ma noi chiediamo come potranno andare avanti i laboratori se i dipendenti provenienti dagli Enti Locali diranno di non sapere fare il lavoro in oggetto e , in virtù delle sentenze , non possono essere rimossi dall’incarico . Nelle ultime settimane abbiamo avuto il conforto da parte di parecchi DIRIGENTI SCOLASTICI che , allarmati dal dovere dare incarico e affidare i propri laboratori a tali dipendenti , si sono schierati dalla parte dei Tecnici in possesso dei requisiti di legge .
    Alla luce di questa situazione , descritta tra l’altro in maniera sintetica per abbreviare i tempi , richiediamo nuovamente e con forza che le Istituzioni , i Ministri , i Sindacati , i Dirigenti Scolastici prendano posizione e ci diano una risposta seria e definitiva al problema .
    Chiediamo che si metta in atto la sospensiva accolta positivamente dal TAR Sicilia .
    Probabilmente i Giudici del Lavoro e la Corte d’Appello , non avendo una specifica conoscenza in materia , che a nostro giudizio doveva essere sempre espressa dal TAR in quanto unico ed insindacabile esperto in materia , hanno erroneamente emesse le sentenze in oggetto e quindi sarà interpellata da parte nostra la Corte di Cassazione perché si esprima in maniera ultima ed univoca al merito .
    Dal lato umano chiediamo a tutti i riceventi della presente di darci un segno tangibile dell’avvenuta lettura del quanto e non di lasciare nel cestino della spazzatura la presente missiva .
    Ricordiamo alle Istituzioni tutte che la mancata assunzione di 250 Tecnici di prima fascia ed i altrettanti di terza fascia , considerati i nuclei familiari , mette per strada circa 1000 e più persone che , fidandosi di un concorso a titoli , hanno preso impegni , messo su famiglia , contratto mutui e prestiti , educato figli . I figli nostri e di tanti altri genitori frequenteranno una scuola pubblica sempre più in disfacimento .
    Proseguendo nella nostra lotta legale , giuridica ed umana aspettiamo risposte e non indifferenza .
    Chiediamo alla ministra On.M. Gelmini di interessarsi e di ricevere una nostra delegazione .
    Chiediamo altrettanto al ministro On.G.Brunetta e alle Istituzioni tutte.
    Chiediamo ai riceventi della presente di divulgarla ulteriormente .

    COMITATO ASSISTENTI TECNICI – PALERMO

  34. il ministro BRUNETTA MAAAAAAAAAAAAAAAAA
    chi sa quante persone ha raccomandato
    Fannulloni a chi come si permette

  35. quanto lo odio,ieri ha detto che la PA costa non so quanti milioni di euro,noi dipendenti costiamo?sara’ la gente che usa i servizi che costa mica noi,e i politici che si rubano i soldi,e lui ,brunetta,quanto ci costa che fa pure l’europarlamentare e il prof a tor vergata,ma vada a quel paese lui e tutti quelli come lui.d’ora in poi lavoreremo gratis(credici!!!!!)cosi’ la PA non costa piu’,e’ questo che vuole?poi tanto costerebbe lo stesso ,le ditte che ci riforniscono di materiale di sicuro non lo fan gratis!auguro al ministro brunetta un pessimo natale e un ancor piu’ pessimo 2009.

  36. Sarei curiosa di capire da quale meandro della sua infanzia o della sua adolescenza ha origine l’atteggiamento rancoroso e vessatorio del ministro Brunetta verso gli impiegati della pubblica amministrazione, donne in particolare. Quanto alla sua supponenza e arroganza nel trattare le questioni sociali,una spiegazione c’è, come pure per i suoi vizi privati e pubbliche virtù. Si è formato alla scuola del latitante Bettino Craxi, morto all’estero per sottrarsi alle patrie galere.

  37. odioso nanetto,perchè non hai fatto il tornitore magari a roccaraso invece di rompere i coglioni alla gente che lavora,sia pur come insegnante?Forse perchè per te è un lavoro troppo intellettuale e hai preferito fare l’assenteista dovunque.Sono stufa di essere trattata da suddita e non da cittadina …anche se non c’è niente da
    essere fieri nel vivere in un paese governato DA UNA MANICA DI MALEDUCATI,IRRISPETTOSI E MAFIOSI TORNITORI MANCATI COME VOI.vaffanculo

  38. ragazzi cari,vi dico una cosa,ce lo meritiamo brunetta perche’ siam degli stupidi che nonostante vengan trattati cosi’ da lui e pure dalla popolazione che non gli va bene mai niente di quello che facciamo,be’,nonostante il trattamento che riceviamo,non protestiamo non scioperiamo e continuiamo a fare le cose bene e a trattare la gente coi guanti bianchi,io no,io mi son proprio rotta,ma le mie colleghe continuan ad esser tutte buone e gentili e fan anche piu’ del dovuto,c’e’ stato lo sciopero l’abbiam fatto in alcune ma i medici han lavorato lo stesso e fatto gli esami lo stesso anche se non precettati,ma se pensano che in questa maniera si viene rispettati…si vede come si viene rispettati,ieri il nanetto ha tirato fuori che noi praticamente ci vergognamo del nostro mestiere…be’ teniamocelo,siamo noi che non siam capaci di farci rispettare e ci facciam mettere i piedi in testa!!!!da lui e dagli italiani privati e dipendenti privati che a sentire loro lavoran tanto piu’ di noi…si vede come lavoran tanto piu’ di noi…!!!!si son fatti delle belle ferie i miei amici dipendenti privati per le feste mentre io facevo i turni alla rmn…claudia.

