Se il buongiorno si vede dal mattino

Condivido la scelta di Napolitano di affidare a Marini un mandato esplorativo.
Credo fosse un passo necessario prima di sciogliere le camere.
Se c’è una possibilità di fare una legge elettorale in tempi rapidi, vale la pena provare.

Il tentativo di Marini è però destinato ad un fallimento certo.
Basta leggere le dichiarazioni dei vari politici.

Se poi due personaggi come Baccini e Tabacci, in un momento come questo, con tutti i rischi di ingovernabilità che ci sono, decidono di fondare l’ennesimo partitucolo, allora siamo alla frutta.
Nel gesto dei due transughi dell’UDC risiede la risposta a perché non ci sarà nessuna legge elettorale.
Nessuno è disposto a lasciare il suo orticello.

La frammentazione non sarà l’unico problema del nostro sistema politico, ma è sicuramente uno dei più gravi.

Non importa che il paese sia allo sfascio.
Ciò che conta è difendere sé stessi e la propria ristretta cerchia di amici e benefattori.

Avanti così.
Fino al disastro.

Luca

5 thoughts on “Se il buongiorno si vede dal mattino”

  1. ho avuto notizia della dissociazione di baccini e tabacci stamane da un amico “politicante”, per cui non so come sia avvenuto lo strappo. a mio parere, la scelta di sganciarsi dall’udc nasce dalla scelta di coerenza. avendo chiesto un governo di unità nazionale non appena si era capito che il centro-sinistra non avrebbe avuto i numeri per governare decentemente, ha deciso di sganciarsi dalle grinfie di un berlusconi troppo “duce” (nel senso latino, certo…) per mantenersi coerente con quello che continua a ripetere da due annia questa parte. la scelta di fare il partitucolo si è resa necessaria, non potendo certo confluire ora nel pd… (oltre al fatto che un suo ingresso nel pd – data la sua storia – probabilmente sarebbe suicidio politico)

  2. Ma se con Berlusconi ci sono stati una vita…
    E poi esiste anche la possibilita’ di smettere di fare il parlamentare.
    Non e’ che ogni volta che nasce un conflitto si debba fondare un nuovo partito…

  3. perfettamente d’accordo con lucacicca, nulla da dire in più.
    allora, direte, che scrivi a fare? Effettivamente voglio approfittare (scuse ai non interessati) per mettere in evidenza una buona notizia:
    (ANSA) – ROMA, 31 GEN – Dalla Commissione Cultura della Camera, si’ alla nomina a presidente del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), del fisico Luciano Maiani. La Commissione, che si e’ riunita questa mattina, ha approvato con la maggioranza dei voti la nomina di Maiani, che nel dicembre scorso era stata avanzata dal Consiglio dei Ministri.
    per gli interessati alla grave vicenda che ha messo a rischio questa nomina, il riassunto è nell’ultimo post di “intolleranza laica”
    http://tinyurl.com/2yfk7u

  4. Ma non è che alla fine il “caso Maiani” non è che l’ennnesimo esempio di stampa “scandalistica”?

  5. quando ho letto che la nomina era stata ratificata, ho pensato alla segnalazione di eleonora…

Comments are closed.