Guarda un po' dove metti i piedi!

flickr interestingness
Titolo: Firenze / Florence 2006 | Fotografia realizzata da * HugoPan *

Stamattina stavo camminando allegramente per le vie del centro di Firenze, ascoltandomi un vecchio disco degli Asia, quando sono stato attratto dalla locandina del giornale locale.
Diceva qualcosa del tipo: “I mendicanti dovranno chiedere l’elemosina in piedi”.

L’iniziativa è stata presa dall’assessore Cioni (quello dei lavavetri) in seguito alla rovinosa caduta di una signora, inciampata in un mendicante.
Eh eh, non ridete.
Povera donna.

Mentre penso a quanto sia ridicola questa ordinanza passo di fianco ad una impalcatura nella quale campeggia ormai da alcuni mesi una scritta a caratteri cubitali:
“Cioni fascista”.

Luca

17 thoughts on “Guarda un po' dove metti i piedi!”

  1. Mi dispiace ma stavolta non sono daccordo con te. Esistono i diritti dei mendicanti, ci mancherebbe, ma anche quelli degli altri: portatori di handicap, anziani, madri con i passeggini, etc. Se io non posso sostare sul marciapiede con il motorino perché impedisco il passaggio , questo deve valere per tutti. O no?
    Dai, no usiamo la parola fascista per indicare chi vuole far rispettare le regole della civile convivenza, non è giusto.

  2. @silvia: mica lo dico io che Cioni sia fascista, lo ha detto l’anonimo grafittaro. 🙂
    Portatori di handicap, anziani, madri con i passeggini a Firenze possono direttamente buttarsi sotto la tramvia, tanto i marciapiedi sono impraticabili.
    I mendicanti non ostacolano fisicamente nessuno, a parte la distratta signora.

  3. luca, perdonami… il mendicante che si spiattella per terra, in ginocchio e prolungantesi come una piovra ogni volta che arrivi è qualcosa di diverso che un bisognoso, a mio avviso.

  4. detto questo, più che fascista lo definirei un po’ imbecille… condizione necessaria ma non sufficiente per essere fascista…

  5. ma se cioni sistemasse prima:
    sanpietrini smossi,
    buche come voragini per la strada,
    biciclette e motorini che invadono i marciapiedi,
    bidoni che bloccano le rampe per le carrozzine,
    ciclabili affiancate invece che attacate ai marciapiedi (cosi`per andare alla macchina parcheggiata ti sfasci una caviglia),
    le fermate degli autobus invase da qualsiasi mezzo,
    le fermate degli autobus senza pensiline,
    i semafori pedonali talmente brevi che se non sei centometrista rimani in mezzo di strada,
    cacche di qualsiasi essere vivente che imbrattano selciati e muri
    mezzi parcheggiati in triplice fila
    bus che saltano una due tre corse di seguito
    l’odore pungente di urina per le viuzze del centro che ti rimane nel naso mezza giornata
    i cavalli fissi in piazza duomo (anche loro ne fanno tanta, ma tanta)
    mettere i bus navetta dai parcheggi esterni al centro
    fare le curve per strada con la pendenza gusta
    far si che le preferenziali dei bus non si interrompano magicamente
    togliere gli spaccini da fuori le scuole
    i giardinetti con i fiori e non con le cacche o peggio ancora

    e mooooolto altro

    e poi i mendicanti hanno le orecchie quindi gli si puo` gentilmente chiedere di scansarsi, ai bidoni della spazzatura e` piu` difficile…

  6. Ok, forse sono fascista. Obiettivamente, però, un’anziana signora con il bastone non dovrebbe essere messa in condizione di chiedere di spostarsi a chi, diciamolo, francamente, non si sposterà mai.
    Firenze è una città difficile, la conosco bene, ma proviamo ad andare nel sud Italia ed allora, forse, ci renderemo conto che Cioni è assessore in un Comune che, almeno, ci prova.