  39. claudia :
    si son fatti delle belle ferie i miei amici dipendenti privati per le feste mentre io facevo i turni alla rmn…claudia.

    ti assicuro che molti dipendenti privati non hanno fatto esattamente delle ferie per scelta propria e che molti avrebbero preferito lavorare

  40. gia’!peccato che anche quando non c’era crisi molti si facevan belle ferie lo stesso compreso il mio lui mentre io il giorno di natale facevo 10 ore pagate come sempre sei e le 4 messe in recupero quando voleva la caposala,io ero arrivata a ben 114 giorni di ferie con una marea di ore in piu’ oltre alle ferie,poi saremmo noi a non fare niente…!!!poi non si capisce perche’ le dipendenti pubbliche come me secondo sacconi dovrebbero andare in ferie a 65 anni mentre quelle private a 60,cos’e’?le private ce l’hanno piu’ bella della nostra?be’ un motivo in piu’ che ho per non fare figli e per obbligare il mio lui a muovere anche lui il sedere nei lavori domestici…e per stare seduta a lavorare e rispondere alla gente solo ”si no non so”,non mi voglio sprecare di lavoro per poi avere un trattamento diverso da quello delle altre cittadine che lavorano nel privato,poi c’e’ la crisi e perdono il lavoro?cavoli loro!vadano a coltivare la terra,non dicevano lo stesso di noi?be’ ora ci andran loro a coltivare la terra,e’ un lavoro nobilissimo come gli altri quindi ci vadano se nelle ditte non c’e’ piu’ richiesta!

  41. infatti io ho piacere per i dipendenti pubblici che l’han votato,si tengan ora queste discriminazioni e se le tengano doppie visto che neanche si ribellano e continuan ad elargire sorrisi a tutti,io elargisco gentilezza e sorrisi solo a chi se li merita a lavorare,non alla gente maleducata che viene a ridire su tutto e a offendere.

  42. io non posso lavorare ora,la malattia mi ha riattaccato ,son in malattia e sto in casa dalle 8 alle 20 anche senza febbre,e la cosa forse mi fa guarire dalla malattia cronica?no di sicuro.e guadagnano qualcosa i pazienti che non vedo dal fatto che io sto in casa fin alle 20?no di sicuro.non fan meno fila.molte mie colleghe non van in malattia perche’ se no non san come fare ad andare a prendere i bimbi a scuola e van a lavorare con la febbre a 39,io li lascerei a scuola poi chiamerei la polizia cmq e’ un motivo in piu’ che ho per non fare figli.poi cmq ci godo perche’ io dissi quest’estate ”ride bene chi ride ultimo”,e avevo ragione perche’ io ora ho cmq il posto di lavoro mentre molti del privato che eran tutti contenti della legge brunetta son li’ li’ per esser licenziati o in cassa integrazione,cavoli loro!che solidarieta’ han avuto loro verso di noi?nessuna!e senza motivo perche’ ci siam sempre fatti il mazzo in ospedale per curare la gente!e invece mi guardavan soddisfatti,ma io ora non ho nessuna solidarieta’ per loro e son soddisfatta di vederli a spasso.se li licenzian vuol dire che di loro non c’e’ bisogno,vadan a lavorare la terra!quello che dicevan di noi.

