Qtrax ed il mercato della musica digitale

A mente fredda, il caso di Qtrax sembra essere stato un modo audace ed un po’ avventato per cercare visibilità e per far parlare di sé.

L’idea di un servizio che permettesse di scaricare gratuitamente musica pareva fin troppo bella per essere vera.
Il modello di business, basato unicamente sulle inserzioni pubblicitarie sul sito, a me era parso fin dall’inizio un po’ fragile, per non dire folle.

Nonostante questo, anche se Qtrax riuscisse veramente ad accordarsi con le major, saremmo di fronte comunque ad una bolla di sapone.
La musica presente su Qtrax sarebbe infatti ascoltabile soltanto attraverso un browser sviluppato sul motore Gecko di Mozilla, con il quale si accede al catalogo e si sceglie cosa ci interessa.
Nessuna novità, insomma.
Last.fm fa già ora quello che Qtrax promette di fare e probabilmente non farà mai.

Credo che nel mercato della musica digitale sia inutile tentare di inventarsi iniziative geniali ed innovative.
Ti piace la musica?
Ok, ti compri un Cd oppure ti scarichi le tracce da un music store qualunque.

Ti piace la musica, ma non sei disposto a spendere nulla?
Ok, ti scarichi gratuitamente quello che ti interessa e te ne freghi.

Non ci sono grosse alternative.

L’unica grossa innovazione l’hanno fatta i Radiohead, consentendo agli utenti di decidere quanto pagare per il download del loro ultimo album.
E’ vero, loro se lo possono permettere e non tutti gli artisti hanno un seguito come quello dei Radiohead.
Ma va detto che, alla fine, i veri fan il CD del loro artista preferito se lo comprano ugualmente.

E, secondo me, sono meglio spesi 20 € per un CD che non 10 € per un album in formato mp3 a 192 kps.

Luca

One thought on “Qtrax ed il mercato della musica digitale”

  1. Anche Elio e le storie tese da diversi anni ti fanno scaricare tutto, musica, video, inediti, live per 30 euro l’anno.

    Te lo immagini se lo facessero anche Celentano, Battiato, Mina, Giorgia, Ligabue, Vasco?
    Te lo immagini se lo facessero Sting, Noa, Roby Williams, Bublé o come si chiama.

    A me piacciono i telefilm, Lost, dr.House… Se li potessi scaricare tutti diciamo per 100 euro l’anno? Anche formato 512×384 per esempio.

    Adesso tutta questa roba si può scaricare tranquillamente e non pago niente.

    Se potessi scaricare legalmente pagando una cifra ragionevole, non potrebbero che guadagnarci tutti. IMHO ovviamente.

Comments are closed.