  7. non e` che stare un po’ meno peggio vuol dire stare bene.
    firenze e` messa meno peggio perche` non ci sono sparatorie e la spazzatura straripa e basta dai bidoni, per il resto…
    la classe politica locale fa solo i propri interessi economico-tangentistici.

    e` folle che il problema all’ordine del giorno di cioni (competenze per: Sicurezza sociale, Sanità Pubblica, Sicurezza e vivibilità urbana Polizia Municipale ) sia l’inciampo di una persona su un’altra!
    ammettiamo che ci sono problemi in firenze, e nelle grandi citta` in generale, di qualche miliardo di ordini di grandezza piu` importanti rispetto alla distatta vecchietta che inciampa sul povero mendicante!

  8. io non lo so.
    Ci sono così tanti mendicanti a Firenze da essere necessaria un’ordinanza? oppure l’ordinanza e’ stata fatta solo in risposta ad una vecchina che e’ caduta? (vecchina che poteva cadere anche per un marciapiede sbrecciato).

    Prima i lavavetri. Ora i mendicanti. E’ giusto? No? Bah magari delle migliaia di cose che andrebbero fatte, un ordinanza e’ quella che meno impegna in fatto di risorse.

    Pero’ mi viene un pensiero. Non e’ che altre cittadine attuano questa politica comunque, anche se la pubblicizzano di meno?

    Catania e’ piena di lavavetri. A Siena non ne ho mai visto nemmeno uno. Come mai? Altrettanto discorso per i mendicandi..

  9. @Yetiste: hai ragione, immagino che Milano sia piuttosto difficile da vivere ma bisogna considerare che Firenze è una piccola città (circa 400.000 abitanti) ed ha i problemi delle grandi città, tra cui un numero altissimo di nomadi. L’Amministrazione deve dunque fare qualcosa, no?E’ solo un’opinione, comunque credo che il modello toscano di governo non sia tra i peggiori.

  10. qui un articolo dove riassume, che fra le altre cose specifica come non sia vietato mendicare ma farlo stanto distesi a terra perché dichiara cioni:
    “Dire che non ci si deve distendere sul marciapiede non è né di destra né di sinistra, è buonsenso. I vigili potranno identificare le persone e far intervenire i servizi sociali”.

    Immagino che quindi l’ordinanza valga anche per le orde di turisti e fiorentini stessi che si svaccano su qualsiasi superficie relativa a zone pregiate, artistiche e religiose (i gradini del duomo, i gradini degli uffizi, piazza pitti, i boboli…..)

  11. @silvia: la mia posizione era solo per indicare che il problema era generale in tutta italia… e siccome oggi si parla di milano come città internazionale sede dell’expo… non volevo minimamente mettere in discussione la tua posizione, scusami!

    @eleonora: a milano una delle poche cose fatte giuste da formentini fu di mettere la multa a chi sedeva sul sagrato del duomo. ci fu una levata di scudi… io ero favorevole, dopo aver visto una sera una signora alzare la gonna (seduta su un gradino) e lasciare i suoi ricordini… condivido pienamente il tuo discorso, e aggiungo però che – rispetto a quindici anni fa, quando la piazza antistante la chiesa di santa maria novella era un bivacco a cielo aperto, molto è stato già fatto…

  12. Io credo che stiamo girando intorno al problema.
    L’accattonaggio è proibito dalla legge, che lo si faccia in piedi o a sedere, per cui l’ordinanza del Comune è inutile ed è stata fatta quindi in modo simbolico.
    Proprio per questo è più grave.
    Sono convinto che la lettera che Domenici ha fatto pubblicare oggi su Repubblica l’avesse già scritta prima dell’ordinanza.
    E’ l’era del Veltronismo.
    Facciamo finta di essere duri.
    Sempre e soltanto con i disgraziati.

    Che poi la Toscana sia stata amministrata fino ad ora piuttosto bene, questo è sotto l’occhio di tutti.

  13. @lucacicca: certo.
    la toscana è stata amministrata benino, e per me benino alle elementari era un votaccio. le marche son messe 100000000 di volte meglio per non dire della liguria o del piemonte che sono una via di mezzo fra toscana e marche e per non dire delle regioni a statuto speciale (al nord). Boh, sarà che esagero perchè delle suddete regioni ho avuto la possibilità di vedere più le cose buone che le cattive…
    ma poi, non si stava parlando del comune di firenze?

  14. La mia attestazione del buon governo in Toscana era per chiarire che non sono tra quelli che stanno a spulciare ogni azione dei nostri amministratori.

Comments are closed.