  43. sto molto male,la malattia autoimmune mi ha riattaccata e sento un dolore atroce alla mano sx,a volte pure alla dx ma ora con la destra sto un po’ meglio e scrivo qui,be’ non posso lavorare a causa di questa grave malattia in questi giorni,sto aspettando l’aggravamento dell’invalidita’,intanto stamattina si e’ deciso di farmi eseguire alcuni esami urgenti e gli ispettori han tirato fuori che io non potevo recarmi in ospedale per farli perche’ avrei dovuto avvertire ieri secondo la legge brunetta,allora non ci ho visto piu’ e ho risposto che io facevo una bella denuncia perche’ non posso curarmi,allora il signore ha cambiato subito registro:”ma no,ci vada ci vada”.e tanti dipendenti privati che conosco son contenti e ridono di questa legge brunetta,mi han detto roba da chiodi dopo che mi son fatta il mazzo per curare la gente io per anni,io che per fare questo lavoro ho studiato,la mattina andavo a scuola,il pomeriggio facevo tirocinio in ospedale,la sera lavoravo in birreria,in altri periodi come baby sitter,ho studiato per gli esami e i concorsi,mi son fatta lo stomaco grande grande per fare certi lavori e la forza per sollevare i malati a peso morto quando stan tanto male e non si muovono e la passione e la dedizione,poi mi son ammalata io e mi han cambiato reparto ma anche li’ non e’ facile e ci vuole competenza, e dopo ‘sta gente mi ha detto che con noi bisogna colpirne uno per educarne 100,cioe’ io sto soffrendo come un cane con questa malattia odiosa del c e in piu’ ho molte difficolta’ con ‘sta assurda legge,sto aspettando l’aggravamento dell’invalidita’,ma il fatto che sia colpita cosi’ mentre sto cosi male serve a educare 100 dei miei colleghi,ma vi rendete conto che ragionamento pervertito disumano e da malati mentali?be’ questo mi han detto in tanti e ora ci voleva una bella crisi che da’ una bella lezione a ‘sta gente arrogante e ignorante,non dico che venga licenziata ma che almeno si prenda la paura che succeda!e che gli serva di lezione per rispettare un po’ di piu’ il lavoro e la salute degli altri.

  44. Devo dire una cosa a Brunetta!
    E sono convinto che la leggerà più qui che non se la mando al suo sito.
    Egregio Signor Ministro, ma come fa nello stesso tempo ad essere un politico e un propugnatore della meritocrazia? E’ universalmente risaputo che lo strumento di consenso migliore che hanno i politici è la raccomandazione! Cosa fa Signor Ministro, morde la mano di chi le porge il cibo?

  45. Brunetta, ti ricordo che anche tu sei un dipendente della pubblica amministrazione e onestamente mi girano le palle sapendo che i miei soldi, che mollo in tasse, servono a pagarti un esagerato stipendio e i mille privilegi di cui tu e tutta la banda non volete privarvi.
    E poi ci stai a rompere i maroni con tutte queste chiacchiere: MA LO CAPISCI O NO CHE I PRECARI LI AVETE CREATI VOI POLITICI? non te l’avevano detto i tuoi colleghi lì a Roma? Mi associo ai più e di cuore ti dico VAFFANCULO!!!

  46. Dimenticavo; sono precario da 19 anni DICONSI DICIANNOVE e quando ho cominciato quest’odissea BRUNETTA era solo quella dei Ricchi e Poveri!

  47. Io sono uno di sinistra,e mi devo complimentare con Brunetta,per il coraggio e la determinazione che ha avuto nei confronti dei parassiti degli statali(non tutti).
    Io ho lavorato 39 anni in fiat e ho sempre fatto il mio dovere,prendendo anche qualche premio.
    Voi statali dovete smetterla di vivere alle spalle di chi lavora,fosse per me vi farei lavorare anche di notte,cosi si eliminerebbero tutte le attese che un povero cittadino (che paga le tasse)fa nella vita quotidiana.
    Ha ragione Brunetta che siete tutti sindacalizzati,quando combinate un abuso c’e’ sempre il sindacato a tirarvi fuori dai guai,pochissime volte ho sentito che uno statale che ha sbagliato e’ stato licenziato,nel privato chi sbaglia va a casa, ricordatelo.
    Conosco gente che entrata alle poste,che era incinta senza dire niente,cosi’ dopo pochi mesi si e’ fatta una maternita’,e dopo un paio di anni si e’ fatta un altro figlio passando quasi 5 anni sempre a casa tra mutua e compagnia bella,alla faccia dei precari.
    Poi a me risulta che quasi tutte le dipendenti statali hanno i mariti che lavorano autonomamente,e non dichiarano mai il dovuto(viaggiando con vetture da 60.000 euro) e quindi i figli sono a carico della moglie,magari in separazione dei beni,e prendono gli assegni dei figli fino a 18 anni,e non pagando la mensa a scuola,le tasse scolastiche ecc.. ecc…
    Quindi stipendiati statali datevi una mossa e non piangete sempre miseria
    che non e’ il caso,e la spesa si va a fare quando si e’ a casa ,siamo stufi di pagare dei parassiti come voi.
    Ci vorrebbero 20 ministri come Brunetta,non fa niente,che e’ il mio antagonista.

    Marco di sinistra.

  48. marco :
    Poi a me risulta che quasi tutte le dipendenti statali hanno i mariti che lavorano autonomamente,e non dichiarano mai il dovuto(viaggiando con vetture da 60.000 euro) e quindi i figli sono a carico della moglie,magari in separazione dei beni,e prendono gli assegni dei figli fino a 18 anni,e non pagando la mensa a scuola,le tasse scolastiche ecc.. ecc…

    Te lo ha detto tuo cuggino?

  49. ‘marco di sinistra’ dai che sei il brunetta mascarato (come il cavaliere mascarato di striscia), tante cazzate in una volta sola le ho sentite solo da lui. dai camomillati, datti una calmata che ti scoppia il cuore ad arrabbiarti così. take it easy su

Comments are closed.