Perché l'omo è omo

E’ scandaloso che qualcuno possa pensare che ci sia meno colpa nell’uccidere la propria moglie se questa è incinta di un altro uomo.
Siamo una società maledettamente maschilista.
E tra le più convinte sostenitrici del sesso forte ci sono proprio le donne.

Condivido pienamente quello che dice Daria Bignardi nel suo blog.

Era necessario l’esame del Dna al feto di Barbara, la bimba che qualche giornale chiama Elena e qualche altro Viola? Qualcuno scrive che il movente dell’omicidio potrebbe essere stato la gelosia. Cambierebbe qualcosa, se mai si dovesse provare che il padre della figlia di Barbara non era suo marito? Era indispensabile questa ulteriore, sfacciata violenza?
Una donna incinta è stata uccisa: un pugno in faccia le ha rotto il naso, poi è stata soffocata. È importante ora stabilire di chi fosse incinta? La mia amica avvocato manda un sms: «Da anni in studio arrivano donne che vengono massacrate quotidianamente ma poi non hanno la forza per la denuncia. Tre di quelle che sono venute da me… sono morte. Ma voi sui giornali ne parlate poco. Troppo poco».
Basta leggere i dati sulle violenze per capire che quello in atto contro le donne è un genocidio che niente riesce a sconfiggere. La violenza è oscena e costante. La mancanza di rispetto è la norma. Povera Barbara. Povere tutte noi.

E’ scandaloso che qualcuno possa pensare che ci sia meno colpa nell’uccidere la propria moglie se questa è incinta di un altro uomo.

Però non ci possiamo nascondere dietro ad un dito.
Se entrate nel primo bar che vi capita e ponete la questione alla prima persona che trovate, probabilmente questa vi dirà che.. beh, se lei era stata con un altro… il marito aveva le sue ragioni ad essere arrabbiato.

Siamo una società maledettamente maschilista.
E tra le più convinte sostenitrici del sesso forte ci sono proprio le donne.

Luca